Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Sottrazione internazionale di minori, in discussione le nuove proposte di legge al Parlamento europeo

News e Comunicati Stampa


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Sottrazione internazionale di minori, in discussione le nuove proposte di legge al Parlamento europeo

24/01/2015 - 17.49

Giovedì 22 gennaio 2015 presso la sede Italiana del Parlamento Europeo alla presenza dei massimi esperti del settore, l’associazione Nonne Nonni Penalizzati dalle Separazioni Onlus (affiliata Adiantum) ha organizzato un interessante convegno sul tema delle Sottrazioni iinternazionali di minori centrando l’attenzione sull’importanza del ruolo affettivo dei nonni nella vita dei nipoti, dei genitori che ne subiscono la sottrazione e delle leggi che ne dovrebbero garantire la tutela.

 

Al dibattito si sono alternati gli interventi degli esperti, tra questi l’Onorevole Roberta Angelilli, che si occupa attivamente del dibattito legislativo a riguardo e ha lanciato una campagna europea contro la sottrazione dei minori, il neuropsichiatra - criminologo, Prof. Matteo Villanova ed il Prof. Giacomo Rotoli, Presidente Adiantum che nel suo intervento ha ribadito che: “Adiantum continuerà a lavorare sul grave problema delle sottrazioni internazionali di minori anche in quanto estremizzazione dell'idea che un minore può essere strappato ad affetti e ambiente senza che ne risenta psicologicamente come avviene anche in molti casi tra genitori italiani. E’ necessario cambiare la mentalità applicata dai giudici in Italia e all'estero che l'interesse dei minori si riduca ad avere un'unica casa ed un'unica cameretta e spesso un solo genitore”. Il Presidente ha aggiunto che: “L'interesse del minore non sono cose, ma i suoi affetti, come ha ribadito anche la CEDU nella recente sentenza sui nonni, tanto più egli ne ha tanto più egli crescerà bene e con modelli di riferimento positiv”. “Adiantum si batterà per rafforzare la mediazione familiare anche a livello europeo“ conclude Giacomo Rotoli “e cercherà in tutti i modi di contribuire alla revisione dei regolamenti UE introducendo l'Unità di Intervento (UDI), già proposta a Strasburgo, per l'esecuzione dei rimpatrii e l'attuazione del diritto di visita. Inoltre riteniamo necessario che in Italia si riapra la discussione sulle proposte Frattini (procura minorile per le sottrazioni internazioneli, task force per coordinare il lavoro dei ministeri, rafforzamento dell'autorità centrale) e sulla cancellazione dell'art. 574 bis cp e l'introduzione del reato di "rapimento di persone incapaci" (proposta del ddl del senatore Cardiello)”.

 

Presente al convegno anche Marco Di Marco, delegato ADIANTUM per le sottrazioni internazionali: "La convenzione dell’Aja del 1980 sulle sottrazioni internazionali di minori e il regolamento CE 2201/2003 (c.d. Bruxelles II bis) sono un totale fallimento, e la cosa è confermata dalle numerose vittime che non hanno ricevuto alcuna giustizia. Ad esempio, nel 2012 i casi di rapimenti con la Slovacchia dall’Italia erano 13, e quindi “sistematici". "In questo paese persino la funzionaria Andrea Cisarova, responsabile delle autorità centrali slovacche, ha un conflitto d’interessi visto che fino a poco prima è stata il legale delle madri slovacche che hanno sottratto figli (tra cui il famoso caso di Zuzanna Hartlova, dal quale è scaturita la prima condanna da parte della CEDU contro la Slovacchia per rimpatrio non avvenuto". "ll rimpatrio di un minore italiano dall’estero, secondo la convenzione dell’Aja del 1980, dipende dal giudice di quel paese, e oggi conta una percentuale di successo solo del 10 %. Una delle soluzioni potrebbe essere quello della procura di Vicenza, che in questi casi usa l’art. 605 c.p. (sequestro di persona), e non l'inutile art. 574 c.p. (sottrazione di minore incapace) ed emette subito un mandato di cattura europeo, con successiva rogatoria internazionale che autorizza l’ufficiale giudiziale italiano a fare le indagini congiunte con l’Interpol straniera dov’è avvenuto il rapimento."

 

Durante il convegno si sono anche elencate altre soluzioni, come quella di creare nuovamente la stessa “task force” ideata dall’allora ministro degli esteri Franco Frattini, oppure un programma di attività politico-amministrative in diversi punti, quali: 1) supporto alla proposta di legge 611 del senatore Franco Cardiello (abrogazione del 574 bis reato di sottrazione internazionale di minori ed introduzione del 605 bis c.p. reato di sottrazione d’incapace); 2) automatizzazione del divieto d’espatrio (con prole al seguito) in caso di separazione dal coniuge straniero, oppure l’applicazione dell’art.97 Schengen (ovvero, se il minore viene intercettato nell’area Schengen questo può essere fermato e prelevato dal genitore a cui è stato sottratto); 3) istituzione della procura nazionale per la sottrazione internazionale di minori a costo 0 , ideata e proposta dall’allora ministro degli esteri on.Franco Frattini ; 4) istituzione di un organismo europeo specializzato che possa seguire ed intervenire, con specifichi poteri e forze di polizia, in ciascun caso di sottrazione internazionale, decidendo autonomamente dall'inizio (rapimento) alla fine (esecuzione del rimpatrio).

