Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Lettera del maresciallo Adornato al CSM. Partita la raccolta firme

Osservatorio sul Condiviso


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Lettera del maresciallo Adornato al CSM. Partita la raccolta firme
Adornato con Rosselli Del Turco

22/10/2011 - 16.31

Partita da pochi giorni, è già arrivata a circa 500 firme, la petizione in favore di Fabrizio Adornato, Maresciallo Capo dei carabinieri che, da oltre 5 mesi, conduce una protesta individuale che lo ha portato a mettere a repentaglio anche il suo stato di salute.

Adornato, vista ll sostanziale indifferenza mostrata finora dalle Istituzioni che pure lui ha interpellato con tutti i mezzi a sua disposizione, ha scritto una lettera al CSM, che riportiamo integralmente dal sito in cui è disponibile il form per aderire alla petizione:

 

Alla c.a. Vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura On. Michele Vietti - Palazzo dei Marescialli, Roma. Onorevole Vicepresidente, sono Fabrizio Adornato, un genovese quarantaseienne Maresciallo Capo dei Carabinieri, in servizio presso il nucleo CC Banca d'Italia di Genova, che Le fa presente quanto segue: Dal 24 maggio c.a. mi trovo a Roma, "costretto" per la seconda volta a sostare presso il Quirinale, per una forma di protesta civile e non violenta, tendente a sensibilizzare il Presidente della Repubblica - in qualità di comandante supremo delle Forze Armate, nonché presidente del CSM - circa il mio calvario giudiziario.

Denuncio un degrado insostenibile sotto ogni profilo: giudiziario, psico-emotivo, economico, relazionale. Il mio grido di dolore acquista una valenza particolare: in quanto militare dell'Arma ho dedicato la mia vita a servire la Giustizia, dalla quale però ho ricevuto in cambio solo vessazioni. Tale protesta infatti prende vita dalle ripetute ingiustizie di cui sono stato attore passivo, dal 2001 sino ad oggi. La corposa documentazione, completa di tutti i dettagli, è consultabile sul blog eremita65.blogspot.com nonché sul sito www.eremita65.com.

Utilizzo sito e blog come vetrine liberamente accessibili proprio per mettere a conoscenza l'opinione pubblica degli errori compiuti da una parte della magistratura genovese che coscientemente mi penalizza con accanimento, sia nella mia vita privata che professionale. Questo mi ha costretto, con grande dispiacere, a formulare precise accuse (10 denunce) nei confronti di magistrati ed avvocati.

Ho deciso di effettuare questo tipo di protesta pubblica per sensibilizzare sull'argomento il Presidente Giorgio Napolitano. Il primo passo in tal senso è una mia lettera, datata 2/11/2010, alla quale il Quirinale rispondeva dichiarando l'incompetenza del Capo dello Stato che, non potendo intervenire direttamente, avrebbe però provveduto ad inviare la documentazione al CSM. Non ricevendo alcuna comunicazione dal CSM, nonostante a dicembre 2010 mi sia recato di persona presso i Vostri uffici per chiedere lumi circa l'iter della pratica, nel mese di marzo 2011 decidevo di dare inizio alla protesta pubblica, tramite uno sciopero della fame presso il Quirinale protratto per circa 20 giorni.

Non potendomi assentare ulteriormente dal Servizio, alla fine di marzo facevo ritorno a Genova, speranzoso che il mio gesto avesse sensibilizzato gli organi competenti. Purtroppo questa mia speranza è rimasta tale in quanto nulla è progredito verso l'applicazione della Giustizia. Quotidianamente decine di migliaia di persone come me, genitori separati, subiscono nelle aule di tribunale sulla propria pelle l'accanimento ingiustificato da parte di una minoranza di persone, solo in via teorica sono portatori di giustizia, che corre il rischio di gettare forte discredito sull'intera categoria.

