Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

A Roma si calpesta il diritto di ascolto del minore. Un caso concreto

News e Comunicati Stampa


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


A Roma si calpesta il diritto di ascolto del minore. Un caso concreto

09/11/2013 - 19.34

Roma, caput mundi. Nella Capitale il cittadino pensa di avere il massimo delle garanzie di diritto e la più elevata qualità della produzione giuridica, se non altro per le professionalità messe in campo e per la qualità delle competenze e del confronto. Invece proprio qui abbiamo una Giustizia a pezzi, con la testa abbassata e nascosta tra le gambe.

Quella minorile, in particolare, appartiene ad un mondo a parte, in cui non valgono più i principi e i valori del diritto, ma umori, sensazioni, cultura di provenienza e soprattutto capacità di adattarsi  con spirito servile. 

La coscienza pulita  mal digerisce una decisione ingiusta, come nel caso che descriviamo.

Nel 2007, dopo tre anni di matrimonio, una moglie decide di mettere fine al matrimonio e pretende di far andare fuori di casa il marito, aprendo contro di lui una guerra fatta di false denunce sparse in diversi posti di polizia di Roma.

Il conflitto, comunque, porta dopo alcuni mesi alla separazione consensuale, e il bambino viene collocato presso la madre. Nell’accordo, regolarmente omologato, risultano prestampate le modalità di visita e di incontro.

Nonostante la presenza affievolita, il padre scopre che il figlio è affetto da malattia rara. Ricoveri, accertamenti e interventi, consigliano la donna a rallentare le aggressioni, anche perché il minore pretende espressamente la presenza del padre.

La madre, però, ricorre al Tribunale dei Minori di Roma richiedendo l'affidamento esclusivo e  la decadenza della potestà genitoriale di lui. Il Tribunale, anche con il parere favorevole del P.M, nel novembre 2011 accoglie le  lamentele della madre e ordina il cosìddetto percorso protetto al padre e al figlio.

Durante gli incontri il minore manifesta una volontà diversa e contraria alla decisione, certificata dai servizi. Il padre, dopo aver denunciato la delicata situazione di salute del, si rifiuta di continuare il percorso e invita il Tribunale ad ascoltare il minore e a decidere secondo la sua volontà.

Il 16 luglio 2012 il Tribunale, dopo tre incontri e  10 mesi di istruttoria, emette una decisione che sconfessa  la ricorrente, il P.M e una dirigente dell'ASL, prestatasi ad assecondare quello che sembrerebbe un piano ben organizzato.

Viene rinvenuta negli atti una lettera dalla quale si evince che la madre del bambino e la psicoterapeuta dell’ASL si conoscevano “carissimamente“, e tutto il castello costruito artificiosamente crolla. 

Il Tribunale  decreta che sono insussistenti i presupposti su cui è stato poggiato il ricorso, restituisce padre e figlio alla normale vita di relazione, ma  non si esprime sulla  richiesta formale del padre di ascoltare il minore e neppure motiva  il rifiuto o il silenzio.

La madre, riproponendo gli stessi motivi respinti dal Tribunale, si appella alla Corte d'appello Sez. Minorenni di Roma, il quale, calpestando la decisione del Tribunale e cancellando una istruttoria durata oltre dieci mesi, contro il parere sfavorevole del P.M accoglie le lamentele della ricorrente, con un ragionamento, fuori da ogni logica giuridica, di chiaro umore “interiore”.

Il Decreto viene emesso  il 15 gennaio 2013, 15 giorni dopo l'entrata in vigore della legge 219/2012, e dispone l'affidamento esclusivo in favore della madre e, nuovamente, incontri in forma protetta per padre e figlio.

Il padre si sottopone al nuovo percorso, affidato per l'esecuzione ai Servizi sociali del Municipio II di Roma. Questi  si attivano solo dopo le sue diffide, giustificando il ritardo con la motivazione che il Comune non ha la disponibilità di locali per lo scopo. Vengono reperiti locali di una cooperativa che” opera” intorno al Comune e finalmente dopo tre mesi (interminabili) si parte.

