Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Illustrissimo PM Dottor Fabio De Pasquale... - di G. Galofaro

Cronache dai tribunali


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Illustrissimo PM Dottor Fabio De Pasquale... - di G. Galofaro

16/11/2010 - 20.56

Illustrissimo dottor Fabio De Pasquale, leggo sui giornali che lei, uno dei più famosi pm della procura di Milano, si è rivolto al Csm per essere tutelato nella sua onorabilità. Io per la prima volta vidi la sua firma, con data 27 marzo 2006, nell’avviso all’indagato di conclusione delle indagini preliminari n. 9880/02: «Indagato del reato punito dall’art. 388 cp per aver eluso le disposizioni della sentenza di separazione, concernenti i rapporti dei figli col padre».

Stabiliti gli orari dalle ore 18.00 alle ore 20.00 il mercoledì e poi nei weekend alternati, lei concludeva: «Il Galofaro disattendeva tali disposizioni recandosi presso la scuola dei figli in data 1 febbraio 2002 venerdì e 5 marzo 2002 martedì in Gorgonzola». Infine mi informava che potevo presentare memorie difensive e farmi interrogare dal pm.

Rimanevo a dir poco sgomento, per la prima volta in vita mia venivo sottoposto ad un procedimento penale. Non sapevo di essere stato denunciato dalla mia ex moglie per essermi recato alla scuola dei miei figli a parlare con i loro insegnanti. La madre era il genitore affidatario, ma io ero comunque il loro papà, nessun provvedimento mi vietava di recarmi alla loro scuola. Certo li avevo incontrati a scuola, ma non li avevo portati via. L’ex art. 155 cc, affermava che il genitore non affidatario ha il dovere di vigilare sulla crescita ed educazione dei figli, quindi mi domandavo: come è possibile che l’illustrissimo dr. De Pasquale non abbia capito la natura strumentale di tale denuncia? Come è possibile che non abbia capito che il padre che si reca alla scuola dei figli non commette alcun reato, al contrario esercita un dovere?

Alcun giorni dopo mi recai nel suo ufficio. Lei non c’era, parlai con due suoi collaboratori, facendo loro presente quanto sopra e chiedendo di essere interrogato dal pm. Mi spiegarono che dovevo prendere appuntamento e presentarmi con un avvocato difensore. Risposi che non avevo soldi da spendere per un avvocato, che l’imputazione era assurda ed era dovere del pm capire la natura strumentale della denuncia e che c’era reato.

Fiducioso ripresi la mia vita normale. Ma circa due anni dopo lei mi mandò una citazione. Scoprii di essere imputato, che dovevo comparire davanti al giudice penale della sezione staccata di Cassano D’Adda in data 13 marzo 2008, per rispondere dei capi di imputazione di cui sopra. Quel giorno come pm c’era una sua collega. Il giudice mi comunicò che la mia ex moglie aveva fatto pervenire la remissione della denuncia, il mio avvocato e lo stesso giudice mi pressarono per l’accettazione della remissione di querela. Avrei voluto una sentenza di assoluzione in cui si affermasse che non avevo commesso alcun reato, ma secondo il mio avvocato avrebbe comportato altre udienze ed altri costi, decisi quindi di accettare la remissione.

Illustrissimo dr. De Pasquale, adesso lei chiede al Csm di tutelare il suo onore. Credo sia doveroso tutelare l’onore di tutti i magistrati che lavorano correttamente ed onestamente. Così, per tutelare l’onore ed il prestigio della magistratura, credo sia doveroso per il Csm sanzioni i pm che come lei mandano sotto processo dei poveri cittadini senza minimamente approfondire se hanno effettivamente commesso dei reati e senza capire la natura strumentale di una denuncia.

Nel febbraio 2006 il Parlamento a larga maggioranza approvò la legge sull’affido condiviso dei figli, recependo una società che cambia, dove non tutti i papà sono uguali e non tutte le mamme sono uguali. Ma dentro le aule di giustizia nulla è cambiato: si sono inventati il «genitore collocatario», ma il papà in caso di denuncia è sempre il presunto colpevole. Dunque, perché il Csm non interviene per verificare se la Legge 54/2006 viene applicata nelle nostre aule di giustizia? Perché non interviene contro quei pm che sistematicamente mandano sotto processo i papà senza verificare la fondatezza del reato e la natura strumentale delle denunce?  


Fonte: ilgiornale.it

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 9402 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


I disegni di legge sul Condiviso in vista del testo unificato: dopo il boicottaggio dei giudici, quello della politica

di ALESSIO CARDINALE - Di recente, l’on. Spadafora ha annunciato, attirandosi le ire dei genitori...

