Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

11/04/2017 - 11:51

L’ISTAT pubblica un’analisi dei dati emergenti dalla giurisprudenza 2005/2015, ed ammette la sostanziale disapplicazione dell’affido condiviso: (…) In altri termini, al di là dell’assegnazione formale dell’affido condiviso, che il giudice è tenuto a effettuare in via prioritaria rispetto all’affidamento esclusivo, per tutti gli altri aspetti considerati in cui si lascia discrezionalità ai giudici la legge non ha trovato effettiva applicazione (…)”

Buongiorno, ben svegliati ! Fa piacere leggerlo in un documento ISTAT del 2016, ma è impossibile non ricordare che lo scriviamo da oltre 10 anni, lo dimostriamo nei convegni, nei seminari di studio, nei master universitari e nei corsi di formazione, abbiamo depositato in Parlamento corposa documentazione probatoria.

Noi, non altri, abbiamo effettuato studi e ricerche che dimostrano le dinamiche di deroga del condiviso, abbiamo raccolto il dossier sulla modulistica in uso nei tribunali dopo il 2006, abbiamo condotto l’inchiesta sulle false accuse, abbiamo effettuato un monitoraggio dei tempi di permanenza della prole presso i genitori, abbiamo dimostrato la replica del modello di affido esclusivo anche nelle sentenze che formalmente recano la dicitura affido condiviso.

Quindi ciò che rileva  il rapporto ISTAT non è per Adiantum una sorpresa, si tratta sostanzialmente della conferma di tendenze negative che avevamo iniziato ad analizzare - e segnalare - fin dal 2007, già dopo il primo anno di monitoraggio della legge 54/06.

Per un lungo periodo siamo rimasti l’unica voce fuori dal coro, un coro fatto di superficiali sostenitori della teoria “falso allarme, tutto perfetto, la riforma è largamente applicata”.

Con l’AIAF in testa, va detto.

Oggi la nostra dimostrazione di un’applicazione anomala, formale ma svuotata di contenuti, viene riconosciuta da associazioni forensi, giudici, Consiglio d’Europa, MIUR e persino dall’ISTAT; pertanto rivendichiamo con forza il ruolo di leader nell’analisi critica della disapplicazione della 54/06. 

Ora, pur senza rivoluzionare nulla, si tenta di portare dei correttivi ad un sistema discutibile che ha per anni aggirato la riforma del 2006 con prassi applicative deviate.

Il tribunale di Brindisi vara delle linee guida per ribadire il dettato del legislatore, ma incontra l’indignazione dell’AIAF – si, ancora loro – che giudica disastrosa l’iniziativa pugliese e protesta perfino presso Ministero e Cassazione, parlando testualmente di Costituzione calpestata e negazione sistematica del diritto.  

Addirittura, aggiungerei.

All’AIAF andava bene l’aggiramento della norma perpetrato ininterrottamente per undici anni? Evidentemente loro preferivano la dicitura condiviso applicata a misure che replicano il modello di affido esclusivo, nel luglio 2011 sostenevano che “(…)  l’affidamento condiviso dei figli introdotto con la legge 54/2006 è stato in questi anni ampiamente applicato (…)” (documento AIAF depositato in audizione alla Commissione Giustizia del Senato).

Poi li smentisce clamorosamente lo stesso istituto di statistica, che ammette  “la legge non ha trovato effettiva applicazione”.  

L’aggressività AIAF nello stroncare le linee guida di Brindisi resta una voce isolata, qualcuno (v. UNCM) le critica blandamente senza toccare i vertici di indignata veemenza raggiunti da Sartori & C.

Altri invece stroncano le teorie AIAF (v. ANFI, Associazione Nazionale Familiaristi Italiani -

http://www.associazionefamiliaristi.it/2017/03/13/risposta-del-presidente-degli-avvocati-familiaristi-italiani-allaiaf-sulle-linee-guida-del-tribunale-brindisi )

e/o si accodano all’iniziativa di Brindisi, (v. dr. Giorgio Jachia, tribunale di Salerno - http://www.ilcaso.it/articoli/fmi.php?id_cont=944.php )

arricchendola con robuste argomentazioni giuridiche a supporto.

