Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Minacce di morte al coniuge per indurlo a lasciare la casa: stalking o estorsione?

INFOLEGAL


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Minacce di morte al coniuge per indurlo a lasciare la casa: stalking o estorsione?

12/07/2010 - 22.37

Di Domenico Prosciutto. Quale reato si configura in caso di minaccia di morte per indurre il coniuge affidatario dell'appartamento a lasciarlo ? Il caso. Tizio costringeva la moglie, alla quale prima in sede di separazione poi in sede di divorzio era stato affidata l'abitazione coniugale di proprietà dei familiari del ricorrente, con ingiurie e minacce di morte, ad abbandonare la detta abitazione e trasferirsi altrove.

Per questo motivo con sentenza del 26.2.2008 la Corte di appello di Napoli confermava la sentenza emessa dal GUP del Tribunale di S. Maria C.V. in data 4.6.2006 di condanna del ricorrente per il reato di estorsione alla pena di anni due, mesi due di reclusione ed Euro 300,00 di multa.

Ricorre l'imputato che con un primo motivo allega che manca l'elemento dell'ingiusto profitto perchè l'abitazione non era di proprietà della parte offesa e questa aveva già manifestato l'intenzione di trasferirsi altrove. Inoltre le dichiarazioni della donna erano prive di sostanziali conferme. Infine, al più, era ravvisabile il reato di cui all'art. 393 c.p. in quanto il ricorrente poteva adire il giudice per ottenere l'immobile che era di sua proprietà.

Sintesi della questione

In questa sentenza, il comportamento di chi minaccia di morte la moglie per indurla a lasciare la casa che il giudice le aveva assegnato in sede di separazione, viene qualificato come estorsione, ma essa si riferisce a fatti accaduti prima che entrasse in vigore l’articolo 612 bis.

Di recente una sentenza di merito ha qualificato tale condotta come stalking, sul presupposto che, in caso di concorso di norme, debba prevalere il criterio cronologico.

In realtà, nonostante il legislatore abbia introdotto questa nuova figura denominata stalking, alla fattispecie de quo deve ritenersi ancora applicabile l’articolo 629. Il reato di estorsione è infatti più grave rispetto allo stalking, ed è lo stesso articolo 612 bis che prevede che tale norma si applichi “salvo che il fatto non costituisca un più grave reato”.

La sentenza

Il ricorso, stante la sua manifesta infondatezza, va dichiarato inammissibile.

Circa il primo motivo i giudici di merito hanno accertato che in seguito alle minacce, insulti ed atti di violenza posti in essere dall'imputato la moglie fu indotta a lasciare l'abitazione che le era stato affidato sia in sede di separazione che di divorzio. Tali episodi emergono dalle precise ed univoche dichiarazioni rese dalla p.o. e il giudice di primo grado ha indicato i riscontri derivanti dalle dichiarazioni rese dai testi I., G.S., S.A., M.G..

Il motivo è assolutamente generico perchè ignora le dette dichiarazioni e non sottopone neppure a specifiche censure le dichiarazioni della moglie. L'ipotesi che la stessa abbia volontariamente abbandonato l'appartamento perchè desiderava spostarsi altrove è smentita dalle sentenze di merito e non vengono indicati gli elementi dai quali questa ipotesi sarebbe confermata.

Pur essendo l'appartamento di proprietà dei familiari del ricorrente l'ingiusto profitto è evidente, posto che l'imputato, essendo stato l'immobile affidato alla moglie sia in sede di separazione che di divorzio, non ne aveva la disponibilità.

Quanto all'ultima doglianza circa l'applicabilità dell'art. 393 c.p., il motivo è generico. Certamente l'imputato poteva in astratto adire il giudice ma facendo valere ragioni di diritto che non vengono nemmeno indicate.

Ai sensi dell'art. 616 cod. proc. pen., con il provvedimento che dichiara inammissibile il ricorso, l'imputato che lo ha proposto deve essere condannato al pagamento delle spese del procedimento, nonchè - ravvisandosi profili di colpa nella determinazione della causa di inammissibilità - al pagamento a favore della Cassa delle ammende della somma di mille Euro, così equitativamente fissata in ragione dei motivi dedotti.


Fonte: Altalex

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 3265 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Da quando è in vigore la legge più boicottata dai giudici della storia della Repubblicana (la...

15/07/2018 - 17:29
Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

di CRISTINA DAL MASO - È di pochi giorni fa la sentenza della Suprema Corte di Cassazione che ha...

28/05/2017 - 18:06
Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

L´interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Diritto di famiglia, tribunale di Torino: è possibile imporre al minore di frequentare...

31/03/2017 - 13:40
L´interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

Sono sempre più frequenti i casi di tragedie familiari che hanno come protagonisti, in negativo, i...

17/02/2016 - 12:53
Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Se una mattina decidi di scorrere le pagine di un notiziario giudiziario sulle decisioni dei tribunali per i...

10/12/2015 - 11:11
In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?

di MARCELLO ADRIANO MAZZOLA* - Quante condanne dovrà ancora subire l’Italia perché...

25/11/2015 - 11:51
Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Non ci sono ancora commenti


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584