Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

La vicenda di Alessandro Piva e la sua famiglia divisa dal tribunale dei minori

Cronache dai tribunali


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


La vicenda di Alessandro Piva e la sua famiglia divisa dal tribunale dei minori
Alessandro Piva, tre figli sottratti ingiustamente

19/03/2011 - 16.49

Alessandro Piva, padre di tre figli, attraverso una lettera aperta racconta il disagio della sua famiglia. Piva, 53 anni, impiegato presso l'ospedale di Adria, ha quattro figli: una ragazza di 27 anni, nata dal primo matrimonio durato vent'anni, ed altri tre, che oggi hanno 11, 9 e 5 anni, nati dalla seconda unione con Irene (nome di fantasia), tredici anni più giovane di lui.

Irene è affetta da gravi disturbi della personalità: dopo un lungo periodo reso particolarmente felice dalla nascita di Michelangelo, era caduta in uno stato di malessere e di abulia aggravata da crisi post partum.

La sua vicenda di padre a cui sono stati sottratti i propri figli inizia il giorno di Natale 2006. Rincasato, dopo essersi assentato mezz'ora, trova la compagna sul divano in preda alle convulsioni. Piva chiama il 118 e l'ambulanza arriva in dieci minuti. Il medico, dopo l'intervento di soccorso, gli fa sapere che avrebbe segnalato il suo caso ai servizi sociali del Comune.

La discussione degenera e si diventa un acceso diverbio, in cui l'infermiera e l'autista della croce verde intervengono per impedire che i due vengano alle mani e una caduta accidentale provoca una frattura al gomito dell'autista.

Pochi mesi dopo, arrivò la comunicazione del tribunale di minori di Mestre che decretava l'affido dei figli ai servizi sociali aggravata dalla denuncia dell'autista. Nel 2008 anche la madre viene allontanata e i bambini continuano a vivere col padre, e solo otto mesi dopo vengono collocati dagli zii residenti in provincia di Bologna.

Piva ogni venerdì, ma anche ogni inizio di vacanza scolastica, raggiunge i suoi bambini dagli zii e poi se li porta a casa ad Adria fino alla domenica. La domenica è il giorno più brutto della settimana, quello degli "arrivederci" e dei "ti voglio bene" tra le lacrime. "Il cuore si strappa ogni domenica, per rimettersi in sesto ogni venerdì" racconta papà Alessandro.

A giugno 2010 Piva viene condannato a quattro mesi di reclusione (pena sospesa) e ad un risarcimento di 10 mila euro. "Continuo a lottare - spiega - per riavere i miei figli che mi sono stati sottratti ingiustamente. La situazione oggi è cambiata perché la mia ex compagna si è ripresa e ha una nuova vita".

L'obiettivo di Piva è di riunire la famiglia perchè spiega: "la finalità dell'affido è quella di ricongiungere i bambini ai loro genitori, una volta che non sussistano più le condizioni sociali ed economiche che l'hanno prodotto". "Le difficoltà economiche si stanno piano piano risolvendo - continua papà Alessandro - per cui credo fermamente che riuscirò a riunirmi ai figli".

Per trovare un ulteriore sostegno economico Alessandro Piva ha scritto la sua vicenda nel romanzo: "Sangue del mio sangue: il viaggio del dolore", edito da Garcia edizioni, basato sulla storia reale e che traccia il percorso del primo anno di affido (2008-2009). Nel seguito del romanzo, che è in gestazione e che l'autore conta di terminare per la fine del 2011, "Sangue del mio sangue: la tela di Penelope", Piva racconterà il secondo e terzo anno di affido dei suoi figli, con la certezza che questo dolore avrà presto fine.


Fonte: rovigooggi.it - Elisa Barion

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 3501 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


I disegni di legge sul Condiviso in vista del testo unificato: dopo il boicottaggio dei giudici, quello della politica

di ALESSIO CARDINALE - Di recente, l’on. Spadafora ha annunciato, attirandosi le ire dei genitori...

07/04/2019 - 07:58
I disegni di legge sul Condiviso in vista del testo unificato: dopo il boicottaggio dei giudici, quello della politica

Impedimento doloso alla cura filiale. Un proto-reato di cui il Parlamento deve farsi carico con urgenza

Nel corso degli ultimi dieci anni, il tema della protezione dei soggetti più deboli ha ricevuto nel...

15/09/2018 - 02:01
Impedimento doloso alla cura filiale. Un proto-reato di cui il Parlamento deve farsi carico con urgenza

8 Marzo ormai come il 25 Novembre: le giornate delle donne solo per alimentare un business

Illuminante il sito ANSA, dove ieri comparivano in homepage 23 (si, ventitre) notizie che hanno  a che fare con l’8 marzo, i...
09/03/2018 - 09:18
8 Marzo ormai come il 25 Novembre: le giornate delle donne solo per alimentare un business

Denunce per i c.d. reati di genere, la Procura di Bologna svela i dati: archiviate nella metà dei casi

Curioso autogol per la Commissione Parlamentare d’Inchiesta sul femminicidio e su ogni forma di...

25/02/2018 - 21:01
Denunce per i c.d. reati di genere, la Procura di Bologna svela i dati: archiviate nella metà dei casi

Giugno di sangue politicamente scorretto, regna il silenzio dei media - di Fabio Nestola

Tutte in vacanza le Cassandre? In questo torrido giugno sembra che tacciano i cori della denigrazione...

01/07/2017 - 13:59
Giugno di sangue politicamente scorretto, regna il silenzio dei media - di Fabio Nestola

Linee guida di Brindisi, Non Una Di Meno: Condiviso non sempre migliore soluzione. Antiviolenza ad ogni costo

Che l’affido condiviso non sia sempre la soluzione migliore lo dice la legge, non serve che si svegli...

31/05/2017 - 14:51
Linee guida di Brindisi, Non Una Di Meno: Condiviso non sempre migliore soluzione. Antiviolenza ad ogni costo


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Non ci sono ancora commenti


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2021 - Codice Fiscale: 97611760584