 

Maria Bisegna, Presidente dell’A.No.P.S. Onlus promotrice, ha ricordato come sia importante per un bambino conoscere le proprie radici e rimanere in contatto con il nucleo familiare di origine: “Ogni genitore ha il diritto e il dovere di preservare il legame affettivo con il proprio figlio, ma spesso questo non accade, soprattutto in casi di separazione dove padri e madri, ma anche nonni sono vittime del sistema. Sono moltissimi i casi in cui un genitore perde le tracce del proprio figlio perché l’altro coniuge lo ha portato con sé nel Paese di origine o ha deciso di cambiare città. In Italia questo sarebbe un reato perseguibile penalmente ma purtroppo con i nuovi decreti e a causa dei tempi per avviare i procedimenti internazionali che si rivelano molto lunghi e inefficaci, le relazioni familiari diventano sempre più difficili da recuperare".


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 3214 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

Una nutrita schiera di associazioni e organizzazioni a tutela dei diritti civili della famiglia, a seguito...

07/04/2019 - 11:01
Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Il percorso del DDL Pillon in Parlamento si rivela meno facile di quanto non potesse sembrare. Anche...

15/09/2018 - 08:52
DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Un breve articolo compare il 15 aprile sul portale Studio Cataldi, sempre molto utile per dottrina ed...

13/04/2017 - 11:08
Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

Ieri sera in prima serata su Rai 2 nella trasmissione "Nemo – nessuno escluso", il Dott....

14/04/2017 - 21:20
Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Francesco D’Auria, Segretario nazionale Adiantum, lancia un appello a tutti i genitori...

19/03/2017 - 12:20
19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali

Interpellanza al Presidente del Consiglio, da parte del deputato Emanuele Scagliusi (M5S) in materia di...

21/11/2016 - 15:55
Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 3 commenti


14.55  di venerdì 27/03/2015
scritto da  bouhnini najib
Da 2006 no ho visto i miei figlie il service sociale di Reggio Emilia e il tribunale per i minorenni di Bologna sospesa tutti i deritti di famiglia e de l umanità dove la legge in Italia 3806479558

16.51  di martedì 03/02/2015
scritto da  Ezio Lucchina
speriamo che succeda qualcosa, siete la nostra unica speranza

10.50  di martedì 03/02/2015
scritto da  PIERO
SALVE.
Ho trovato interessante questo sito con la speranza che ci sia a breve risoluzioni di vita serena per i bambini e per i genitori spesso non conformi alla vita vigente. Nel mio caso ho avuto questa brutta esperienza a dicembre 2014 dove la mia compagna convivente e´ salita a torino a prendere i suoi gia 2 figli avuti con l´ex marito tolti dal tribunale di torino per la sua vita fuori luogo e poco consona sia per i figli e sia per la sua sua vita matrimoniale, tolto sia i figli e dato addebito della separazione. La signora in questione e´ salita a torino con nostro figlio di 21 mesi e d´accordo con me doveva stare 5 giorni e con biglietto ferroviario doveva rientrare nel proprio domicilio con tutti i figli incluso il mio, fino a che il giorno prima mi ha chiamato e mi ha indicato che lei non sarebbe più rientrata nella propria residenza la dove anche il bambino ha la propria residenza.Ho fatto più volte prove di riconciliazione con la signora ma sempre negati. ho voluto in cuor mio per il bene del proprio figlio andare via legale dove mi hanno consigliato di fare querela e mettere avvocato. ho avuto cosi prima sentenza dove lei nemmeno si e´ presentata e nessuno avvocato a suo favore.io e la mia avvocatessa ci siamo presentati ma ho visto subito che il giudice mi ha dato comunque contro dicendo che non c´erano nemmeno gli estremi per una sottrazione di minore. Mi chiedo solo come si possa pensare cosi visto che da due mesi la signora ha portato via dalla propria residenza mio figlio?... la mia avvocatessa ha forzato dicendo di fare lettera di invito al rientro ma bocciata dopo due giorni dalla commissione dicendo solo che avrebbero mandato nel giro di un mese gli assistenti sociali del posto a vedere dove si era collocato il bambino. Mi chiedo come possa una persona agendo cosi male in tutta la sua capacita´ genitoriale ed essere tutelata?... Ho capito in cuor mio che questo figlio io l´ho perso tragicamente dando adito alla legge e non averla fatta per conto mio come la signora mi ha regalato sia stato uno sbaglio atroce. Il bambino era molto legato a me e adesso come posso di nuovo averlo nella sua residenza?.. Se qualche persona buona d´animo riesce a darmi qualche dritta ne sarei intanto felice. COLGO L´OCCASIONE PER PORGERVI I MIEI PIU CORDIALI E DISTINTI SALUTI.


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2022 - Codice Fiscale: 97611760584