Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Se le parole hanno ancora un senso....- di Angelo Grasso

Io penso che...


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Se le parole hanno ancora un senso....- di Angelo Grasso

16/06/2010 - 23.46

Per dare l’idea di quanto la Legge 54/2006 sull’Affido Condiviso non sia messa in pratica e quanta opposizione vi sia contro di essa da parte degli “addetti ai lavori”, desidero raccontarvi questo episodio.

Durante l'incontro di venerdì 4 giugno, ad un certo punto, la psicologa nominata dal Tribunale di Torino per la CTU ha affermato “Non è detto che l'Affidamento Condiviso debba voler dire per forza il 50%. Può anche essere il 30% o il 20%”.

Prendo atto della grave forma di prevenzione nei confronti di una Legge dello Stato, in particolare dell'art. 155 del Codice Civile, modificato dalla Legge 54/2006, che dice che “Anche in caso di separazione personale dei genitori il figlio minore ha il diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno di essi”.

Il dizionario della Lingua Italiana Garzanti, alla voce “Equilibrato” dice: “Distribuito in maniera uniforme”. Lo stesso dizionario definisce l’aggettivo “uniforme” con “uguale, omogeneo”.

Se le parole hanno ancora un senso e un loro preciso significato in questo paese, penso che quanto sopra sia sufficiente a dimostrare che la Legge sull’Affido Condiviso sia abbastanza chiara e che preveda tempi pressoché uguali di permanenza del minore con entrambi i genitori. Ma come si può pensare che un affido super-sbilanciato (80% - 20%) possa essere definito “condiviso” ???


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 2449 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


La storia di Pasquale: dopo 8 anni non vedo e non sento i miei figli

E' passato un altro anno, e la mia situazione non cambia, ma peggiora,  e tutto questo...

07/04/2019 - 10:23
La storia di Pasquale: dopo 8 anni non vedo e non sento i miei figli

False accuse di abuso sessuale, effetti della calunnia. Come si distrugge una persona

La mia ex, di nazionalità straniera, che ho amato alla follia e dalla cui relazione è nata una...

09/03/2017 - 12:40
False accuse di abuso sessuale, effetti della calunnia. Come si distrugge una persona

Loris. Tutti gli uomini sono violenti.... tranne il marito della Panariello

Depositate le motivazioni della sentenza di condanna per Veronica Panarello (dalla Redazione...

14/02/2017 - 18:19
Loris. Tutti gli uomini sono violenti.... tranne il marito della Panariello

Quando indagine ISTAT fa rima con bufala. Ogni 25 novembre

"....Sono 3 milioni e 466mila in Italia le donne che hanno subito stalking da parte di qualcuno...

25/11/2016 - 11:06
Quando indagine ISTAT fa rima con bufala. Ogni 25 novembre

Le pari opportunitÓ sono impari, e questo non favorisce le pari opportunitÓ tra genitori - di Ed

Negli utlimi giorni ho fatto una ricerca accurata sulla questione delle "pari...

29/09/2016 - 14:57
Le pari opportunitÓ sono impari, e questo non favorisce le pari opportunitÓ tra genitori - di Ed

La difesa della violenza a sesso unico. Quello che succede oggi viene pianificato da tempo

In un recente articolo di Fabio Nestola ADIANTUM, in relazione all'attività di moral...

04/04/2016 - 11:45
La difesa della violenza a sesso unico. Quello che succede oggi viene pianificato da tempo