Ora chi lo dice all’AIAF?  

Sarebbe interessante sapere cosa pensa l’ufficio legislativo del Ministro Orlando.

 

FN


Fonte: redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 2580 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

A leggere certa roba viene il voltastomaco. 

Ormai, nel dilagante...

09/08/2017 - 07:09
Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Oh, ecco com’è stata recepita dal Ministro la vibrante protesta AIAF.....Il MIUR riconosce che...

02/05/2017 - 13:34
AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

L’ISTAT pubblica un’analisi dei dati emergenti dalla giurisprudenza 2005/2015, ed ammette la...

11/04/2017 - 11:51
Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

AIAF, guerra o pace? - di Fabio Nestola

Non si placa il polverone sul tribunale di Brindisi, colpevole di emanare delle linee guida senza...

26/03/2017 - 19:19
AIAF, guerra o pace? - di Fabio Nestola

AIAF, attenzione, un hacker sta spacciando per vostro un falso comunicato! - di Fabio Nestola

Sorge un legittimo dubbio nel leggere il comunicato stampa dell’AIAF, un testo col quale gli...

13/03/2017 - 10:06
AIAF, attenzione, un hacker sta spacciando per  vostro un falso comunicato! - di Fabio Nestola

Se questi sono giudici....

Ore 08.30. Attendo che arrivi la Circumvesuviana per recarmi in udienza. Sono separato, e devo andare in...

12/12/2016 - 17:06
Se questi sono giudici....


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 5 commenti


15:55  di sabato 22/04/2017
scritto da  Aurelia Passaseo - CIATDM
http://forum.corriere.it/genitori_e_figli/27-01-2006/affido_condiviso_passaseo_violato_interesse_minore-514558.html#?refresh_ce-cp

Riporto un comunicato stampa ufficiale dal Ciatdm (Coordinamento internazionale associazioni per la tutela dei diritti dei minori) che a firma del suo presidende fu diramato all´indomani dell´approvazione della legge 54/2006. Già allora il Ciatdm fu molto critico nei confronti dell´approvazione della legge e, gi+ allora disse che la legge non avrebbe cambiato nulla o quasi nulla perchè tutto sarebbe rimasto allo status quò !

14:53  di giovedì 13/04/2017
scritto da  Antonio Delle Lucche
Finalmente qualcosa si muove nella giusta direzione, una legge inaplicata la 56/2006, e subito desta scalpore la decisione della dottoressa Palazzo di promuovere le linee guida per equo affido del minore dove nessuno è discriminato e dove ci dovrebbe essere una reciproca responsabilità genitoriale. Penso che questo sia dovuto dal fatto che tale decisione arriva da un tribunale del sud, sud considerato forse rispetto al restodell´Italia, arretrato. Ma come dimostra tale osservanza "all´avanguardia" come modo di interpretare la legge rispetti al resto del paese.

10:41  di giovedì 13/04/2017
scritto da  Stefano
Articolo che rispecchia la realtà nelle separazioni dove magistratura e parte di avvocati continuano a negare aumentando il conflitto e togliendo un genitore a un bambino. Quando verrà aplicata la legge?

09:23  di giovedì 13/04/2017
scritto da  Simonetta Perri
La situazione sulla reale applicazione della legge 54/06 è quella riportata in questo bellissimo articolo.
Anni ed anni di battaglie per fare emergere l´evidente e cioè che, nonostante la legge, i tribunali non hanno mai applicato le norme previste e sono passati 10 anni!!!
Ora non ci scandalizziamo se qualcuno, finalmente, ha letto e studiato la normativa e vuole anche metterla in pratica.
Meglio tardi che mai :D

08:21  di giovedì 13/04/2017
scritto da  GESEFI ONLUS TO
Quelli che sono in malafede non ammetteranno mai di aver rovinato il presente - futuro di una moltitudine di fanciulli sradicandoli dai loro Genitori. Negano e continueranno a negare per loro attitudine, quella del malaffare. Ma ora è TROPPO!


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2017 - Codice Fiscale: 97611760584