In data 24 maggio, come detto in precedenza, sono tornato a Roma per riprendere la protesta pubblica basata sullo sciopero della fame. Dopo altri 33 giorni e due ricoveri in ospedale, sospendevo lo sciopero della fame continuando però il presidio nei pressi del Quirinale. Per un periodo di 20 gg ho innalzato la soglia della mia protesta, decidendo di rimanere ad oltranza anche di notte, pernottando nei pressi dell'ingresso principale delle Scuderie del Quirinale. La mia vicenda ha acquisito una risonanza nazionale ed internazionale che è andata oltre ogni mia intenzione. Diverse associazioni del privato sociale sostengono la mia iniziativa e diffondono aggiornamenti quotidiani. Siti, blog e socialnetwork dedicano enormi spazi: inserendo Fabrizio Adornato sui motori di ricerca appaiono oltre 80.000 pagine dedicate.

Il mio non è certo un caso isolato: sono divenuto involontariamente l'emblema di un disagio sociale diffuso, che abbraccia una moltitudine di persone. Le disfunzioni della Giustizia in materia di Diritto di Famiglia coinvolgono, secondo stime prudenti, circa un terzo della popolazione residente: 20 milioni di persone, tra coinvolgimento diretto ed indotto (figli, genitori, nonni, zii, cugini etc.).

Alcuni organi di stampa, alcune radio e tv locali hanno trattato la vicenda, denunciando le maglie larghe della giustizia nel mio come in troppi altri casi. Tre diverse interpellanze parlamentari, presentate in entrambi i rami del Parlamento da esponenti sia di maggioranza che di opposizione, chiedono chiarimenti al ministro della Giustizia. Preciso inoltre di aver tenuto da sempre un comportamento ineccepibile sotto ogni aspetto, elemento che ha indotto l'Arma dei Carabinieri a non ostacolare questa mia forma di protesta, permettendomi di compiere un gesto che mai prima d'ora nessun militare della Benemerita aveva fatto. L'amore nei confronti di mia figlia, la paternità negata e la dignità calpestata sono le molle che mi hanno spinto ad iniziare questa mia protesta ed ora a metterLa al corrente dell'intera vicenda.

La pratica che mi riguarda, inviata dal Quirinale presso i Vs. uffici all'inizio di novembre 2010, attualmente GIACE in VI Commissione. Conscio del fatto che Lei comprenda benissimo come cerchi di sopravvivere con la morte nel cuore, Le chiedo – per quanto possibile – di intervenire con cortese sollecitudine per porre rimedio a questa situazione, simile ad altre decine di migliaia di casi ugualmente drammatici, pur non contemplando denunce nei confronti di chi commette palesi errori.

Mi rendo disponibile per ogni ulteriore chiarimento che potrà dimostrare inequivocabilmente come sia in possesso di numerose prove circa i reati compiuti ai miei danni dai magistrati oggetto delle mie denunce, per le quali peraltro non ho ricevuto ne' contestazioni, ne' querele per calunnia, diffamazione o altro.

Cordialmente ringraziandoLa per la sua attenzione, Le porgo distinti saluti in attesa di una cortese risposta

 

Fabrizio Adornato


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 2331 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


ADIANTUM, comunicato ai social: il M5S ha tradito le attese dei genitori separati

(Napoli, 1.4.2019) A distanza di un anno dalle elezioni politiche, è evidente come l'art. 24 del...

07/04/2019 - 07:52
ADIANTUM, comunicato ai social: il M5S ha tradito le attese dei genitori separati

Attacchi all´affido condiviso, la storia si ripete

La storia si ripete. Lo scrivevo già nel marzo 2011, ma sono costretto a scriverlo ogni volta che...

22/05/2018 - 17:07
Attacchi all´affido condiviso, la storia si ripete

ISTAT boccia il falso condiviso, Adiantum: Legge svuotata nei suoi contenuti

Mentre aumentano matrimoni, separazioni e divorzi,  l’ISTAT decreta il bilancio fallimentare della...

08/03/2017 - 22:24
ISTAT boccia il falso condiviso, Adiantum: Legge svuotata nei suoi contenuti

Condiviso, depositato al Senato il ddl 2421. Rotoli: nessuno faccia ostruzionismo

"A nostro parere, questo disegno di legge è l'unico, tra i tanti e pregevoli presentati...