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 4 commenti


10.56  di luned├Č 28/06/2010
scritto da  mirella
"Equilibrato" nel senso della maggioranza dei giudici vuole ancora dire con la mamma che diventa genitore prevalente e collocatario.
Nell´ultimo ricorso presentato da Andrea in Corte d´Appello il Presidente del Consiglio di Giudici ha ascoltato brevente i due avvocati e senza sentire i genitori, si ├Ę alzata e ha detto: "rigetto il ricorso". Il ricorso era ampiamente motivato da parte del padre che pur avendo gi├á un´ampia possibilit├á di vendere il figlio (1+3 giorni nella settimana del weekend alternato, da scuola a scuola, e 2 giorni nell´altra settimana)vedeva la 1^ sentenza del Tribunale dei Minori di Bologna stabilire il genitore prevalente e collocatario nella persona della madre e la somma di Euro 250,00 mensili da versare, pur percependo la madre uno stipendio maggiore. Nel ricorso il padre (il bambino va in 1^ elementare a settembre)chiedeva, di stare con il bambino nei pomeriggi di assenza della madre per lavoro per aiutarlo negli studi (al posto della nonna materna, chiedeva inoltre di ridurre l´assegno di mantenimento proprio in virt├╣ del maggiore stipendio della madre). Non credo che i Giudici abbiamo letto una riga del ricorso e poi parliamo di applicazione della legge in favore del benessere dei bambini, di verifica dei redditi. Credo invece che la maggioranza degli assistenti sociali non faccia pervenire al Giudice alcuna indicazione se interviene chiamata dal Giudice e il Giudice, se non ci sono problemi gravi per il bambino mantiene, nelle sentenze, uno standard stabilito a priori per tutti i Giudici di quel Tribunale, in questo modo si lavora meno e pi├╣ facilmente, nessuno si chiede qual´├Ę il bene del bambino.

18.49  di gioved├Č 17/06/2010
scritto da  Zucchelli Fabrizio
Completamente daccordo con Pino. Lascio un commento a tal proposito che ho postato qualche giorno nel mio gruppo su fb :

.......Il futuro deve essere anche quello di fondare un partito politico che finalmente ci dia voce in parlamento.

Io sono anarchico ( nel vero senso del termine ) potrei abbassarmi ai giochi di potere solo per aiutare tanti bambini innocenti ( compreso il mio ) a salvarsi da questa massa di deficienti che pretendono di insegnarci cosa sia il bene dei nostri figli. Gli elementi che compongono questa massa sono variegati e ben agguerriti, gli conosciamo tutti molto bene, sono indisposti a perdere il loro squallido potere.

Purtroppo anche molti padri, in realtà sono inconsapevoli delle loro ragioni e si adattano a delle piccole conquiste : una notte in più...un pomeriggio in più col bambino...IDIOZIE !!
I tempi sono maturi per organizzarci ed eleggerci noi stessi in parlamento a rotazione o a caso. Il nostro rappresentante non pu├▓ sedere in parlamento che per un tempo il pi├╣ limitato possibile per poi dare spazio ad un altro e cos├Č ancora.
Questa cosa deve partire dal basso. Poche e semplici idee :

LA CASA VA ASSEGNATA AI FIGLI E I GENITORI DEVONO TURNARE

IL TEMPO DIVISO EQUAMENTE

Tutte le altre questioni non attinenti a questo progetto saranno discusse in forma di democrazia diretta attraverso
computer o qualche altro mezzo e il/i nostri rappresentanti temporanei dovranno adattarsi al volere del gruppo


UN saluto


09.41  di gioved├Č 17/06/2010
scritto da  Pino FALVELLI
Concordo perfettamente con quanto scrive l´ autore di questo scritto. E´ UNA VERGOGNA !!! I politici e le Istituzioni prendato atto di come Giudici, legali senza scrupoli, CTU, Psicologi,servizi sociali, ecc. ecc. possano "rovinare" gli uomini ed i loro figli che, loro malgrado, si ritrovano a dover vivere il dramma della separazione. E tutto questo solo per favorire le donne, spesso, in malafede. Occorre una seria ed urgente riforma alla legislazione esistente in materia che obblighi gli addetti ai lavori a rispondere per le proprie responsabilit├á e per i provvedimenti emessi in modo "vistosamente di parte". Questo tipo di riforma, per├▓, non piace a nessuno, tranne che alle "vittime" delle separazioni, perch├Ę ci sono troppi interessi che ruotano intorno alle stesse separazioni. Forse l´ unica soluzione ├Ę creare un "Movimento" completamente, indipendente da tutti gli attuali partiti, che porti in Parlamento tali problematiche in modo serio ed obiettivo, senza fare distinzioni di sesso.I separati in Italia sono circa 8 milioni; costituiscono una grande forza !

09.18  di gioved├Č 17/06/2010
scritto da  Albi
E´ una chiara ingiustizia, ma la cosa incomprensibile ├Ę il perch├Ę di questa ingiustizia. E´ sotto gli occhi di tutti, ma questi magistrati fanno il cavolo che vogliono loro. PERCHE´ ???


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584