Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Commissione Bianca, Rita Rossi: divelti i paletti e le pietre angolari del condiviso

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Commissione Bianca, Rita Rossi: divelti i paletti e le pietre angolari del condiviso
Rita Rossi

15/01/2014 - 12.46

E’ proprio il caso di dirlo. Il 7 febbraio prossimo le lancette della storia torneranno all’indietro di ben sette anni. Il 7 febbraio, infatti, entrerà in vigore il D. Lgs. n. 154 del 28.12.2013 con una serie di passaggi modificativi della disciplina sull’affidamento condiviso del tutto inattesi e, anzi, non dovuti sulla base della legge delega.

Doveva essere, secondo quanto stabiliva l’art. 2 della Legge Delega (legge di riforma della filiazione, n. 219 del 2102) un intervento di rifinitura e di coordinamento delle varie norme sparse nel codice civile e in altre leggi che andavano adeguate alla revisione sostanziale della normativa in materia di filiazione. In effetti, il nuovo scenario, con al centro la figura unitaria di figlio, e la scomparsa delle tradizionali categorie di figli (e disparità di trattamento annesse e connesse) imponeva di mettere mano ad un’opera certosina di cesellatura e adattamento.

Fatto sta che la Commissione incaricata (presieduta dall’illustre giurista Cesare Massimo Bianca) ha lavorato alacremente (tanto da rispettare i tempi assegnati), ma lo zelo ha prodotto risultati abnormi. Ci troviamo di fronte, così, ad una riforma della disciplina dell’affidamento condiviso realizzata senza seguire l’imprescindibile iter parlamentare. Ci troviamo di fronte ad un vero e proprio eccesso di delega, e, diciamo subito, con quali nefasti effetti.

Con una modalità ben più snella (poiché sottratta al confronto democratico tra le forze parlamentari) sono stati divelti i paletti, le pietre angolari del sistema dell'affidamento condiviso (introdotto, si rammenta, con la legge n. 54 del 2006); e per tale via si è tornati all' Ancien régime, o per meglio dire, sono state autorizzate le prassi applicative meno felici emerse in questi sette anni di messa in opera della legge n. 54, prassi non consone – occorre aggiungere – e anzi contrastanti con la filosofia di fondo della riforma.

Di cosa si tratta?

1) In primo luogo, è stata sdoganata la figura del genitore cd. collocatario o prevalente (che dir si voglia), figura non prevista dalla disciplina sull’affidamento condiviso, ma introdotta in modo surretizio dai giudici: senonchè, come è evidente, ammettere che vi sia un genitore collocatario o convivente o prevalente significa, in definitiva, far rivivere i vecchi schemi del genitore di serie A e del genitore di serie B, subalterno, del tempo libero. Il Decreto ha, infatti, aggiunto tra le decisioni di maggiore importanza per i figli che, in mancanza di accordo tra i genitori, vengono decise dal giudice la scelta della residenza abituale del minore. Ed è quanto già si stava facendo presso i vari tribunali d’Italia: ma questo stride con la ratio stessa dell’affidamento condiviso, che non può prescindere da una frequentazione equilibrata e flessibile, e dalla negazione dell’esistenza di un’abitazione predominante. E questo accade, per di più, proprio quando in Francia viene approvata la “doppia residenza” del figlio minore quale soluzione prioritaria, con una presa di distanza storica rispetto all’ordinamento italiano.

2) Sempre sulla residenza (per quanto la norma introdotta possa sembrare innocua), il Decreto Lgs. obbliga il genitore a comunicare all’altro l’avvenuto cambiamento di residenza o di domicilio, prevedendo per l’ipotesi di mancata comunicazione, la sanzione del risarcimento del danno subito dall’altro genitore o dal figlio. Ma, come non accorgersi che in tal modo il genitore “collocatario” potrà indisturbatamente trasferirsi altrove, portando con sé il figlio, senza necessità del consenso dell’altro genitore, e limitandosi a comunicarlo a cose fatte ? E, magari, allo scadere del 30° giorno, quando già genitore e figlio si sono stabiliti nella nuova abitazione a 600 km. di distanza. C’era una volta la bigenitorialità.....

3) E veniamo al rispristino – a livello statutario – dell’assegno periodico di mantenimento per i figli. Ricordiamo che nel 2006 era stato sancito il carattere perequativo dell’assegno; oggi ricompare l’assegno ordinario periodico, con la vanificazione dell’intento stesso del Legislatore che era stato quello di evitare le disparità di trattamento a discapito di uno dei genitori. C’è da scommettere sul fatto che le prassi applicative di questi anni, già riluttanti a superare il vecchio sistema di suddivisione dell’obbligo di mantenimento tra i genitori, riceveranno nuova linfa da questa “novità”.

4) L’ascolto del minore, poi, diventa non obbligatorio: il giudice, infatti, potrà considerare superfluo l’ascolto del minore, nei procedimenti di separazione consensuale. In direzione totalmente opposta, la legge n. 219 del 2012 aveva elevato l’ascolto del minore a vero e proprio diritto di questi, delegando il Governo soltanto a regolare le modalità dell’ascolto. Mi chiedo, in modo ironico, se possa esistere un diritto il cui esercizio da parte del suo titolare viene deciso e consentito o negato dal giudice. E, inoltre, come può il giudice stabilire se, nel caso concreto, l’ascolto sia superfluo? E basta pensare all’eventualità di un accordo tra i genitori che preveda tempi di frequentazione del bambino con l’uno e con l’altro assolutamente non consoni agli impegni e ai desideri del figlio.

