Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Il diritto del minore, questo sconosciuto. Nei tribunali i giudici si piegano ai poteri di veto

Le Associazioni raccontano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Il diritto del minore, questo sconosciuto. Nei tribunali i giudici si piegano ai poteri di veto

08/08/2015 - 15:30

Il Tribunale per i Minorenni, autentico baluardo dei diritti dell’infanzia. Della serie: è difficile crederci, ma questi li paghiamo pure. Oggi forniamo una ulteriore dimostrazione di cosa il Tribunale per i Minorenni intenda per interesse del minore. O meglio, di come riesca a storpiare l’interesse del minore, la bigenitorialità, l´affidamento condiviso..

Nulla di nuovo, purtroppo è la seconda puntata di una vicenda - umana prima ancora che processuale - che grida vendetta ad ogni nuovo atto.

Per chi volesse approfondire le prime bestialità sono descritte al link   http://www.adiantum.it/public/3569-al-tribunale-di-roma-il-giudice-tutelare-non-conosce-bene-il-diritto-di-famiglia....asp  

 

Il signor S.S. viene lasciato dalla convivente il giorno stesso in cui lei sa di essere incinta, quindi viene allontanato dal figlio prima ancora che nasca.

Il 19 agosto 2014 scrivevamo

 

Aspre lotte in tribunale per poter riconoscere il bimbo, poi lotte ancora più aspre per iscriverlo all’anagrafe e potergli dare il cognome: l’opposizione della madre ha ceduto solo di fronte alla prova del DNA, ma la signora continua ad ostacolare la paternità con ogni stratagemma: prova ne sia che, nonostante tutto, dopo quasi due anni il bimbo ha ancora solo il cognome materno

 

Aggiornamento: il decreto che aggiunge il cognome paterno a quello materno è arrivato la settimana scorsa, in risposta ad una istanza del 2012. Una saetta.

Le misure provvisorie ed urgenti nel 2013 disponevano la misura (follemente assurda per chi scrive, evidentemente no per chi l’ha stabilita) di incontri padre-figlio al bar, due ore per due giorni a settimana.

D’altra parte la madre “concede” questo e nulla più, che ci vuoi fare …

È lecito chiedersi se il ruolo del giudice sia ancora quello di assumersi delle responsabilità, se sia ancora quello di prendere decisioni nel superiore interesse del minore, o sia ormai circoscritto a ratificare ciò che un genitore è disposto a concedere all’altro.

Se così fosse cosa si va a fare in tribunale? I genitori chiedano servilmente il permesso alla controparte e si accontentino di ciò che “concede”, tanto il giudice non si discosterà troppo dal diktat del genitore prevalente[1], quello a cui il tribunale consegna ufficiosamente il potere di veto.

Nel caso di specie - come sempre, o quasi - compare la parola magica: l’immancabile conflittualità che serve a giustificare l’inerzia del sistema e l’incapacità di adottare misure concrete a tutela del diritto del minore alla bigenitorialità.

Perché questa coppia sarebbe conflittuale? Lei vuole escluderlo e lui, pensa un po’, non vuole essere escluso; non accetta passivamente di perdere il figlio, quindi secondo il Sistema è conflittuale tanto quanto chi lo ostacola.

Sintetizziamo uno scambio surreale, che in tribunale è avvenuto veramente anche se con modalità dilatate nel susseguirsi di varie udienze.

 

LUI: “posso vedere il bambino?”

LEI: “no”

LUI: “ma dai, fammi vedere il bambino”

LEI: “no no”

GIUDICE:, “lo sapevo, non riuscite a trovare un accordo quindi siete conflittuali”

LUI: “scusi, ma vedere anche il padre non sarebbe un diritto del bambino?”

GIUDICE: “in teoria si, ma la mamma che dice?”

LEI : “non se ne parla proprio”

GIUDICE: “Visto? Che ci posso fare, siete conflittuali”

LUI: “ma così lei detta le regole e io devo obbedire … questa non è trattativa, è dittatura”

GIUDICE: “beh, in effetti … signora, ci vuole ripensare?”

LEI: “no”

GIUDICE: “ok, allora se la signora vuole il bar lei vede il bambino nel bar”   

 

Non è finita, il Tribunale ha il potere di stupire: adotta misure sbilanciate a sfavore del genitore penalizzato.

Penalizzato quindi due volte: prima dall’ostracismo della madre, poi dall’ottusità della giustizia.

 

Visto che c’è conflittualità, diamo incarico al servizio sociale di valutare la genitorialità paterna.

E quella materna, no?

Risulta agli atti che la madre si dimostra accanitamente possessiva, da anni, quindi mettiamo il padre sotto la lente di ingrandimento.

