Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Permesso di soggiorno: entrambi i genitori del minore straniero ne hanno diritto

INFOLEGAL


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Permesso di soggiorno: entrambi i genitori del minore straniero ne hanno diritto

23/05/2010 - 23.11

La Corte di Cassazione, con la sentenza della prima sezione civile n. 823 del 19 gennaio 2010 ha rivisitato i presupposti che consentono ai genitori irregolari di un bimbo che si trova sul nostro territorio, di ottenere l'autorizzazione del Tribunale per i minorenni all'ingresso o alla permanenza, in ragione della vicinanza col figlio, e nel suo solo interesse.

La norma posta dall'art. 31 comma 3 del testo unico sull'immigrazione prevede che: "3. Il Tribunale per i minorenni, per gravi motivi connessi con lo sviluppo psicofisico e tenuto conto dell'età e delle condizioni di salute del minore che si trova nel territorio italiano, può autorizzare l'ingresso o la permanenza del familiare, per un periodo di tempo determinato, anche in deroga alle altre disposizioni del presente testo unico. L'autorizzazione è revocata quando vengono a cessare i gravi motivi che ne giustificano il rilascio o per attività del familiare incompatibili con le esigenze del minore o con la permanenza in Italia. I provvedimenti sono comunicati alla rappresentanza diplomatica o consolare e al questore per gli adempimenti di rispettiva competenza."

A fronte del dettato "per gravi motivi connessi con lo sviluppo psicofisico e tenuto conto dell'età e delle condizioni di salute del minore che si trova nel territorio italiano" la giurisprudenza, fino allo scorso anno, aveva chiaramente interpretato la disposizione di legge in senso restrittivo. Perche' il genitore clandestino fosse autorizzato a rimanere accanto al figlio minore, con apposito decreto del Tribunale per i minorenni, avrebbero dovuto sussistere ragioni eccezionali e eccezionalissime, connesse a malattie o disabilita' particolari, e non semplicemente il disagio del figlio a crescere senza il padre o la madre. Tutt'al piu' si era arrivati ad accordare la possibilita' (sempre provvisoria e non convertibile in una permanenza a tempo indeterminato) di ottenere il permesso di soggiorno ex art. 31 per uno dei due genitori al fine di mantenere economicamente il figlio, rendendo cosi' superflua la permanenza dell'altro sul nostro territorio.

Finalmente, confermando un proprio recente orientamento espresso con sentenza del 26 giugno 2009 (su ricorso n. 25557/08), la Corte di Cassazione ha reinterpretato (speriamo in via definitiva) la norma, non tanto e non solo in via letterale, ma inserendola nel contesto piu' ampio e internazionale di protezione del minore e del fanciullo, cui la normativa italiana si ispira. Si legge, infatti, nella sentenza, un richiamo corposo ai principi contenuti in varie fonti del nostro diritto nazionale e supranazionale: "Il Collegio reputa di non poter condividere le conclusioni contenute nella relazione apparendo il ricorso - alla luce del mutato quadro giurisprudenziale - manifestamente fondato. Infatti, con la sentenza resa su ricorso n. 25557/08 in data 26.6.2009 (quindi successivamente al deposito della relazione) la Prima Sezione di questa Corte, anche alla luce della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea (Nizza, 7 dicembre 2000), e dei diritti fondamentali in essa tutelati, - come quelli che coinvolgono direttamente o indirettamente la vita familiare (e in particolare il rapporto genitori-figli), la protezione e il rispetto della dignità umana (art. 6), il diritto al rispetto della propria vita privata e familiare (art. 7); i diritti dei minori alla protezione e alle cure necessarie per il loro benessere; i loro diritti ad intrattenere regolarmente relazioni e contatti diretti con i genitori, salvo che ciò appaia contrario al loro interesse (art. 24) - nonchè d i quelli di cui alla L. n. 184 del 1983, art. 1 (che enuncia il diritto del minore a crescere ed essere educato nella propria famiglia) e all'art. 155 c.c., (per cui il minore ha diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno dei genitori, nonchè di ricevere cura, educazione ed istruzione da entrambi) - ha escluso la correttezza delle conclusioni del giudice del merito secondo cui "la regolare permanenza in Italia del minore è garantita dalla presenza del padre, autorizzato D.Lgs. n. 286 del 1998, ex art. 31, non sussistendo invece quelle condizioni di carattere eccezionale, strettamente collegate con la salute del minore, tali da giustificare la permanenza della madre nel territorio italiano". Pare allora evidente alla Corte che, anche se un genitore e' gia' stato autorizzato a rimanere in Italia per lavorare e mantenere il figlio, cio' non di meno permane l'interesse e la tutela di quest'ultimo a mantenere i rapporti e a convivere anche con l'altro genitore: "Invero, non può ragionevolmente dubitarsi che, per un minore, specie se in tenerissima età, subire l'allontanamento di un genitore, con conseguente impossibilità di avere rapporti con lui e di poterlo anche soltanto vedere, costituisca un sicuro danno che può porre in serio pericolo uno sviluppo psicofisico, armonico e compiuto. Nè si può ritenere che l'interesse del minore venga strumentalizzato al solo fine di legittimare la presenza di soggetti privi dei requisiti dovuti per la permanenza in Italia.

Com'è noto, l'art. 31, più volte ricordato, riconosce allo straniero adulto la possibilità di ottenere un permesso di soggiorno, necessariamente temporaneo o non convertibile in permesso per motivi di lavoro." Un passo importante nell'affermazione dell'uguaglianza dei diritti fondamentali della persona nei confronti degli stranieri, e della supremazia delle norme e dei principi a tutela dell'unita' familiare e dei minori su quelle di natura amministrativa sulla regolarita' dello straniero.


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 4746 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Da quando è in vigore la legge più boicottata dai giudici della storia della Repubblicana (la...

15/07/2018 - 17:29
Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

di CRISTINA DAL MASO - È di pochi giorni fa la sentenza della Suprema Corte di Cassazione che ha...

28/05/2017 - 18:06
Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

L´interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Diritto di famiglia, tribunale di Torino: è possibile imporre al minore di frequentare...

31/03/2017 - 13:40
L´interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

Sono sempre più frequenti i casi di tragedie familiari che hanno come protagonisti, in negativo, i...

17/02/2016 - 12:53
Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Se una mattina decidi di scorrere le pagine di un notiziario giudiziario sulle decisioni dei tribunali per i...

10/12/2015 - 11:11
In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?

di MARCELLO ADRIANO MAZZOLA* - Quante condanne dovrà ancora subire l’Italia perché...

25/11/2015 - 11:51
Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Non ci sono ancora commenti


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2021 - Codice Fiscale: 97611760584