Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Non opinioni soggettive, ma nomi, date e fatti, con fonti verificabili

Il lato oscuro della luna


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Non opinioni soggettive, ma nomi, date e fatti, con fonti verificabili
Fabio Nestola

09/12/2015 - 11:49

di ALESSIO CARDINALE - Lo studio di Fabio Nestola "Il condizionamento delle coscienze - Analisi della comunicazione distorta dai pregiudizi di genere" ha radici lontane. Circa venti anni di meticolosa documentazione permettono oggi la pubblicazione di una sintesi illuminante ed equilibrata sul fenomeno della distorsione comunicativa in tema di "Violenza di genere".  

La qualità delle relazioni tra uomo e donna, nonchè l'esatta percezione "sociale" dei singoli atti di violenza (anche di quelli classificati come "minori o marginali") assumono, nella famiglia separata, particolare importanza.

Da qui il nostro interesse per gli aspetti di un fenomeno strettamente connesso alla tutela dei minori e della Bigenitorialità (spesso tradita dalle false accuse, appunto, di violenza).

Nel condannare fermamente la violenza maschile, la collettività non può esimersi dal considerare il lato oscuro della Luna, quegli aspetti della violenza femminile costantemente ed inspiegabilmente sottaciuti. Attribuire alla violenza l’esclusività, circoscrivendola ad un solo sesso, significa compiere una discriminazione di genere, molto più prossima all’accanimento ideologico che alla piena consapevolezza della realtà che ci circonda”. (dal blog violenza-donne.blogspot.it/)

La teoria sulla quale si fonda la costruzione di una allarmante emergenza per la condizione femminile in Italia, grave più che altrove, sarebbe quella secondo la quale le donne in quanto donne vengono perseguitate, umiliate, sfregiate, percosse, mutilate, uccise, mentre il fenomeno a ruoli invertiti non esiste.

Lo studio allegato, sintesi di una ricerca ventennale, dimostra il contrario. Non con opinioni soggettive ma con elementi incontestabili: nomi, date, fatti, fonti verificabili.

"Non è facile credere al mero elemento “distrazione”, è più verosimile pensare ad una scelta strategica finalizzata a nascondere alcuni fatti ed enfatizzarne altri: l’occultamento sistematico delle notizie sulle vittime maschili di violenza, abbinato all’enfatizzazione altrettanto sistematica delle notizie sulle vittime femminili" (Fabio Nestola).

 

LO STUDIO COMPLETO SCARICABILE A QUESTO LINK


Fonte: Fabio Nestola

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 6351 volte

Commenta la Notizia


Nome:

Testo:
Acconsento al trattamento della informativa sulla Privacy


 



Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584