Follia lucida, legittimata da migliaia di provvedimenti simili.

Non è che per caso, e dico per caso, sarebbe necessario valutare se questa madre è in grado di comprendere i diritti del figlio?

Nessuno ha sentito il bisogno di valutare se la madre abbia agito negli interessi del minore – o piuttosto mossa da rancori personali –, al momento di escludere il padre opponendosi al riconoscimento, di “concedere” due ore di incontri, di imporre il bar come unica sede, di far saltare decine di appuntamenti, di ostacolare ripetutamente le modalità di visita già gravemente limitate nei tempi e nei modi.   

Ma in Italia funziona così, le verifiche sull’adeguatezza genitoriale le fanno sul genitore escluso, non su quello escludente.

Risultato: un anno di percorso presso i Servizi Sociali, padre e figlio si incontrano due pomeriggi a settimana presso lo spazio neutro dei Servizi; relazione più che positiva, il padre è perfettamente in grado di occuparsi del figlio, gli incontri possono anche avvenire senza la supervisione dei Servizi.

Però - si sa - tutto va fatto gradatamente, guai a consentire che padre e figlio possano incontrarsi senza ingerenze esterne e magari, pensa che stranezza, sviluppare una sana familiarità.

Non sia mai, mezz’ora di libertà deve essere conquistata con le unghie e con i denti, del diritto del minore non gliene frega niente a nessuno quindi le nuove misure dicono: un giorno nello spazio neutro, un altro fuori ma con babysitter al seguito.  

LUI: “perché la babysitter?”

SERVIZI: “l’ha chiesta la signora, così è più tranquilla”

LUI: “ insomma pure con voi comanda lei, allora ditelo”

SERVIZI: “ma no, non sia conflittuale”

LUI: “vuole sempre qualcuno che controlli, non accetta che io stia da solo col bambino”

SERVIZI: “in effetti … signora, andrebbe bene pure senza babysitter?”

LEI: “assolutamente no”

SERVIZI: “ok, allora che babysitter sia”    

 

Questa storia si dimostra una collezione di anomalie, una più inconcepibile dell’altra, sempre in ragione dell’appiattimento istituzionale sulle imposizioni materne.

Non bastava l’assurdità del bar, ci voleva pure la babysitter.

Curioso, perché la figura della babysitter nasce per occuparsi della prole in assenza dei genitori, quando se ne occupano la madre, il padre o i nonni diventa ovviamente superflua.

O meglio, nasce per sorvegliare i bambini quando i genitori vanno al cinema o a cena fuori, non per sorvegliare il padre che sta sullo stomaco alla madre.

Però il signor S.S. è stato costretto a digerire anche questo, altrimenti sarebbe stato conflittuale.

Alla fine anche i Servizi si arrendono all’evidenza: la babysitter non serve a niente e, nelle more del giudizio, stabiliscono incontri liberi senza più guardiani di nessun tipo. Ma li tarano secondo il calendario precedente: le assistenti sociali in quanto dipendenti pubbliche non lavorano nel weekend, quindi anche gli incontri liberi replicano il calendario degli incontri nello spazio neutro, lunedì e giovedì.  Padre e figlio non possono mai incontrarsi di sabato o di domenica ma, finalmente, possono farlo senza supervisioni da parte di terzi.

Misure ancora fortemente restrittive, tuttavia rappresentano una grande conquista per chi ha sempre subito l’imposizione del cane da guardia. Ma soprattutto c’è grande attesa per la liberazione finale che arriverà col provvedimento del Tribunale, all’esito della relazione dei Servizi.

Il signor S.S. ha sopportato anche l’insopportabile per tre anni di ostracismo senza limiti, alla fine del percorso nutre la legittima aspettativa che per suo figlio vengano stabilite misure normali che consentano attività normali: preparargli un pranzo, portarlo una domenica al circo, leggergli una favola per farlo addormentare.

Però siamo a Roma dove operano giudici molto particolari che, senza vergognarsi, riescono a produrre questo     

 

Affidamento condiviso, partono bene …

Poi però sbracano: tre ore due pomeriggi a settimana, niente sabato, niente domenica, niente pernottamenti, niente vacanze, impossibile persino cenare o pranzare insieme …

Però è affido condiviso, almeno secondo la singolare interpretazione che ne fa il Tribunale per i Minorenni di Roma.

Forse i giudici pensano che il bimbo sia piccolo, sarebbe traumatizzante strapparlo dalle braccia della madre troppo a lungo; va bene se trascorre 6 ore al nido, 5 coi nonni o 4 con la zia, ma guai a lasciarlo col padre per 3 ore e mezza.

