Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Assoluzione per i falsi abusi della bassa modenese. Come far perdere 4 figli e farla franca

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Assoluzione per i falsi abusi della bassa modenese. Come far perdere 4 figli e farla franca

11/06/2010 - 13.27

Di Massimo Bonaventura. La caccia alle streghe ha sempre funzionato, tanto nel passato - allora era sufficiente una semplice diceria per eliminare povere donne e uomini innocenti  - così come nel presente.

Oggi si preferiscono mezzi più moderni, ma la sostanza è sempre la stessa: la diceria ha trovato ospitalità nella rete web, dove moderni aspiranti cacciatori di stregoni urlano slogan terrificanti e dipingono una società invasa da pedofili in agguato ad ogni angolo di strada; le false accuse trovano asilo nelle aule dei tribunali penali e minorili, dove un rito senza contraddittorio fa sembrare queste istituzioni non troppo distanti dalla santa inquisizione di quel tempo che fu; padri e madri, indistintamente, vengono "uccisi socialmente" ed eliminati di fatto.

E' una morte dell'anima, non del corpo, ma è peggio che bruciare sul rogo.

E ancora oggi, come allora, c'è chi perde la propria famiglia, i propri figli, e chi lo ha consentito la fa franca. I moderni inquisitori arrivano all'improvviso, di soppiatto, e con fare felpato ti distruggono la vita. Tanto, se sbagliano, pagano poco o niente, e banti con il prossimo caso.

Odio profondamente questa gente impunita - Voi no ? -, e leggendo dei poveri coniugi Covezzi/Morselli non posso fare a meno di immaginare i nostri inquisitori del terzo millennio  - quelli che segnalano, accusano, confermano, puntano il dito... - nel loro fare quotidiano, mentre accudiscono i propri figli, preparano da mangiare, escono per strada a salutar gli amici....ma come fanno ?

Dove trovano il fegato di dormire tranquillamente di notte, dopo aver fatto errori madornali di giorno ?

Tutto questo è insopportabile, lo sanno bene anche Delfino Covezzi e Lorena Morselli, i coniugi di Massa Finalese (Modena) accusati di aver commesso abusi sessuali sui loro quattro figli. Da ieri i due vivono il loro primo giorno da innocenti: la corte d’Appello di Bologna li ha assolti perché il fatto non sussiste, ribaltando la sentenza del Tribunale di Modena che in primo grado, nel 2002, li condannò a 12 anni.

La loro storia fece il giro d’Italia perché marito e moglie, in un primo momento, furono accusati anche di riti satanici nei cimiteri della bassa Modenese. L’indagine, nata nel 1998 dal racconto di un bambino, coinvolse i parenti della coppia e anche un prete, don Giorgio Govoni, morto di crepacuore e ‘assolto’ post mortem. Oggi la Chiesa modenese chiede a gran voce la sua beatificazione.

Con la pronuncia della corte di appello crollano le mura del castello di carta costruito dall'accusa: da novembre di quell’anno (2002) Lorena e Delfino non vedono più i loro figli, oggi affidati ad altre famiglie e residenti in località segrete. 

E ora che si fa ? Chi pagherà per tutto questo ?

La coppia ha un altro figlio, e per non perderlo (c'era il concreto timore che gli imbecilli di cui sopra sottraessero anche il neonato) Lorena Morselli si è trasferita in Francia, mentre il marito è rimasto ad abitare nel Modenese. Ci sono voluti dodici anni per riconoscere una verità palese fin dall’inizio. Una famiglia è stata distrutta, i servizi sociali che hanno seguito il caso e i giudici di Modena hanno dato credito a testimonianze veramente deliranti. Il risultato è stato che la famiglia Covezzi è stata letteralmente perseguitata e ha perso quattro figli. E' un’utopia ricostruire questo nucleo, visto che quei bambini, ormai adulti, non considerano più Delfino e Lorena loro genitori.

