Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

La Mediazione Familiare tra il diritto e il legame sociale – di Lucia Legati*

Mediazione Civile e Familiare


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


La Mediazione Familiare tra il diritto e il legame sociale – di Lucia Legati*
Lucia Legati

11/01/2015 - 10.58

I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati che li rendono sui generis rispetto a qualsiasi altra tipologia di conflittualità consegnata al vaglio dei giudici. Parlare del ruolo dell’avvocato nella crisi della famiglia oggi significa verificare l’efficacia innovativa della legge di riforma istitutiva del principio della bigenitorialità L. 54 del 08.02.2006 rispetto al precedente quadro normativo e intercettare, tra gli strumenti di cui dispone l’avvocato c.d. “familiarista” o “matrimonialista”, quelli più adeguati e finalizzati a fronteggiare professionalmente il conflitto familiare.

Il primo efficace strumento dell’avvocato si esprime nel suo comportamento, nel rispetto di un’etica deontologica e comportamentale capace di passare da una logica di contrapposizione delle posizioni da gestire ad una logica di interazione tra le stesse, cogliendo la complessa articolazione del conflitto e contestualmente concentrandosi in via preliminare sulla primaria importanza che assume la tutela dei figli minori. L’adempimento del dovere professionale con lealtà, onore e diligenza per i fini della giustizia è il criterio di orientamento di ogni atto e attività del matrimonialista il quale non è sottratto al compito di ricondurre il cliente alle responsabilità genitoriali che la legge gli impone di assumere nei confronti dei figli minori e dovrà anche guidare il cliente verso la consapevolezza della priorità dell’assunzione dei suoi impegni nei confronti dei figli.

Solo in questo modo contribuirà all’attuazione della legge senza che ciò comporti il venir meno all’obbligo di fedeltà verso il cliente. Pertanto, il primo compito dell’avvocato che riceve l’incarico professionale da parte di un coniuge, consiste nel tenere ben presente l’importanza della fase pre-processuale, perché è in quella fase che si possono trovare le potenzialità per giungere ad un accordo.

La possibilità di individuare quelle potenzialità capaci di ristrutturare la rottura di un legame coniugale verso la trasformazione in un legame responsabilmente genitoriale, tuttavia, è compito particolarmente arduo considerato che spesso la realtà sottoposta dal cliente è deformata da rabbia, rancore, paure. Il vero nodo nevralgico delle vicende separative è rappresentato proprio dalla capacità di gestione delle emozioni che, lenite nella loro conflittualità, devono trovare riscontro in un accordo condiviso in cui le parti si ritrovino nella stessa direzione genitoriale e soprattutto un accordo consapevole, intimamente voluto nell’interesse dei figli affinchè possa “mantenersi” nel tempo.

In questo sfondo si colloca la mediazione familiare, cioè quell'intervento professionale finalizzato alla riduzione della conflittualità e volto alla ristrutturazione dei legami familiari attraverso l’apertura di canali di comunicazione tra le parti interessate. L’accordo che scaturisce dalla mediazione, sotto un profilo contenutistico, è il frutto della attività delle parti e del loro protagonismo, in un percorso in cui il mediatore, lavorando simultaneamente alla presenza di entrambi i coniugi, ha il solo (ma determinante) ruolo di facilitatore.

Notevolmente maggiori saranno le aspettative di efficacia e stabilità di questo tipo di accordo, con evidenti benefiche conseguenze per i figli. Non a caso, la Convenzione dei diritti del fanciullo, firmata a New York nel 1989 e resa esecutiva in Italia con la legge 176 del 27.05.1991, prevede, all’art. 13, che “per prevenire e risolvere i conflitti ed evitare procedure che coinvolgano un fanciullo dinanzi ad un’autorità giudiziaria, gli Stati firmatari incoraggino la mediazione …..”. Anche la Legge 28.8.1997 n. 285, rubricata “Disposizioni per la promozione di diritti e di opportunità per l’infanzia e l’adolescenza”, prevede, all’art. 4, tra i “Servizi di sostegno alla relazione genitori-figli”, quelli di mediazione familiare e di consulenza per famiglie e minori al fine del superamento delle difficoltà relazionali.