28/09/2016 - 11:59
Condiviso, depositato al Senato il ddl 2421. Rotoli: nessuno faccia ostruzionismo

Principio di Bigenitorialità nella Scuola, Rotoli: ogni genitore intervenga

Con la firma della Circolare n. 5336 del 2 settembre 2015, dopo ben nove anni di ritardo, veniva firmato il...

02/09/2016 - 15:03
Principio di Bigenitorialità nella Scuola, Rotoli: ogni genitore intervenga

Bigenitorialità: tra il dire ed il fare la differenza la fa ancora il tribunale

Il diritto alla Bigenitorialità, in Italia, è uno di quegli aspetti della nostra vita familiare...

24/06/2016 - 16:24
Bigenitorialità: tra il dire ed il fare la differenza la fa ancora il tribunale


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 3 commenti


10.38  di sabato 29/10/2011
scritto da  Luigi B.
IL MIO PIENO SOSTEGNO A FABRIZIO.
INVITO TUTTI A FIRMARE LA PETIZIONE, E AD TROVARE AMICI CHE FACCIANO ALTRETTANTO, NON RIMANIAMO FERMI ASPETTANDO CHE QUALCUNO FACCIA QUALCOSA.
TUTTI NOI NEL NOSTRO PICCOLO POSSIAMO E DOBBIAMO FARE QUALCOSA CHE I NOSTRI FIGLI, PER NON PERMETTERE A NESSUNO DI FARGLI DEL MALE LASCIANDOLI SOLO CON UN GENITORE.

IL PROBLEME STA´ IN UNA PARTE DELLA MAGGISTRATURA ED DA UNA PARTE DEI GENITORI CHE NON DIMOSTRANO DI ESSERE GENITORI ALL´ ALTEZZA DI ACCUDIRE AMARE ED EDUCARE IL PROPRIO FIGLIO.
GENITORI CHE SI RASSEGNANO A SENTENZE ASSURDE, SENTENZE CHE NELLA SOSTANZA RENDONO ORFANI DEI BIMBI.
ANCHE LA MAGGISTRATURA PIU´ SCETTICA SE SI TROVA DI FRONTE DEI GENITORI CHE SI DIMOSTRANO ALL´ ALTEZZA, CHE NON ACCETTANO DI ESSERE CONSIDERATI GENITORI DI SERIE B, CHE NON ACCETTANO DI ESSERE TRASFORMATI DA GENITORI A VISITATORI, INIZIERA´ AD APRIRE GLI OCCHI.
NON SI PUO´ ACCOLLARE AD UN SOLO GENITORE LA GIOIA MA ANCHE IL PESO DI CRESCERE UN FIGLIO DA SOLI.


14.54  di domenica 23/10/2011
scritto da  Luca da V ICENZA
il rispondere da parte del csm significa riconoscere la vergogna...per questo fino ad ora non lo fanno.
l´unica ripeto l´unica è che ci uniamo e cambiamo le cose.la torta cosi come è delle separazioni,delle false denunce per maltrattamenti e violazioni degli obblighi famigliari rappresenta una somma enorme per il clan degli avvocati,degli assistenti sociali.ecc SVEGLIAMOCI!!!!!!! A LORO DEI NOSTRI FIGLI DI NOI NON IMPORTA NIENTE

00.42  di domenica 23/10/2011
scritto da  Antonella Flati
CHIEDERE PUO ESSERE UN PIACERE RISPONDERE E UN DOVERE IL CSM RISPONDA AL "POPOLO" E RISPONDA ALLE ISTITUZIONI CHE CHIEDONO CON INTERROGAZIONI PARLAMENTARI DI FAR CHIAREZZA...FABRIZIO ADORNATO E SOLO LA PUNTA DI UN ICEBERG...TANTI PAPA´SONO FABRIZIO ADORNATO"


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2021 - Codice Fiscale: 97611760584