Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Adesso chi ripaga Saverio De Sario del calvario durato 17 anni? - di Fabio Nestola

Parlando con franchezza...


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Adesso chi ripaga Saverio De Sario del calvario durato 17 anni? - di Fabio Nestola

22/04/2017 - 19:22

Si tratta dell'epilogo di una vicenda iniziata nel 2000, che avevamo già  trattato da queste pagine per denunciare il fenomeno dilagante delle false accuse .[1] . Riassumiamo per sommi capi :

  • “pilotati” dalla madre, Gabriele e Michele accusano il padre, Saverio De Sario, di abusi sessuali;  
  • processo indiziario senza lo straccio di una prova, condanna ad 11 anni, padre in galera e ragazzi in comunità;
  • liberi dall’influenza materna i ragazzi ritrattano scagionando il padre, Gabriele scrive anche un memoriale che racconta i condizionamenti, le minacce, il clima di terrore instaurato dalla madre che li ha costretti  alle false accuse;  
  • richiesta di revisione del processo, la Corte d’Appello di Roma rigetta;
  • nuova richiesta alla CdA di Perugia, che accoglie l’istanza ed assolve il padre innocente [2].

Due anni in cella, ma alla fine la lungimiranza della corte perugina ha sanato gli errori causati dalla miopia della corte d’appello romana e prima ancora della procura bresciana.

"Sanato" è un termine improprio, per certe tragedie non esiste sanatoria.

Forse può essere risarcibile il danno per ingiusta detenzione ma non è risarcibile e tantomeno quantificabile il danno della relazione padre-figli interrotta per 17 anni.

Saverio, il padre innocente vittima della malagiustizia, è stato allontanato dai figli quando avevano 9 e 12 anni e li ha potuti riabbracciare ora che ormai si avvicinano ai 30; chi ripaga i ragazzi per l’adolescenza mutilata, un pezzo fondamentale di vita privi del padre?

Ormai non hanno neanche i ricordi da condividere, i cassetti della memoria sono orfani della figura paterna per festività natalizie, compleanni, vacanze …

Chi ripaga a Saverio l’interruzione delle relazioni con i figli e dell’intero progetto genitoriale, interruzioni traumatiche e devastanti ma soprattutto immotivate?

Dove si pone la ripartizione delle responsabilità fra il disegno criminale di chi costruisce false accuse e l’incapacità valutativa dei giudici che sbagliano? Il lavoro del magistrato è quello di fare giustizia, se non sono capaci vadano a fare altro, c'è tanto bisogno di idraulici ed elettricisti.  

La signora che ha ordito l’inganno e i giudici che hanno abboccato dovranno, in solido, versare qualche milione a titolo di risarcimento per i danni causati a padre e figli?

Temo che, come spesso accade, i diretti responsabili resteranno impuniti e tutto si risolverà in un nulla di fatto. Al massimo la CEDU riconoscerà l’ennesima violazione italiana del diritto alle relazioni familiari e riconoscerà un risarcimento di 10/15 mila euro. Per 17 anni di calvario.

Giustizia è fatta.  

 

FN


Fonte: redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 1471 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Se anche ANSA falsa gli allarmi sul cosiddetto femminicidio.... - di Fabio Nestola

La costruzione di un falso allarme femminicidio ora si avvale anche del prezioso contributo...

03/05/2017 - 11:04
Se anche ANSA falsa gli allarmi sul cosiddetto femminicidio.... - di Fabio Nestola

Adesso chi ripaga Saverio De Sario del calvario durato 17 anni? - di Fabio Nestola

Si tratta dell'epilogo di una vicenda iniziata nel 2000, che avevamo già  trattato da queste...

22/04/2017 - 19:22
Adesso chi ripaga Saverio De Sario del calvario durato 17 anni? - di Fabio Nestola

Ok, senza le donne il mondo andrebbe a rotoli. E se invece si fermassero gli uomini?

8 MARZO - dal sito ANSA, con annessi tre filmati  “ (…) Le donne si asterranno...

08/03/2017 - 10:20
Ok, senza le donne il mondo andrebbe a rotoli. E se invece si fermassero gli uomini?

Fondo di Solidarietà per i separati, seconda parte - di Fabio Nestola

Lo scorso 24 gennaio pubblicavamo la notizia del decreto che finalmente concretizzava una misura prevista...

16/02/2017 - 20:08
Fondo di Solidarietà per i separati, seconda parte - di Fabio Nestola

Ecco, mi hanno fatto arrabbiare Davigo ! - di Fabio Nestola

All’inaugurazione milanese dell’anno giudiziario le agenzie battevano la notizia dello scontro...

30/01/2017 - 10:30
Ecco, mi hanno fatto arrabbiare Davigo !  - di Fabio Nestola

Fondo di solidarietà per i separati: come sempre il minore non viene tutelato

Sembra che non cambi nulla: vi sono curiose modalità istituzionali di concepire la tutela dei minori,...

24/01/2017 - 12:12
Fondo di solidarietà per i separati: come sempre il minore non viene tutelato


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


C'è 1 solo commento


18:09  di mercoledì 26/04/2017
scritto da  Pino FALVELLI
Ecco perché è ormai diventata INDISPENDSABILE una riforma del "sistema di malagiustizia imperante ed impunito" con conseguente attribuzione della responsabilità veramente diretta per l´ operato di giudici e avvocati ( con cessione del quinto dello stipendio e confisca dei beni in caso di dolo e/o colpe gravi ). In questo caso si è arrivati alla verità, seppure in netto ritardo; ma per quanti altri casi la verità non emergerà mai ??? Chiediamocelo e riflettiamo tutti ! Il sottoscritto è stato "volutamente massacrato" dal sistema di malagiustizia imperante ed impunito per una separazione studiata, premeditata, cercata e voluta da altri in forma giudiziale per loschi, documentati ed evidenti obiettivi economici e patrimoniali ma chi pagherà mai per tutto quanto ha subito e sta ancora subendo, nonostante le varie denunce/querele presentate ben articolate e documentate ??? Quando ci si mette contro giudici e avvocati la verità non emergerà mai ! E´ una battaglia condotta contro un muro di gomma ove si proteggono l´ un l´ altro e allora fioccano "provvedimenti vistosamente punitivi" e " vendette giudiziarie". E´ questa, a mio avviso, la triste realtà, purtroppo, vissuta in prima persona .


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2017 - Codice Fiscale: 97611760584