La mediazione familiare costituisce il più importante ausilio dell’avvocato nella gestione della crisi familiare. Benchè si tenda a sovrapporre la psicoterapia di coppia con la mediazione familiare, in realtà si tratta di interventi distinti e diversi soprattutto nella loro finalizzazione pratica: la mediazione si propone di affrontare non solo gli aspetti emotivi-relazionali della coppia ma anche di approcciarsi alla soluzione dei problemi concreti che sorgono con la separazione/divorzio ( la divisione dei beni, l'affidamento dei minori ed alla loro educazione, la determinazione delle contribuzioni a favore del coniuge e della prole, l'assegnazione della casa coniugale, gli accordi sui periodi di visita ai figli per il genitore non affidatario), il mediatore opera affinché i due componenti della coppia riescano a costruire un obiettivo terzo rispetto alle loro teorie personali, che sia al di sopra degli interessi egoistici del singolo, aiutando i contraenti alla gestione delle loro teorie personali. Diversamente, la terapia di coppia in genere dovrebbe precedere la separazione in quanto è un intervento utile per aiutare la coppia a risolvere i nodi relazionali che rendono difficile la continuazione del rapporto agendo su un sistema disfunzionale che deve "essere curato".

Gli aspetti conoscitivi e pratici di cui ho appena accennato, però, risultano sconosciuti alla maggior parte degli operatori del diritto. L’avvocato ha l’obbligo e la necessità professionale di attenersi ad un codice, alle regole sancite nelle norme che sono pilastri strutturali della propria attività perché ad esse è connesso un impianto processuale finalizzato all’ottenimento di quel bene giuridico tutelato dalla legge. E nel nostro codice l’istituto della mediazione familiare ha un timido accenno sparso, non ha il crisma di un riconoscimento giuridico che ne valorizzi la figura del professionista, le modalità di accesso del percorso mediativo all’interno del sistema giudiziario, né viene regolamentata in alcun modo l’efficacia dell’accordo raggiunto al termine del percorso di mediazione.

Infatti, occorre avere l’onesto coraggio di affermare che l’art. 155 sexies, 2° co del codice civile non contiene alcun riferimento esplicito alla mediazione familiare ma soltanto un cenno ad un intervento eventuale di “esperti” nell’ambito di una lite giudiziaria già iniziata, ove il giudice raccolga il consenso delle parti. La mancanza del riconoscimento della figura professionale del mediatore familiare e di precise regole garantistiche del processo che egli coltiva nel proprio intervento professionale è un gravissimo vulnus nel nostro sistema di diritto, anche perché assistiamo ad un caotico e confuso esercizio di interventi da parte di pseudo “mediatori familiari” che provocano danni irreversibili alla coppia in conflitto.

A causa del disinteresse e dell’inerzia degli organi legislativi, il processo di istituzionalizzazione e regolamentazione del processo mediativo viene così lasciato alla buona volontà dei privati, alla sensibilità degli avvocati, alla preparazione ed all’impegno dei singoli professionisti, i quali da tempo si sforzano di elaborare principi e norme etiche e deontologiche di comportamento.

Non può e non deve sfuggire al legislatore l’ “ascolto” di quei segnali segnali sociali che sono spesso lo sfondo costante dei fatti di cronaca nera. La mediazione familiare incarna i principi dell’art. 2 della nostra Costituzione soprattutto nella parte relativa alla solidarietà. Solidale, fra i vari significati, ne ha anche uno in meccanica quale elemento di un meccanismo rigidamente collegato ad un altro. Quest’accezione ben si addice al ruolo genitoriale, quanto a quello familiare in generale, perché i genitori, anche se separati o divorziati, non smettono d’essere tali nei confronti dei figli ed anche tra gli ex-coniugi possono permanere delle conseguenze di natura patrimoniale che danno luogo alla cosiddetta solidarietà post-coniugale. Quando questo meccanismo della solidarietà si scardina nella famiglia si hanno, tra l’altro, costi sociali ed economici elevati per le famiglie stesse e per lo Stato (come si legge nella Raccomandazione R (98)1 del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa sulla mediazione familiare).

La mediazione familiare, prima ancora di essere una professione, è una “funzione sociale” a sostegno dell’”utilità sociale” della famiglia (mutuando la terminologia della nostra Costituzione) e di questo si dovrebbe tener conto in un quadro normativo organico che disciplini le relazioni familiari. Nell’attesa che l’istituto della mediazione familiare e la figura professionale del mediatore familiare trovino un riconoscimento a pieno titolo dallo Stato, è necessario che tutti gli operatori del diritto siano coscienziosamente sensibili e aperti alla cultura della mediazione, valore coadiuvante e non già oppositivo della attività dell’avvocato.

