Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Pedofilia, il Papa chiede perdono alle vittime: "mai piu´ abusi"

News e Comunicati Stampa


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Pedofilia, il Papa chiede perdono alle vittime:

11/06/2010 - 21.56

"Chiediamo insistentemente perdono a Dio e alle persone coinvolte", per gli abusi nei confronti dei minori commessi da religiosi - ha detto oggi il Papa celebrando la messa di conclusione dell'Anno sacerdotale a piazza S.Pietro - e "intendiamo promettere di voler fare tutto il possibile affinché un tale abuso non possa succedere mai più".

In piazza S.Pietro messa per il Sacratissimo cuore di Gesù con la quale si chiuderanno, simbolicamente, gli eventi per la chiusura dell'anno sacerdotale. Un evento senza precedenti, che vede 15 mila concelebranti che riempiono, con i loro paramenti bianchi, l'intera piazza. Il Papa è arrivato in jeep scoperta e, giunto all'altare, ha svolto il rito dell'aspersione con l'acqua benedetta.

Il Papa ha aperto la sua omelia parlando del sacerdozio, definendo l'anno sacerdotale un "anno di gioia per il sacramento", nel corso del quale sono "venuti alla luce i peccati di sacerdoti, soprattutto l'abuso nei confronti dei piccoli, nel quale il sacerdozio come compito della premura di Dio a vantaggio dell'uomo viene volto nel suo contrario". E, dopo aver chiesto perdono a "Dio ed alle persone coinvolte", ha promesso "di voler fare tutto il possibile tutto il possibile affinché un tale abuso non possa succedere mai più" e che "nell'ammissione al ministero sacerdotale e nella formazione durante il cammino di preparazione ad esso faremo tutto ciò che possiamo per vagliare l'autenticità della vocazione". "Vogliamo ancora di più accompagnare i sacerdoti nel loro cammino - ha proseguito - affinché il Signore li protegga e li custodisca in situazioni penose e nei pericoli della vita".

Il sacerdozio non è "semplicemente 'ufficio', ma sacramento": lo ha ribadito Benedetto XVI nell'omelia della messa definendo l'ordinazione "segno dell'audacia di Dio che si serve di un povero uomo al fine di essere, attraverso lui, presente per gli uomini e di agire in loro favore".

La Chiesa, colpita dalla crisi delle vocazioni sacerdotali, chiede "operai per la messe di Dio" una richiesta che è essa stessa "un bussare di Dio al cuore di giovani che si ritengono capaci di ciò di cui Dio li ritiene capaci". Lo ha detto il Papa in piazza S.Pietro. "Era da aspettarsi - ha aggiunto il pontefice - che al 'nemico' questo nuovo brillare del sacerdozio non sarebbe piaciuto; egli avrebbe preferito vederlo scomparire, perché in fin dei conti Dio fosse spinto fuori dal mondo. E così è successo - ha aggiunto - che, proprio in questo anno di gioia per il sacramento del sacerdozio, siano venuti alla luce i peccati di sacerdoti, soprattutto l'abuso nei confronti dei piccoli, nel quale il sacerdozio come compito della premura di Dio a vantaggio dell'uomo viene volto nel suo contrario". Un segno del maligno di fronte al quale il Papa ha chiesto perdono "a Dio e alle persone coinvolte", promettendo di fare "tutto il possibile affinché un tale abuso non possa succedere mai più".

Come il pastore, che ''ha bisogno del bastone'' per proteggere il suo gregge, e del ''vincastro che dona sostegno ed aiuta ad attraversare passaggi difficili'', anche la Chiesa ''deve usare il bastone del pastore, il bastone col quale protegge la fede contro i falsificatori, contro gli orientamenti che sono, in realta', disorientamenti''. Lo ha detto papa Benedetto XVI. ''Proprio l'uso del bastone - ha aggiunto - puo' essere un servizio di amore. Oggi vediamo che non si tratta di amore, quando si tollerano comportamenti indegni della vita sacerdotale'', ha concluso alludendo alle coperture degli scandali di pedofilia. 

''Al tempo stesso, pero', il bastone deve sempre di nuovo diventare il vincastro del pastore - ha aggiunto il pontefice - vincastro che aiuti gli uomini a poter camminare su sentieri difficili e a seguire il Signore''. Entrambe le cose, la severita' e il sostegno - ha insistito il Papa - ''rientrano nel ministero della Chiesa'' e ''del sacerdote'', e devono servire contro i ''comportamenti indegni della vita sacerdotale'', ma anche per proteggere la fede ''contro i falsificatori'', e per non far ''proliferare l'eresia, il travisamento e il disfacimento della fede''.


Fonte: ANSA

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 1359 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

Una nutrita schiera di associazioni e organizzazioni a tutela dei diritti civili della famiglia, a seguito...

07/04/2019 - 11:01
Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Il percorso del DDL Pillon in Parlamento si rivela meno facile di quanto non potesse sembrare. Anche...

15/09/2018 - 08:52
DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Un breve articolo compare il 15 aprile sul portale Studio Cataldi, sempre molto utile per dottrina ed...

13/04/2017 - 11:08
Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

Ieri sera in prima serata su Rai 2 nella trasmissione "Nemo – nessuno escluso", il Dott....

14/04/2017 - 21:20
Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Francesco D’Auria, Segretario nazionale Adiantum, lancia un appello a tutti i genitori...

19/03/2017 - 12:20
19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali

Interpellanza al Presidente del Consiglio, da parte del deputato Emanuele Scagliusi (M5S) in materia di...

21/11/2016 - 15:55
Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Non ci sono ancora commenti


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584