Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

La ragione dei pochi e il pensiero collettivo - di Salvatore Garofalo

Parlando con franchezza...


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


La ragione dei pochi e il pensiero collettivo - di Salvatore Garofalo

03/12/2010 - 16.10

Da qualche settimana ho preferito rimanere in silenzio. Ho scelto di stare a guardare gli eventi senza proferire parola. Ho studiato tutte le possibili dinamiche sociali, cercando con serenità di osservarle da un altro punto di vista, da un altra angolatura.

Mi sono immerso in altri modelli di pensiero per percepire la “ragione dei pochi” che si oppone al pensiero della collettività.

Ho letto e riletto i documenti che nel frattempo giungevano sul mio tavolo di lavoro, ho ascoltato le lamentele e le paure di nuovi utenti, ho rispolverato le vecchie carte.

Insomma, ho posto me stesso al di là del guado, e questa meravigliosa esperienza ha confermato quello che già sapevamo, ossia che il comune sentire della collettività è profondamente diverso dal sentire di pochi.

La collettività, e non il potere dei pochi, è il vero garante dei minori, in quanto essa vive la quotidianità della vita. Chi giudica, viceversa, sembra vivere al di fuori di qualunque contesto sociale. Chi giudica non si rende conto che qualche pagina di una sentenza non può disciplinare la vita delle persone, che sono strutture umane complesse dotate di pensiero e sentimenti, in perpetua evoluzione individuale ed inserite in un sistema sociale. L’unico risultato che la prassi può garantire al minore è quello di sfamarlo. Tutto il resto, tutte le altre decisioni lo danneggiano ed esasperano  gli animi dei genitori.

La soluzione è proprio lì, alla portata di tutti: basterebbe applicare poche regole di buon senso (permanenza dei figli presso ciascun genitore in misura pressocchè paritetica, mantenimento diretto, doppio domicilio) ed intimare i “contendenti” a rispettare i compiti genitoriali (pena pesanti sanzioni) per risolvere una buona metà dei casi di conflitto.

Se così facessero, i magistrati, come d'incanto, risolverebbero tutto in prima udienza.

Invece no. Nonostante l’evidenza – chiarissima alla gente comune - si deve necessariamente mettere in moto una macchina complessa, costosa, priva di senso, buona a tenere acceso il conflitto per alcuni anni.

Da qualche tempo ravviso che la gente ha paura ad andare in tribunale per chiedere la separazione coniugale. Siamo arrivati al punto che le persone hanno timore a rivolgersi ad una istituzione di garanzia. La gente ha paura di perdere tutto: figli, affetti, casa, denaro, averi, pensione e dignità. Ci sono utenti che non si separano per la paura di perdere la propria vita di cittadini onesti e trovarsi invischiati in mille rivoli dall'esito incerto e dal fare perverso. Si corre il rischio che una banale separazione diventi un calvario interminabile. Persino le consensuali possono trasformarsi in una lotta infinita e senza esclusione di colpi quando un giudice decide per sue personali teorie e convinzioni diversamente da quanto pattuito con intelligenza tra le parti.

La cosa che più lascia frastornati è il fatto che la gente comune ha timore del tribunale. I questo, siamo arrivati all'assurdo. Percepire la sfiducia verso l'organo giudicante mette in crisi l'intera collettività, e la giustizia viene sempre più sentita come un male da cui tenersi a debita distanza.

Per non parlare della politica. Adesso c'è chi sale sui tetti e stringe mani ai disperati per poi dimenticarsi di tutti. Nessuno di loro, prima di adesso, è andato a stringere il cuore dei tanti padri e madri disperati, oltraggiati, offesi e lesi nella loro dignità. Nessuno di loro ha fatto visita a quei padri che mangiano un piatto di minestra nei centri di accoglienza dopo che un tribunale della Repubblica li ha spogliati di tutto (nell'interesse del minore). Sono sempre pronti a qualunque promessa. Dicono tutti che nessun figlio resterà senza padre e nessun genitore senza l'amore della prole, ma sappiamo sulla nostra pelle che sono solo parole.

Ma qualcosa è cambiato, e questa volta chi ha seminato solo illusioni non troverà la porta aperta quando verrà a bussare alla porta di tanti disperati, resi tali anche dalla loro inconcludenza.

Facciamo in modo che le nostre porte siano ben serrate nel momento del “giudizio”, così come i nostri bambini trovano i loro cuori chiusi e le loro menti lontane.

Un paese che fa piangere e disperare i suoi figli non merita di far parte del mondo civile ed evoluto.


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 3462 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Il DDL Pillon tra astuzie e ingenuità. Di Marino Maglietta

I contenuti del ddl 735 sulla riscrittura dell’affidamento condiviso presentano tali scompensi rispetto...

15/09/2018 - 08:20
Il DDL Pillon tra astuzie e ingenuità. Di Marino Maglietta

Accuse tardive di molestie: anche su Tutankhamon cominciano a circolare strane voci

Sesso a tre in un hotel di Las Vegas: Sylvester Stallone avrebbe costretto una teenager a un rapporto...

30/11/2017 - 16:50
Accuse tardive di molestie: anche su Tutankhamon cominciano a circolare strane voci

Se anche ANSA falsa gli allarmi sul cosiddetto femminicidio.... - di Fabio Nestola

La costruzione di un falso allarme femminicidio ora si avvale anche del prezioso contributo...

03/05/2017 - 11:04
Se anche ANSA falsa gli allarmi sul cosiddetto femminicidio.... - di Fabio Nestola

Adesso chi ripaga Saverio De Sario del calvario durato 17 anni? - di Fabio Nestola

Si tratta dell'epilogo di una vicenda iniziata nel 2000, che avevamo già  trattato da queste...

22/04/2017 - 19:22
Adesso chi ripaga Saverio De Sario del calvario durato 17 anni? - di Fabio Nestola

Ok, senza le donne il mondo andrebbe a rotoli. E se invece si fermassero gli uomini?

8 MARZO - dal sito ANSA, con annessi tre filmati  “ (…) Le donne si asterranno...

08/03/2017 - 10:20
Ok, senza le donne il mondo andrebbe a rotoli. E se invece si fermassero gli uomini?

Fondo di Solidarietà per i separati, seconda parte - di Fabio Nestola

Lo scorso 24 gennaio pubblicavamo la notizia del decreto che finalmente concretizzava una misura prevista...

16/02/2017 - 20:08
Fondo di Solidarietà per i separati, seconda parte - di Fabio Nestola


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


C'è 1 solo commento


18.03  di venerdì 03/12/2010
scritto da  Rosario
ciao il tuo commento non fa una piega solo che a volte avendo a che fare con persone che non hanno voglio di collaborare e fanno le vittime come comportarsi.

es. diritto di visita non obligatorio quindi non si può imporrere (però chiede il condiviso)

chiedo un contributo di 75€ che non ricevo (non credo che equivalga al 50% delle effettive spese per un ragazzo di 16 anni frequentante la seconda superiore)

diritto di visita 3 giorni a settimana + 3 fine settimana con pernottamento = 16 giorni mensili (li prende solo 1 volta ogni 15 giorni dalle 17 del sabato alle 20 della domenica per sua scelta)

praticamente assente come ci si deve comportare in questi casi?


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2021 - Codice Fiscale: 97611760584