Ricordo a me stessa, la definizione più alta e arricchente della figura dell’avvocato che contiene in sé il seme della mediazione familiare: “Molte professioni possono farsi con il cervello e non con il cuore; ma l’avvocato no! L’avvocato non può essere un puro logico né un ironico scettico, l’avvocato deve essere prima di tutto un cuore: un altruista, uno che sappia comprendere gli altri uomini e farli vivere in sé; assumere su di sé i loro dolori e sentire come sue le loro ambascie. Per questo amiamo la nostra toga; per questo vorremmo, che quando il giorno verrà, sulla nostra bara sia posto questo cencio nero al quale siamo affezionati, perché sappiamo che esso è servito ad asciugare qualche lacrima, a risollevare qualche fronte, a reprimere qualche sopruso e soprattutto a ravvivare nei cuori umani la fede, senza la quale la vita non merita di essere vissuta, nella vincente giustizia” (Piero Calmandrei)

 

Avvocato civilista del Foro di Bari - Mediatrice Familiare AIMeF


Fonte: Nuova Diritto e Famiglia

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 2867 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


La mediazione familiare nel DDL Pillon: tempi e costi la nota dolente. Di Rita Rossi

I punti focali dell’affido condiviso Pillon (mi riferisco al disegno di legge n. 735 presentato da poco...

15/09/2018 - 17:58
La mediazione familiare nel DDL Pillon: tempi e costi la nota dolente. Di Rita Rossi

In Croazia Mediazione familiare obbligatoria, in Italia una categoria a spasso

A volte bisogna imparare dai vicini, per curare meglio il proprio orto. Ovviamente, se si ha intenzione...

17/02/2016 - 16:39
In Croazia Mediazione familiare obbligatoria, in Italia una categoria a spasso

Mutamenti sociali e famiglie "liquide": maggiori regole per la Mediazione Familiare

di EMANUELA PALAMA' - Dopo oltre un ventennio di gestazione de facto ed una debole previsione...

01/09/2015 - 16:26
Mutamenti sociali e famiglie

La Mediazione Familiare tra il diritto e il legame sociale – di Lucia Legati*

I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di...

11/01/2015 - 10.58
La Mediazione Familiare tra il diritto e il legame sociale – di Lucia Legati*

Mediazione Familiare in Italia ancora al palo: mediatori vittime di se stessi?

Disegni e progetti di legge, workshop, seminari e convegni...In mezzo, anche un tavolo tecnico partito a...

17/08/2014 - 10.31
Mediazione Familiare in Italia ancora al palo: mediatori vittime di se stessi?

Mediazione Penale Minorile, Palmieri: ascoltare i silenzi per capire i disagi

(Di Irma Capece Minutolo) - Lo scorso 5 marzo, al Tribunale dei Minori di Roma, l'Ambasciatrice alle...

08/03/2014 - 17.18
Mediazione Penale Minorile, Palmieri: ascoltare i silenzi per capire i disagi


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 3 commenti


07:09  di domenica 30/08/2015
scritto da  Dom 77
è triste dirlo ma secondo me ha ragione Alessio, il resto è tutta teoria

07:37  di giovedì 06/08/2015
scritto da  Alessio
la mediazione è una favoletta perchè basta che la moglie non vuole e non si fa

16.06  di lunedì 12/01/2015
scritto da  gerardo spira
L´avvocato Legati non ha fatto altro che ricordare ai suoi colleghi, e ve ne sono molti, anzi tantissimi, il corretto comportamento deontoligico da tenere nella contesa giudiziale. Se fosse così gli albi professionali, per motivi disciplinari, subirebbero una consistente limitazione della professione, e sarebbe salutare per tutti. Basta leggere le istanze o le comparse per trovarvi gli orrori più spregevoli di teorie tese a presentare l´altro come un malfattore, un delinquente, un irresponsabile e così via. La cosa grave è che nessun giudice, eppure la legge ne impone il rilievo di ufficio, assume iniziativa presso il competente consiglio dell´ordine. Perché ? I motivi sono ben chiari a tutti; ormai il libro è aperto e letto: tutti trovano ragioni ed interessi per tenere accesa la candela del contenzioso minorile.


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2018 - Codice Fiscale: 97611760584