07/04/2019 - 07:58
I disegni di legge sul Condiviso in vista del testo unificato: dopo il boicottaggio dei giudici, quello della politica

Impedimento doloso alla cura filiale. Un proto-reato di cui il Parlamento deve farsi carico con urgenza

Nel corso degli ultimi dieci anni, il tema della protezione dei soggetti più deboli ha ricevuto nel...

15/09/2018 - 02:01
Impedimento doloso alla cura filiale. Un proto-reato di cui il Parlamento deve farsi carico con urgenza

8 Marzo ormai come il 25 Novembre: le giornate delle donne solo per alimentare un business

Illuminante il sito ANSA, dove ieri comparivano in homepage 23 (si, ventitre) notizie che hanno  a che fare con l’8 marzo, i...
09/03/2018 - 09:18
8 Marzo ormai come il 25 Novembre: le giornate delle donne solo per alimentare un business

Denunce per i c.d. reati di genere, la Procura di Bologna svela i dati: archiviate nella metÓ dei casi

Curioso autogol per la Commissione Parlamentare d’Inchiesta sul femminicidio e su ogni forma di...

25/02/2018 - 21:01
Denunce per i c.d. reati di genere, la Procura di Bologna svela i dati: archiviate nella metÓ dei casi

Giugno di sangue politicamente scorretto, regna il silenzio dei media - di Fabio Nestola

Tutte in vacanza le Cassandre? In questo torrido giugno sembra che tacciano i cori della denigrazione...

01/07/2017 - 13:59
Giugno di sangue politicamente scorretto, regna il silenzio dei media - di Fabio Nestola

Linee guida di Brindisi, Non Una Di Meno: Condiviso non sempre migliore soluzione. Antiviolenza ad ogni costo

Che l’affido condiviso non sia sempre la soluzione migliore lo dice la legge, non serve che si svegli...

31/05/2017 - 14:51
Linee guida di Brindisi, Non Una Di Meno: Condiviso non sempre migliore soluzione. Antiviolenza ad ogni costo


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 10 commenti


00.08  di venerd├Č 03/12/2010
scritto da  giuseppe (Bologna)
Gentile signor Galofaro,la capisco e condivido in pieno la sua esternazione ed indignazione,non Le dico quanto accaduto al sottoscritto dopo che mio figlio divenuto maggiorenne prese la decisione di venire a vivere con me....la realt├á supera la fantasia.Purtroppo in Italia essere padri non ├Ę un Valore, ├Ę una Colpa...!!!!

15.19  di gioved├Č 18/11/2010
scritto da  L.
Sig. Garofalo non s├á quanto La capisco. Io sono un papa´ naturale e fui "costretto ad accettare" due cambi di residenza senza dire la mia perch├Ę appena ci provai il G. disse" e io faccio verbale pro la Signora". I cittadini, Padri come noi veniamo offesi da queste persone CHE NON VOGLIONO SENTIR PARLARE DI DIRITTO DEL MINORE.
Be´ glielo ricorderemo noi, i ns figli.....quando saranno sostituiti , in pensione e soli.

13.49  di gioved├Č 18/11/2010
scritto da  Mario Lodigiani
Ciao caro Giorgio, condivido pienamente le tue parole, del resto per chi ├Ę costretto ad essere spettatore di un diritto di famiglia cosi poco sensibile e che continua a tritare la carne degli innocenti, ci├▓ che hai scritto lo hai fatto con classe e signorilit├á, quella che ti ha sempre contraddistinto conoscendo la tua storia,un saluto Mario.

09.05  di gioved├Č 18/11/2010
scritto da  Augusto O.
Ma se si querela un PM, si ha come risultato immediato la sua sospensione dalla magistratura in attesa del processo o no? Perch├Ę mi sa tanto che le misure "vessatorie" siano sempre a senso unico e non valga la propriet├á simmetrica: se A vessa B con un atto legittimo, B pu├▓ vessare A con uno stesso atto....

19.06  di mercoled├Č 17/11/2010
scritto da  Diego Alloni
Nella storia di Giorgio, precisa e puntuale in ogni particolare (che abbiamo condiviso come associazioni), vi ├Ę un aspetto ancora pi├╣ grave.
Il procedimento ├Ę stato iniziato il 27 marzo 2006, quando Giorgio era candidato alle elezioni per il Parlamento del 9-10 aprile 2006.
Le querele strumentali contro i padri vengono quindi usate per limitare la loro libertà di partecipazione politica, coerentemente a tutte le misure di vessazione economica disposte nei decreti-separazione/divorzio, che limitano i diritti fondamentali del cittadino-papà separato.





1 - 2


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2021 - Codice Fiscale: 97611760584