Non è importante quanto sia lontano dalla madre, è importante che non sia con chi non vuole la madre 

In fondo il bambino ha “solo” due anni e 9 mesi, forse secondo i giudici bisogna attendere il compimento dei tre anni per avere il pernottamento, le vacanze, etc.

Invece no

 

Si rischia di impazzire: aggiungono il sabato o la domenica, ma tolgono uno dei due pomeriggi infrasettimanali.

E certo, questo padre mica può essere invadente, se vuole la domenica deve pur rinunciare a qualcosa altrimenti diventa troppo presente nella vita del figlio. Limitare, limitare, limitare sempre e comunque.

Ha il condiviso, che altro vuole?

Ho forti dubbi che questo sia il diritto del minore alla bigenitorialità, ma per fortuna non sono un giudice.

Loro sanno tutto e decidono sempre al meglio, non so come facciano ma lo fanno.

Poco poco, piano piano, un po’ alla volta, senza fretta …

Dopo tre anni di ostracismo ed un anno di osservazione dei Servizi con relazioni ottime, il Tribunale dice che il diritto del minore è rispettato con due visitine di 3 ore.

Di questo passo per trascorrere un weekend col padre si dovrà arrivare al 2017, nel 2019 forse si potrà pensare a 3 pomeriggi, nel 2020 ad una vacanza di 15 giorni ... quando avrà la patente potrà decidere se restare un mese

Sempre nel pieno rispetto del diritto del minore e sempre se la madre non si oppone, altrimenti il padre o china la testa o diventa conflittuale.        

 

Non ne posso più dell´ipocrisia dilagante che sembra essere l´architrave del sistema giudiziario, facciamo chiarezza una volta per tutte.

Avere un figlio non è circoscrivibile all’attività biologica necessaria al concepimento, e nemmeno ai nove mesi della gravidanza; la scelta di procreare comporta un insieme di doveri che entrambi i genitori assumono nei confronti del nascituro.

Nel caso in cui uno dei genitori voglia emarginare l’altro dalla vita dei figli, un sano attaccamento comporta che l’escluso non accetti passivamente di perdere o limitare i contatti con la prole per assecondare il delirio di onnipotenza dell’altro.

Tuttavia se osa contrastare gli ostacoli, ovviamente con gli strumenti previsti dalla legge, diventa conflittuale.

Quando la percezione di genitorialità è su livelli diversi può accadere che un genitore la intenda come “la proprietà esclusiva del figlio è un mio diritto, stanne fuori”, l’altro come “vorrei avere anch’io uno spazio, la mia quota di doveri e compiti di cura”.

L’agito dell’uno non è nemmeno paragonabile a quello dell’altro - nella forma e nella sostanza, negli obiettivi e nelle motivazioni - ma una lettura miope non permette di distinguere.

Sarebbero conflittuali, al plurale.

Esiste una conflittualità unilaterale, è ora saperla riconoscere senza più lavarsene le mani.   

Uno riconosce il ruolo dell’altro e la complementarietà delle figure genitoriali, fondamentali nel processo di crescita dei figli; l’altro riconosce solo il proprio ruolo e vorrebbe imporlo come modello unico alla prole, disconosce il ruolo altrui, lo delegittima come inutile, superfluo.

Uno in sintesi interpreta la genitorialità come monopolio, l’altro come compartecipazione; se un genitore lotta per esserci solo lui e l’altro per esserci anche lui, non è possibile ipotizzare una simmetria di piani valutativi.

Ma da noi non sanno fare altro.

E li paghiamo pure.

 

Fabio Nestola 

 
[1] - affidatario prima del 2006, collocatario dopo la riforma-farsa dell’affido condiviso -  ma sempre genitore sovraordinato nel processo di crescita della prole, esattamente ciò che il Legislatore intendeva eliminare.

Fonte: redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 10196 volte






Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Anche a Trieste sarà attivo un punto di riferimento per i genitori separati, nato per tutelare i figli minori coinvolti nelle...
14/03/2017 - 09:54
Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Nell’assemblea del 20 gennaio tenuta a Roma presso la sala Luigi Di Liegro di Palazzo Valentini, Adiantum – Associazione di...
29/01/2017 - 11:57
Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Lo scorso 7 dicembre, al Liceo Mascheroni di Bergamo, si è tenuta la seconda edizione degli anuali “Adiantum Community...
30/11/2016 - 11:48
Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

Sabato 15 ottobre alle ore 17, Adiantum – Associazione di Aderenti Nazionale per la Tutela dei Minori –...
11/10/2016 - 17:12
Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

In crescita ADIANTUM nel Lazio. Il coordinatore nazionale Massimiliano Gobbi, infatti, ha annunciato l'apertura della delegazione...
05/10/2016 - 15:48
ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale

