Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Allontanamenti facili e abusi dei servizi, il Garante Spadafora: tutto ok, il sistema regge

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Allontanamenti facili e abusi dei servizi, il Garante Spadafora: tutto ok, il sistema regge
Il Garante Infanzia Spadafora

13/08/2014 - 08.58

Il Garante per l’Infanzia, Dr. Vincenzo Spadafora, meriterebbe una menzione speciale. Negli ultimi mesi i Servizi Sociali sono stati sotto i riflettori a causa della trasmissione Le Iene, che ha dedicato alcune puntate alle modalità “disinvolte” di alcune assistenti sociali e agli abusi in casa famiglia.

Linea prevalente della solita platea di indignati istituzional-interessati: "...Le Iene sono fuorvianti, sarà anche vero che qualche operatrice sbaglia ma i Servizi non sono tutti così e chi vede la trasmissione potrebbe credere il contrario...".

Beh, magari fossero solo Le Iene a denunciare i disservizi..... 

A denunciare è un coro fatto da mille voci, una più autorevole dell’altra, un elenco nutrito di testate giornalistiche, parlamentari e professionisti di varie branche del sapere.

Nel corso del dibattito del 13 giugno scorso al Senato (convegno presieduto dalla senatrice Blundo), rispondendo ad alcune domande dalla platea, il Garante ha sostenuto “...non è il caso di fare allarmismo perché il Sistema, tutto sommato, regge...”.

Affermazione gravissima, considerando il ruolo di chi l’ha pronunciata.

Bizzarra la posizione del Garante: non ha accolto pubblicamente l’allarme per ogni bambina o bambino (anche fossero solo poche decine in tutta Italia) indebitamente sottratto ai genitori o maltrattato all’interno della struttura che dovrebbe proteggerlo; ha invece tranquillizzato la platea sostenendo che “il sistema regge” perché vi sono decine di migliaia di minori presi in carico dai servizi territoriali, che non vengono ne’ abusati ne’ maltrattati.

Il compito istituzionale dell’Autorità Garante per l’infanzia non è quello di minimizzare una violazione dei diritti dei minori in quanto poco rilevante dal punto di vista numerico.

Un minore abusato sessualmente dagli operatori ai quali era stato affidato dai servizi sociali, va riconosciuto come vittima, si o no?

Qualsiasi maltrattamento fisico, sessuale o psicologico subito in Casa Famiglia va riconosciuto come violazione dei diritti dei minori, si o no?

Tali anomalie, in quanto violazioni dei diritti dell’infanzia, rientrano nella sfera di competenza dell’Autorità Garante, si o no?

Su questo avremmo voluto si esprimesse il dr. Spadafora, che invece non ha ritenuto opportuno accogliere e fare proprio l’allarme perché i minori abusati in casa-famiglia non sono poi così tanti.

Il Sistema “regge”, dice lui. Grazie … E' ovvio che le violazioni siano minoritarie rispetto al totale dei bambini presi in carico.

Per prendere atto di una criticità, qualsiasi criticità, è necessario che riguardi il 50% + 1 degli interessati, altrimenti non vale la pena occuparsene?

Questa singolare teoria varrebbe esclusivamente per l’infanzia, in quanto per gli adulti i criteri di valutazione sono diversi. Ogni anno da 100 donne uccise nasce l’allarme sociale femminicidio; le Pari Opportunità ed il Ministero dell’Interno non sminuiscono il fenomeno sostenendo che “il sistema regge” perché milioni di donne non vengono assassinate.

Ogni anno da 30 detenuti suicidi nasce l’allarme sociale emergenza carceri; i Garanti per i diritti dei detenuti ed il Ministero dell’Interno non sminuiscono il fenomeno sostenendo che “il sistema regge” perché decine di migliaia di detenuti non si suicidano.

L’autorità Garante della concorrenza, meglio nota come Antitrust, non sostiene che “il sistema regge” guardando benevolmente alle migliaia di aziende corrette, ma prende posizione contro ogni singolo caso che meriti la tutela del consumatore.

Il dr. Spadafora però è fatto così: per lui qualche bambino abusato non suscita allarme, che vuoi che sia, l’importante è dire che “il sistema regge”.

Il disinteresse del Garante invade troppi campi che costituiscono le priorità delle stesse associazioni che si guarda bene dal coinvolgere: i minori contesi nelle separazioni, gli allontanamenti facili, i bambini abusati in casa famiglia.

Sulle pagine di Adiantum abbiamo già fatto fin troppe analisi:  

 

http://www.adiantum.it/public/3247-il-garante-infanzia-e-adolescenza-esclude-i-portatori-di-interesse-e-non-affronta-i-veri-problemi.asp

http://www.adiantum.it/public/3369-per-il-garante-infanzia-il-disagio-minorile-nella-crisi-di-coppia-non-merita-attenzione.asp

http://www.adiantum.it/public/3465-garante-nazionale-infanzia--il-ruolo-merita,-chi-lo-conduce-no---di-fabio-nestola.asp

 

Ora sarebbe il caso di andarlo a dire al Garante stesso, e consegnargli un documento di sintesi sulle lacune del suo operato.