Scoppiano contraddizioni, incompetenze e irregolarità procedurali. Le assistenti sociali ignorano il procedimento amministrativo e mancano di nominare il responsabile dello stesso. Nella confusione dei ruoli e delle competenze  viene redatto un calendario di incontri, durante i quali padre e figlio vengono messi a giocare in una stanza di un appartamento. Durante i giochi il bambino parla, manifesta le sue idee, facendo comprendere all'educatore di turno la sua volontà e i sentimenti che lo legano al padre. Gli educatori relazionano la verità in oltre venti incontri, che confermano la decisione del Tribunale. Resosi conto  che quel percorso era di disturbo al figlio, il padre comunica di non voler continuare con quelle modalità senza la garanzia scritta che quel percorso non  sarebbe stato di pregiudizio al bambino.

A questo punto “scappano” tutti, e nessuno vuole rilasciare la dichiarazione richiesta, scaricando responsabilità e competenza. Nessuno da certezza della regolarità formale degli atti compiuti, del procedimento avviato e della idoneità di locali messi a disposizione dalla cooperativa. Organi ed Autorità si chiudono in un mutismo impenetrabile e così fino ad oggi.

ciò dal 27 giugno. 

A ben vedere, si tratta di una farsa istituzionale-giudiziaria, finita miseramente sul palcoscenico del complotto e dell'accanimento in nome di una triste questione di genere.

Il collegio della Corte di appello di Roma, dopo aver emesso il provvedimento in forma vaga ed indeterminata, lo ha così delegato ai Servizi sociali e assegnato a due assistenti che nella confusione burocratica hanno aggravato il procedimento, portandolo in un vicolo cieco.

L'apparato di settore del Municipio II  ha cercato di correre ai ripari con atti e documenti maldestramente “aggiunti” per rattoppare il buco.

La magistratura, partecipante, è stata informata durante tutta la fase del procedimento. La legge individua le responsabilità e prevede gli obblighi. Si parla molto in questi tempi di garanzie e di legalità, ma nella materia dei minori e della famiglia regna la più grande confusione e nessun Organo istituzionale di controllo amministrativo e giudiziario interviene per la salvaguardia dei diritti e della dignità del minore. Eppure sono stati documentati fatti e richiamati documenti che riguardano la vita e il futuro di un minore affetto da malattia rara.

Alla Corte di Appello - sezione minorenni - di Roma è sfuggito che il 1 gennaio del 2013, 15 giorni prima della sua decisione, con l'entrata in vigore della legge 219/2012 recante disposizioni in materia di figli naturali, all'art 1 comma 8, punto 2 è stato aggiunto l'art 315 bis il quale stabilisce cheil  minore, che abbia compiuto gli anni 12  e anche di età inferiore, deve essere ascoltato in tutte le questioni e le procedure che lo riguardano.

Questa legge, convalidando i principi innovatori della legge 54/2006, ha finalmente sancito il diritto soggettivo all'ascolto del minore, cioè  della persona sulla cui pelle si fanno  strategie e si azzardano i bizantinismi logico-giuridici.

Il minore, invece, non è stato ascoltato e nessun giudice si è espresso sulla sua capacità di discernimento.  Se è stata una ingenua dimenticanza, questa pesa gravemente sul provvedimento e sul  procedimento in cui sono state assunte decisioni sulla sua vita e sul suo futuro. 

 

avv.Gerardo Spira


Fonte: Redazione - Gerardo Spira

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 2069 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

Una nutrita schiera di associazioni e organizzazioni a tutela dei diritti civili della famiglia, a seguito...

07/04/2019 - 11:01
Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Il percorso del DDL Pillon in Parlamento si rivela meno facile di quanto non potesse sembrare. Anche...

15/09/2018 - 08:52
DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Un breve articolo compare il 15 aprile sul portale Studio Cataldi, sempre molto utile per dottrina ed...

13/04/2017 - 11:08
Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

Ieri sera in prima serata su Rai 2 nella trasmissione "Nemo – nessuno escluso", il Dott....

14/04/2017 - 21:20
Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Francesco D’Auria, Segretario nazionale Adiantum, lancia un appello a tutti i genitori...

19/03/2017 - 12:20
19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali

Interpellanza al Presidente del Consiglio, da parte del deputato Emanuele Scagliusi (M5S) in materia di...

21/11/2016 - 15:55
Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Non ci sono ancora commenti


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584