L'associazione per la tutela dei diritti dei bambini italiani sottratti illegalmente in Slovacchia cambia denominazione e obiettivi...
29/09/2016 - 12:10
Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 12 commenti


08:30  di giovedì 17/09/2015
scritto da  Alessio
io mi sa che S.S. lo conosco
se è chi penso io è un grande padre

08:25  di lunedì 24/08/2015
scritto da  domenico 77
articolo stupendo nestola è da portare in trionfo

10:49  di venerdì 14/08/2015
scritto da  Max
Be che dire,gli articoli di Fabio sono sempre lucidi e puntuali. Sono denunce pesanti, ma che al momento sembrano più uno sparare sulla croce rossa. Con questo non voglio muovere critiche a Fabio, ne all´articolo. La mia è solo la riflessione sul fatto che chi legge questo articolo e passa queste situazioni è come se sentisse il coltello girasse dentro la ferita. Queste situazioni, che poi sono tutte uguali, ti danno un senso di impotenza. Purtroppo questo articolo lo leggeranno i soliti malcapitati, non si riesce ad andare oltre a creare un tale livello di indignazione nazionale da produrre un cambiamento delle cose. Guardate il fatto del padre che scappa con il figlio. Per qualche ora il giornalismo si da da fare perché pensa che ci possa scappare lo scoop. Poi dopo che si scopre che in fondo l´aveva portato solo al parco, gli concede un´intervista, ma non si parte certo alla carica con un serio dibattito e conseguenti decisioni!Ora cade tutto nel dimenticatoio, fino a che un altro disperato non farà un gesto "estremo", se così si può dire. La classe politica ha altri interessi, all´opinione pubblica interessa, ma fino ad un certo punto, molti sono buoni a parlare ma in pochissimi a fare. Basterebbero già solo quelli coinvolti ed i parenti prossimi a sbaragliare, si parla di milioni di persone, di voti. Eppure nulla. I magistrati sono sempre più arroccati, ma cosa gli importa, chi li tocca a loro....mica hanno a che fare con mafiosi....hanno davanti dei disperati, tanti, ma disperati non organizzati. Il potere politico non osa neanche avvicinarsi alla magistratura, li tengono per i gioielli di famiglia.....
Molti ripongono fiducia nell´europa, nei ricorsi al CEDU.
Be di pronunce importanti e chiare ve ne sono state già molte in questi anni, hanno condannato apertamente le misure stereotipate e la non tutela del rapporto dei padri con i figli! Non ho visto significativi cambiamenti!Questi se ne fregano!Secondo me neanche si informano di queste pronunce. Al momento ci sono solo iniziative di pochi giudici coraggiosi isolati. Ci si batte tanto per cambiare la legge sull´affido condiviso, ma bisogna assolutamente prevedere un meccanismo che impone ai magistrati di levarsi dalle scatole il prima possibile!Essi sono la categoria di lavoratori che resta in servizio più tempo. La dove la mentalità conta più della norma, essi non devono potersene occupare oltre una certa età.

Leggete questi articoli:

http://www.studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_18356.asp?utm_source=dlvr.it&utm_medium=gplus

http://www.studiocataldi.it/articoli/19080-cassazione-se-il-figlio-sta-piu-tempo-con-la-madre-non-e-violato-il-principio-dell-affido-condiviso.asp

Se uno è invalido e disoccupato, commette reato se non versa il mantenimento.
Se vuole occuparsi del figlio e lamenta il poco tempo e la violazione della bigenitorialità, si arriva a sostenere che non vi erano i presupposti all´ampliamento perché in fondo la corte d´appello di Brescia diceva che il padre e la figlia potessero costruire il loro rapporto telefonicamente e mediante altri mezzi di comunicazione!

23:53  di martedì 11/08/2015
scritto da  Francesco Cellie da Tuturano
IL 21 LUGLIO 2011, ebbi modo di incontrare un politico che si interesso´ al mondo dei separati. Alla fine del lungo incontro mi congedai da lui affermando che in Italia vi e´ chi ha il beneplacido della magistratura a delinquere, anzi ne suffragava l´operato. NE SONO SEMPRE PIU´ CONVINTO, il resto poi della meticolosa diesamina del Nestola e´ semplicemente maledettamente la sola verita´ di quello che e´ il sistema massacrafamiglie. Forza S.S. e grazie Fabio ed Adiantum. I figli ringrazieranno poi il SISTEMA... saluti.

10:38  di martedì 11/08/2015
scritto da  Stefano
Con questi giudici, cosa ci aspettiamo?
vergogna!


1 - 2 - 3


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584