Già lo scorso ottobre 2013, alla manifestazione nazionale a Montecitorio,  l'analisi lucida di Fabio Nestola aveva esposto la necessità di individuare l’Autorità Garante per l’Infanzia come prossimo obiettivo sul quale concentrare l'azione delle associazioni.

Il dr. Spadafora, in tre anni di mandato, non ha fatto una sola azione concreta, dicasi una, per prendere ufficialmente posizione in merito alle violazioni dei diritti dei minori nelle separazioni e dei mille problemi connessi.

Probabilmente, la scelta di una protesta formale e visibile appare ineluttabile.


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 6589 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

La pazienza è finita. Questa, in sintesi, la presa di posizione di numerose...

07/04/2019 - 14:53
26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Di ALESSIO CARDINALE* - Sono trascorsi ormai più di dodici anni dalla entrata in vigore della legge n....

15/09/2018 - 00:53
Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

È quanto riportano le agenzie: dall’inizio dell’anno sono 16 le donne sospese dal...

12/03/2018 - 11:09
Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

A leggere certa roba viene il voltastomaco. 

Ormai, nel dilagante...

09/08/2017 - 07:09
Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Oh, ecco com’è stata recepita dal Ministro la vibrante protesta AIAF.....Il MIUR riconosce che...

02/05/2017 - 13:34
AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

L’ISTAT pubblica un’analisi dei dati emergenti dalla giurisprudenza 2005/2015, ed ammette la...

11/04/2017 - 11:51
Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 6 commenti


19.47  di venerdì 15/08/2014
scritto da  TIZZANI GIUSEPPE
L´esternazione (infelice) del dr. Spadafora è giusta,dipende solo da quale angolazione la si guarda. infatti se l´analizziamo dal punto di vista di quanti operando nella orbita della "questione minorile" ne traggono(secondo il ruolo che coprono)vantaggi economici o di altra natura come,(consensi politici,o prestigio personale)considerando che ad oggi(è preciso ad oggi perché domani non è ancora arrivato)nessun genitore colpito ha ancora reagito con la stessa violenza di cui è fatto oggetto, tutto sommato nonostante il "danno collaterale" di migliaia di bambini ingiustamente sottratti alla famiglie, centinaia maltrattati nelle comunità e nelle "case famiglie"(e parlo per esperienza personale)il (loro) "sistema regge" "Il pastore" ritiene di avere ancora abbastanza saldo "il bastone per guidare le pecore" senza però tenere conto che ci sono anche dei lupi che per amore dei figli si sono camuffati da pecora e che quando li perdono possono decidere di riassumere la loro identità ed assalire anche l´uomo.

07.59  di venerdì 15/08/2014
scritto da  gerardo spira
Non intendevo commentare, ma ho riflettuto e credo che questo signore meriti anche le mie considerazioni. Già in qualche altro commento mi sono espresso. Eppure la sua funzione è salatamente pagata con danaro di tutti i contribuenti italiani. Quando afferma che "tutto sommato il sistema regge", probabilmente si riferisce ai suoi amici o parenti o amici dei parenti. Le offese ? non servono a nulla, tanto non le sente perché la sua funzione è "prona " verso i Servizi e la magistratura di genere. Il cittadino è addirittura infastidito da questa presenza e sarebbe ora che ilGoverno Renzi, nel programma di riforme, pensasse anche di sopprimere questa Autorità per recuperare un´altra fetta di danaro pubblico sprecato.
I servizi sociali??? E´ora che venga aperta una inchiesta amministrativa-contabile, per accertare la provenienza delle persone "sistemate", i metodi delle assunzioni e soprattutto i legami con caste ed altro ?!. Credo che il mondo del lavoro disoccupato abbia questo diritto.

04.51  di venerdì 15/08/2014
scritto da  claudio bondavalli
ho la sensazione che sia una linea di scelta tutta italiana, anche il garante per l´Emilia Romagna dott Fadiga segue la stessa linea quando gli si segnalano anomalie nel funzionamento delle strutture preposte alla tutela dei minori.
Serve ad evitare procedure d´infrazione dalla UE?
Oppure serve al sistema solo per gestire una montagna di danaro?

21.07  di mercoledì 13/08/2014
scritto da  Alice Guevara
nella foto, il Garante è quello a sinistra?

14.27  di mercoledì 13/08/2014
scritto da  roxanne
Ma non vi vergognate invece di tutelarci come italiani ammazzate noi e i nostri figli.Capisco e dico che sia giusto allontanare un bambino/a in casi gravi abbandono molestie ma adesso togliete i bambini ai genitori anche se respiriamo più aria del dovuto o se la madre preoccupata per proprio figlio si rivolge ai SS.Aiutate la gente in difficoltà invece di dare soldi alle case famiglie per ogni minoreI figli dei genitori che li amano devo restare con loro.Ma non vi viene i brividi a pensare come piangono e si disperano perche vengono allontanati dai propri genitori?NOn so come descrivervi ma animali no perche offendere i i nostri amici a 4 e a 2 zampe che un cuore ce l´hanno.Basta I MINORI NON SI TOCCANO SE NO IN CASI GRAVI


1 - 2


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584