Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Separazioni e divorzi in calo nel Lazio

Le Associazioni raccontano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Separazioni e divorzi in calo nel Lazio

07/05/2015 - 10.36

Secondo l'ultimo rapporto Istat pubblicato il 23 giugno 2014 riguardante le "Separazioni e i Divorzi in Italia"  nel Lazio ci sono state nel 2012 ben 10.147 separazioni (-3,8% rispetto al 2011) e 5.144 divorzi (-11,1%). Numeri che, rapportati ai coniugati, vedono la regione al terzo posto nell’indice delle separazioni (382,8 ogni centomila coniugati) e al nono per divorzi (194,1 ogni centomila coniugati).
Il Lazio vince il premio “della regione dove si sta peggio dopo il divorzio” e ciò è sostenuto dal 58,6% degli ex partner.
Ma cosa accade all’economia personale, e in particolare alla casa, con la fine di un matrimonio?
Immobiliare.it ha commissionato all’Istituto di ricerca Demoskopea un’indagine ad hoc per capire come cambia la situazione degli ex coniugi dopo una separazione.
Secondo l’indagine di Immobiliare.it nel Lazio il 58,6% dei separati o divorziati della regione, dopo la fine del matrimonio, denuncia una condizione economica peggiorata; il 21,4% va a vivere in affitto, il 35,7% dichiara di abitare ancora sotto il tetto coniugale, probabilmente assieme all’ex partner e forse per necessità di tipo economico; il 5,7% di chi è coinvolto nella fine di un matrimonio decide di tornare dai propri genitori; il 31,4% continua a pagare un mutuo pur non vivendo più, in molti casi, nell’abitazione coniugale; il 41,9% si è visto rifiutare la concessione di un nuovo prestito dalle banche.
La tipologia di procedimento prevalentemente scelta dai coniugi in italia è quella consensuale: nel 2012 si sono chiuse con questa modalità l’85,4% delle separazioni e il 77,4% dei divorzi. Ma la litigiosità tra le coppie che decidono di porre fine alla loro unione matrimoniale si differenzia abbastanza sul territorio. Al centro Italia poco più di 1 separazione su 10 si chiude con rito giudiziale (precisamente l’11,9%).
Nel 2012 in Italia le separazioni con figli in affido condiviso sono state l’89,9% contro l’8,8% di quelle con figli affidati esclusivamente alla madre. La quota di affidamenti concessi al padre continua a rimanere su livelli molto bassi. L’affidamento dei minori a terzi è una categoria residuale che interessa meno dell’1% dei bambini. 
Nel centro Italia, la modalità di affido condiviso scende all’87,9% per le separazioni (rispetto a un valore nazionale pari a 89,9%) e al 71,4% per i divorzi (75,1% a livello nazionale). Superiori invece le percentuali di affido esclusivo a madre e padre nelle separazioni rispetto alla media nazionale. L' affidamento esclusivo alla madre è del 10,4% (8,8% a livello nazionale) mentre l'affidamento esclusivo al padre è pari a 1,1% (0,8 % a livello nazionale). L'affidamento  dei minori a terzi nelle separazioni è uguale al valore dello  0,6% in perfetta media nazionale. Nei divorzi l'affidamento dei figli minori affidati esclusivamente alla madre nel centro Italia è del 25,5% (rispetto a un valore nazionale pari a 22,1%). L'affidamento dei figli minori affidati esclusivamente alla padre è pari a 1,5% (in perfetta media con i valori nazionali) mentre l'affidamento dei minori affidati a terzi è del 1,6% (rispetto a un valore nazionale pari a 1,3%).
In Italia gli assegni di mantenimento per i figli vengono corrisposti nel 47,3% delle separazioni e nel 64,6% di quelle con figli; anche in questo caso è il padre a versare gli assegni nella quasi totalità dei casi (94%). La quota di assegni ai figli nel centro Italia è del 62,3% quindi più basso rispetto alla media nazionale.
Nel centro Italia il valore assoluto delle separazioni è pari a 18.945 (14.089 con figli). Gli assegni a favore del coniuge sono stati 1607 mentre 6679 sono stati quelli solo per i figli. Gli assegni per il coniuge e per i figli sono stati 2098.  L'assegno medio mensile per il coniuge nel centro Italia è pari a 510,60 euro mentre per i figli aumenta il valore aumenta a  561,50 euro.  Nel 2012 nel 58,7% delle separazioni la casa è stata assegnata alla moglie e nel 20,6% al marito. Le  abitazioni autonome e distinte invece si attestano al 16,8% .
Nel centro Italia il valore assoluto dei divorzi è pari a 10685 (7049 con figli). Gli assegni a favore del coniuge sono stati 734 mentre 3.503 sono stati quelli solo per i  figli. Gli assegni per il coniuge e per i figli sono stati 622.  L'assegno medio mensile per il coniuge nel centro Italia è pari a 567,60 euro mentre per i figli aumenta il valore aumenta a 504,80 euro.  Nel 2012 nel 39,70% dei divorzi la casa è stata assegnata alla moglie e nel 14,1% al marito. Le  abitazioni autonome e distinte invece si attestano al 45,1% .
Massimiliano Gobbi

Fonte: Massimiliano Gobbi

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 1953 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Anche a Trieste sarà attivo un punto di riferimento per i genitori separati, nato per tutelare i figli minori coinvolti nelle...
14/03/2017 - 09:54
Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Nell’assemblea del 20 gennaio tenuta a Roma presso la sala Luigi Di Liegro di Palazzo Valentini, Adiantum – Associazione di...
29/01/2017 - 11:57
Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Lo scorso 7 dicembre, al Liceo Mascheroni di Bergamo, si è tenuta la seconda edizione degli anuali “Adiantum Community...
30/11/2016 - 11:48
Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

Sabato 15 ottobre alle ore 17, Adiantum – Associazione di Aderenti Nazionale per la Tutela dei Minori –...
11/10/2016 - 17:12
Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

In crescita ADIANTUM nel Lazio. Il coordinatore nazionale Massimiliano Gobbi, infatti, ha annunciato l'apertura della delegazione...
05/10/2016 - 15:48
ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale

L'associazione per la tutela dei diritti dei bambini italiani sottratti illegalmente in Slovacchia cambia denominazione e obiettivi...
29/09/2016 - 12:10
Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


C'è 1 solo commento


11:41  di lunedì 03/08/2015
scritto da  Annalisa
grazie Gobbi, ma si potrebbe avere anche il resto d´italia?


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584