Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Ancora aperta la questione Millo-San Marino ? Rita Bernardini chiede una indagine

Cronache dai tribunali


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Ancora aperta la questione Millo-San Marino ? Rita Bernardini chiede una indagine
Maurizio Millo tra i genitori

04/03/2012 - 10.26

E’ scontro aperto fra Maurizio Millo e il giudice Francesco Morcavallo che denuncia: “Il tribunale dei minori (presieduto da Millo) è simile a quelli della Corea del Nord”. L’on.le Bernardini chiede indagine sul doppio ruolo di Millo in Italia e San Marino. Il rapporto fra l’associazione Adiantum (un’associazione che riunisce tutte le organizzazioni per la tutela dei minori) e il presidente del Tribunale dei Minori, Maurizio Millo non è dei migliori. A dividerli l’impostazione che il magistrato tende a dare alle cause che riguardano i figli di famiglie difficili, i cui genitori manifestano problemi nell’esercizio della patria potestà.

La posizione del presidente del Tribunale appare perentoria nel determinare l’affidamento dei minori ai servizi sociali, sottraendoli ai genitori ed è per questo entrato spesso in contrasto con visioni diverse maturate anche all’interno dello stesso tribunale. Due giudici minorili, Francesco Morcavallo e Guido Stanzani, hanno manifestato aperte opposizioni alle decisioni di Millo che, tramite il Csm, è riuscito a farli trasferire in un’altra città.

Il contrasto del magistrato finito per il suo atteggiamento atteggiamento sulle pagine dei giornali, tocca la Repubblica di San Marino, perchè Maurizio Millo è membro del Collegio dei Garanti della Costituzionalità delle norme. Questo aspetto non è sfuggito ai parlamentari radicali guidati dall’On.le Rita Bernardini, che hanno colto la doppia funzione, per rivolgere al governo italiano una lunga interrogazione tesa a mettere in discussione l’atteggiamento ‘perentorio’ di Millo nei confronti dei minori, ma anche il suo ruolo esercitato a San Marino. Così i deputati redicali hanno chiesto “se corrisponda al vero che il dott. Maurizio Millo sia anche membro del Collegio Garante della Repubblica di San Marino e” – citando una denuncia pubblicata dal sito Giornale. sm – “se lo stesso abbia mai usato il fax del Tribunale dei minori di Bologna al fine di inviare sentenze e provvedimenti al Supremo organo giurisdizionale della Repubblica di San Marino così utilizzando strumenti e risorse pubbliche per soddisfare esigenze proprie del suo ruolo di Giudice a San Marino e, in tal caso, se non ritenga di promuovere, con sollecitudine, l’azione disciplinare nei confronti del medesimo magistrato ai sensi dell’articolo 107 della Costituzione”.

La questione si aggrava in quanto ora la responsabile della sezione di Bagnacavallo dell’associazione “Gesef” (Genitori separati dai figli) ha presentato al comando locale della guardia di finanza un esposto per denunciare gli atti del magistrato. Non solo. La decisione con la quale il Csm ha trasferito i due giudici Morcavallo e Stanzani, è stata aspramente sconfessata dalla Corte di Cassazione, annullando il trasferimento e bachettando il Csm per non avere ascoltato le ragioni del giudice Morcavallo che aveva denunciato gravi abusi quali: “Affidamenti di bambini scarsamente motivati, provvedimenti provvisori prorogati all’infinito, un completo appiattimento del Tribunale sulle relazioni dei servizi sociali”.

Insomma sia dalla politica che dai mezzi di informazione San Marino viene posto in mezzo ad una questione delicatissima che riguarda il rapporto che le istituzioni hanno nella tutela dei bambini. Morcavallo, considerato il giudice dei bambini, in un momento particolarmente accalorato riferendosi a Millo ha definito quello di Bologna un ‘Tribunale da Corea del Nord’. L’apice dello scontro fra Morcavallo e Millo si è toccato per il caso del piccolo Devid, il neonato morto di freddo nel gennaio 2011 in Piazza Maggiore a Bologna. Morcavallo non voleva togliere la patria potestà ai genitori, visto che gli altri figli della coppia erano già collocati in una struttura protetta. Millo invece ha voluto il pugno duro e, in alcune fasi, ha gestito in prima persona il fascicolo al posto di Morcavallo.

 

LA TRIBUNA


Fonte: http://www.giornale.sm/il-giudice-millo-coinvolge-san-marino-in-uno-scontro-che-le-e-estraneo-lon-bernardini-chiede-indagine-su-doppio-ruolo-di-millo-tra-san-marino-e-italia-la-tribuna/

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 4268 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


I disegni di legge sul Condiviso in vista del testo unificato: dopo il boicottaggio dei giudici, quello della politica

di ALESSIO CARDINALE - Di recente, l’on. Spadafora ha annunciato, attirandosi le ire dei genitori...

07/04/2019 - 07:58
I disegni di legge sul Condiviso in vista del testo unificato: dopo il boicottaggio dei giudici, quello della politica

Impedimento doloso alla cura filiale. Un proto-reato di cui il Parlamento deve farsi carico con urgenza

Nel corso degli ultimi dieci anni, il tema della protezione dei soggetti più deboli ha ricevuto nel...

15/09/2018 - 02:01
Impedimento doloso alla cura filiale. Un proto-reato di cui il Parlamento deve farsi carico con urgenza

8 Marzo ormai come il 25 Novembre: le giornate delle donne solo per alimentare un business

Illuminante il sito ANSA, dove ieri comparivano in homepage 23 (si, ventitre) notizie che hanno  a che fare con l’8 marzo, i...
09/03/2018 - 09:18
8 Marzo ormai come il 25 Novembre: le giornate delle donne solo per alimentare un business

Denunce per i c.d. reati di genere, la Procura di Bologna svela i dati: archiviate nella metà dei casi

Curioso autogol per la Commissione Parlamentare d’Inchiesta sul femminicidio e su ogni forma di...

25/02/2018 - 21:01
Denunce per i c.d. reati di genere, la Procura di Bologna svela i dati: archiviate nella metà dei casi

Giugno di sangue politicamente scorretto, regna il silenzio dei media - di Fabio Nestola

Tutte in vacanza le Cassandre? In questo torrido giugno sembra che tacciano i cori della denigrazione...

01/07/2017 - 13:59
Giugno di sangue politicamente scorretto, regna il silenzio dei media - di Fabio Nestola

Linee guida di Brindisi, Non Una Di Meno: Condiviso non sempre migliore soluzione. Antiviolenza ad ogni costo

Che l’affido condiviso non sia sempre la soluzione migliore lo dice la legge, non serve che si svegli...

31/05/2017 - 14:51
Linee guida di Brindisi, Non Una Di Meno: Condiviso non sempre migliore soluzione. Antiviolenza ad ogni costo


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


C'è 1 solo commento


17.45  di giovedì 15/03/2012
scritto da  ghiat said

basta business di bambini il servizi sociali di reggio emilia una grandi mafia di bambini a emilia romagna dove il controle di tribunale dove la legee in italia ouuuufffffffffffffffffffff



1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2021 - Codice Fiscale: 97611760584