E mentre cresce l'attesa per l'esito sui presunti abusi di Rignano Flaminio (altro "fattaccio" italiano, ne vedremo delle belle anche lì...), questa storia ci insegna tante cose: la pedofilia esiste, così come esisteva cinquant'anni fa, e bisogna tener d'occhio i nostri bambini. A chi ha sollevato il coperchio di questo fetido pentolone va il merito di aver dato la forza, a chi non ne aveva per pudore e vergogna, di denunciare gli abusi che prima rimanevano celati nell'ambito familiare.  Però, allora come adesso, manca un pezzo per comporre il puzzle: i tribunali non sono preparati ad arginare il fiume in piena di accuse che da questa "rivelazione familiare" derivano. Pochi giudici, peritus peritorum, hanno mezzi cognitivi autonomi e una buona preparazione per capire chi è colpevole, e chi è vittima di false accuse. Egli, sempre di più, finisce con il delegare le soluzioni giudiziarie a terzi (assistenti sociali e psicologi ASL, in primis) i quali, così facendo, diventano essi stessi "magistrati giudicanti" senza toga. La sorte di una famiglia dipende dalla competenza (o dalla incompetenza) di tizio e caia.

E mentre la famiglia Covezzi cerca di rimuovere le proprie macerie affettive, tizio e caia sentenziano ancora allegramente, e la fanno franca. Il passato non conta più, avanti con il prossimo errore.


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia č stata letta 6359 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

La pazienza è finita. Questa, in sintesi, la presa di posizione di numerose...

07/04/2019 - 14:53
26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Di ALESSIO CARDINALE* - Sono trascorsi ormai più di dodici anni dalla entrata in vigore della legge n....

15/09/2018 - 00:53
Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

È quanto riportano le agenzie: dall’inizio dell’anno sono 16 le donne sospese dal...

12/03/2018 - 11:09
Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

A leggere certa roba viene il voltastomaco. 

Ormai, nel dilagante...

09/08/2017 - 07:09
Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Oh, ecco com’è stata recepita dal Ministro la vibrante protesta AIAF.....Il MIUR riconosce che...

02/05/2017 - 13:34
AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

L’ISTAT pubblica un’analisi dei dati emergenti dalla giurisprudenza 2005/2015, ed ammette la...

11/04/2017 - 11:51
Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?


Le Notizie piů Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 6 commenti


20.45  di lunedì 14/01/2013
scritto da  Nemo
Errori continuano a farne anche oggi, solo che sono diventati piu´ furbi in quello che documentano e che non documentano. Nuova generazione di assistenti sociali ma della stessa identica razza.
Ma qualcuno controlla mai il loro operato?

11.19  di giovedì 05/04/2012
scritto da  antoniocetraro
ho letto le sentenze di tutte quelle persone distrutte dalla ferocia crudeltà di certe sentenze da parte di psicologi perchè loro malate alla fine di questi processi cui io e mia moglie siamo state vittime certo in primis i minori.abbiamo subito 7 anni di tortura carcere in un luogo dove non mi appartiene siamo sopravvissuti al sequestro tortura da parte del mio stato cui invece di proteggerci.Assistetero tutti alla nostra tortura distruzione come persone perchè il mio mondo era il lavoro il cantare suonare non avevo mai sentito la parola pedofilia fa pure schifo la pronuncia pedofilia sono addolorato distrutto di come lo stato ci violentò dico stato perchè i giudici sono lo stato.sono 8 anni che cerco la verità aiutatemi a cercare la verità.


01.37  di sabato 06/11/2010
scritto da  renato
bellissimo articolo vorrei eseere contattato da chi ha scritto questo articolo per una collaborazione sull´argomento
email
bulren@live.it
cell 338-2112740

16.42  di venerdì 11/06/2010
scritto da  il caso Viola
altra bambina allontanata da casa per nulla. Ecco le parole della P.M. sulla perizia della ginecologa Cristiana Maggioni:

"vi è amplissima documentazione, fotografica questa volta, quindi qualche cosa che reggerà fino in Cassazione, che contraddice in una maniera così totale le dichiarazioni della dott.ssa M., che viene da chiederci se sia una totale incompetente o se sia una persona in mala fede. Se io dovessi pensare che è una persona in mala fede dovrei chiedere la trasmissione degli atti per falsa perizia. "

Fonte: http://www.falsiabusi.it/area_giur/diritto/siciliano.html


16.39  di venerdì 11/06/2010
scritto da  il caso AlessandraB
Altra bambina che fu dichiarata abusata ed allontanata da casa: da maggiorenne apre un sito web per dire che non era vero niente:

http://www.alessandrab.org/perizie/Maggioni/periziamaggioni.htm


1 - 2


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti č unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitŕ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584