5) Vi è, ancora, la previsione della perdita dell’ esercizio della responsabilità genitoriale a carico del genitore non affidatario, nelle situazioni in cui venga disposto l’affidamento esclusivo. Considerato che, nella pratica, la giurisprudenza ammette l’affidamento esclusivo anche nei casi di conflittualità genitoriale che nuoccia al minore, si apre, in tal modo, la possibilità di escludere dall’esercizio della responsabilità genitoriale uno dei genitori in un numero estesissimo di situazioni, essendo sufficiente che ricorra conflittualità. Un pianeta, insomma, sul quale “bigenitorialità” è una parola priva di significato.

6) E, dulcis in fundo, ecco l’attribuzione esplicita al giudice del potere di disporre l’affidamento familiare del minore, in caso di temporanea impossibilità di affidare il minore ad uno dei genitori. E’ vero che questo accadeva già, ma dare fiato alle trombe riguardo a siffatto istituto quando sono sotto gli occhi di molti i disastri che esso produce, non ci pare proprio il massimo dell’opportunità.

Il Consiglio dei Ministri ha introdotto e previsto tutto quanto sopra (per ciò che riguarda la disciplina dei rapporti tra genitori e figli nella separazione) che potremmo riunire sotto una rubrica comune dal titolo “Ode al passato”. Perché? Dovremo affannarci nei prossimi mesi a discutere di questo, ma intanto – pare – mancano gli strumenti istituzionali per promuovere un fattivo ripensamento del Legislatore. Un pasticciaccio, dunque, realizzato in sordina, dal sapore amaro.


Fonte: http://www.personaedanno.it/index.php?option=com_content&view=article&id=44325&catid=120&Itemid=367&mese=01&anno=2014

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 4227 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

La pazienza è finita. Questa, in sintesi, la presa di posizione di numerose...

07/04/2019 - 14:53
26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Di ALESSIO CARDINALE* - Sono trascorsi ormai più di dodici anni dalla entrata in vigore della legge n....

15/09/2018 - 00:53
Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

È quanto riportano le agenzie: dall’inizio dell’anno sono 16 le donne sospese dal...

12/03/2018 - 11:09
Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

A leggere certa roba viene il voltastomaco. 

Ormai, nel dilagante...

09/08/2017 - 07:09
Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Oh, ecco com’è stata recepita dal Ministro la vibrante protesta AIAF.....Il MIUR riconosce che...

02/05/2017 - 13:34
AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

L’ISTAT pubblica un’analisi dei dati emergenti dalla giurisprudenza 2005/2015, ed ammette la...

11/04/2017 - 11:51
Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 5 commenti


21.32  di lunedì 20/01/2014
scritto da  Gino
Pasticciaccio? Avvocato lei sta eccedendo di politness...il pasticcio è frutto di un errore. ..qui non ci sono errori. Qui ci sono piani, volontà incrollabili. Ma c´è davvero qualcuno degli addetti ai lavori che l´equiparazione dei figli naturali a quelli legittimi potesse portare ad altro che a questo? ??? L´equiparazione doveva servire solo ad allargare il parco utenza del divorzificio e a legiferarlo secondo prassi consolidata dei tribunali. Quando all´epoca uscirono i titoloni sui giornali mi sbellicai dal ridere...."guarda ci prendono in giro " pensavo. Era una terra priva di adeguato controllo quella dei figli naturali. ...lasciava ancora qualche possibilità di combattere ai padri....ma adesso. ...sarà UGUALE DISCRIMINAZIONE PER TUTTI I PADRI.

10.23  di giovedì 16/01/2014
scritto da  Pino FALVELLI
Nell´ ambito del dritto di famiglia, ormai, è stato divelto tutto, non solo i paletti. L´ assurdo sistema vigente è semplicemente vergognoso !!!

07.19  di giovedì 16/01/2014
scritto da  gerardo spira
l´accanito comportamento della magistratura di genere,prima e l´involuzione normativa di fine d´anno, saranno la causa del diffondersi dei suicidi e del cosiddetto femminicidio. La soluzione ? la presa di coscienza dei genitori e una tendopoli a tempo indeterminata davanti al parlamento.

18.04  di mercoledì 15/01/2014
scritto da  Eleonora di Tu sei mio figlio
Ma i figli si meritano tutto questo???
Qui non è questione di padre o di madre , qui è palese che oltre ad aver tolto almeno la speranza al diritto del minore ad essere cresciuto da entrambi i genitori, lo s´imbavaglia anche se volesse parlare in età possibile per essere ascoltato, perché il "giudice" non lo riterrà "necessario", se non volesse cambiare città, amici, scuola, nessuno prenderà atto del suo disagio del suo chiedersi ma perché sono nato se non ho diritto di vivere in pace per colpa di questi adulti perennemente in guerra, i quali rendono i miei genitori ancor più nemici trovandomi ad essere il bersaglio di chi vuole "tutelarmi"? Perché non posso avere il diritto di avere 2 case dove trovare i miei affetti e i miei effetti personali e mi vedo catapultato in case estranee o peggio ancora in istituti, sempre perché chi deve tutelarmi ritiene che tra i 2 litiganti io sia proprietà dello stato? ITALIA LADRONA di FIGLI, siamo al tempo di Romolo e Remo i figli della lupa. GENITORI SEPARATI SVEGLIATEVI non solo vi hanno tolto i diritti avete il dovere INSIEME di imporre il vostro NO per il vero bene dei vostri figli, altrimenti verrete trattati come erano trattati gli ebrei...i figli anche con 2 cognomi resteranno figli di N.N.....

14.12  di mercoledì 15/01/2014
scritto da  Giovanni
Secondo me ce lo meritiamo noi papa non siamo risoluti


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584