Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Milano, aggredita attivista delle P.O. genitoriali. Autore bloccato e denunciato

Le Associazioni raccontano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Milano, aggredita attivista delle P.O. genitoriali. Autore bloccato e denunciato

28/09/2013 - 16.58

A.T. (per il momento non pubblichiamo le generalità), nota attivista delle pari opportunità genitoriali, è stata aggredita ieri nell'androne di casa. L'autore è il figlio 23enne (di primo letto) della ex moglie dell'attuale compagno, sconosciuta volontaria di una piccola rete femminile che negli ultimi mesi si sarebbe distinta esclusivamente per i toni eccessivi dei suoi comunicati e per l'appoggio occasionale di giornaliste senza tanti scrupoli (con blog discriminatorio al seguito).

Cosa abbia spinto questo ragazzo, che nulla c'entrerebbe con la personalissima vicenda familiare della vittima, ad aggredire la nostra amica - a cui va la solidarietà di tutta ADIANTUM - lo scopriranno gli inquirenti, giacchè l'autore dell'aggressione è stato prima bloccato da alcuni passanti e poi prontamente denunciato (è a piede libero). 

Noi, a caldo, ci chiediamo cosa ne pensa la mamma, se approva l'operato del figlio - cresciuto ed educato chissà come - oppure, come logica vorrebbe, se abbia cominciato a preoccuparsi per la piega che ha preso la vicenda.

Intanto l'accaduto è inquietante. In un clima già avvelenato da mesi di intimidazioni e minacce, A. è stata aggredita nell'androne di casa mentre si accingeva a salire a casa. Ad attenderla l'aggressore, che lei ha subito riconosciuto.

A.T. è stata minacciata, e ha cercato di difendersi come poteva. Cosa sia accaduto non è ancora chiaro, ma è certo che ad A.T. è stato strappato il cellulare - forse usato per tentare di chiedere aiuto - e che alcuni testimoni sono accorsi alle grida della vittima, hanno rincorso il ragazzo, lo hanno bloccato e hanno chiamato le forze dell'ordine. "Voglio ringraziare tutti questi uomini che mi hanno aiutata", afferma A.T., "perchè in tempi così privi di solidarietà quei concittadini sono intervenuti con prontezza, indifferenti al potenziale rischio che si assumevano difendendomi".

Secondo Valentina Morana (psicologa investigativa e blogger) "...si sta cercando di abbattere l’istituto della famiglia, per poter controllare la popolazione, dividendo le donne dagli uomini, per sottometterci tutti e nutrirsi di carne fresca. Si sta portando avanti un attacco insopportabile agli uomini con campagne pubblicitarie denigratorie e palesemente false. Si sta presentando ai giovani una visione del maschio violento e della femmina passiva, che non corrisponde per niente alla maggior parte dei fenomeni umani. E adesso si vuol farlo pure con i bambini. “Educazione” la chiamano. Io lo chiamerei in omaggio al grande Orwell, “Il Ministero della Libertà”".

"La vittima", continua la Morana, "ha subito ancora attacchi con insulti e minacce rivoltanti. Una donna per bene che lotta alla luce del sole per difendere i diritti dei bambini alla bigenitorialità (cioè a condividere con la madre e il padre, entrambi) e lo fa con coscienza e correttezza, viene pestata, e a questa gente avanza di continuare ad aggredirla. L’aggrediscono mentre è ferita. Sono esseri spregevoli ai quali va rivolto tutto il nostro disprezzo".

Secondo Alessio Cardinale, Portavoce Nazionale di ADIANTUM, "questa aggressione è il frutto di un clima irrespirabile creato ad arte da alcuni media nazionali e da redazioni giornalistiche senza scrupoli, le quali cercano di imporre l'idea di una superiorità del genere femminile, quasi come contrappasso di quella primitiva supremazia maschile che, per fortuna, il nostro Ordinamento e la nostra cultura hanno eliminato da tempo. Questa forzatura culturale, nonostante tutto, fa fatica a passare nella gente comune, però apre una ferita tra i due generi e contribuisce all'annullamento di quella solidarietà tra uomini e donne che è sempre stata alla base del buon funzionamento della Società Civile".

Fortunatamente, l'episodio di Milano ci dice che questa solidarietà esiste ancora, e l'aiuto dato ieri alla vittima dell'aggressione, da parte di numerosi sconosciuti, lo prova a chiare lettere. 


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 5165 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Anche a Trieste sarà attivo un punto di riferimento per i genitori separati, nato per tutelare i figli minori coinvolti nelle...
14/03/2017 - 09:54
Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Nell’assemblea del 20 gennaio tenuta a Roma presso la sala Luigi Di Liegro di Palazzo Valentini, Adiantum – Associazione di...
29/01/2017 - 11:57
Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Lo scorso 7 dicembre, al Liceo Mascheroni di Bergamo, si è tenuta la seconda edizione degli anuali “Adiantum Community...
30/11/2016 - 11:48
Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

Sabato 15 ottobre alle ore 17, Adiantum – Associazione di Aderenti Nazionale per la Tutela dei Minori –...
11/10/2016 - 17:12
Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

In crescita ADIANTUM nel Lazio. Il coordinatore nazionale Massimiliano Gobbi, infatti, ha annunciato l'apertura della delegazione...
05/10/2016 - 15:48
ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale

L'associazione per la tutela dei diritti dei bambini italiani sottratti illegalmente in Slovacchia cambia denominazione e obiettivi...
29/09/2016 - 12:10
Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 6 commenti


14.52  di martedì 01/10/2013
scritto da  Redazione

Alla sedicente e presunta VALENTINA, e a tutte le persone che ci stanno inviando commenti senza firma e senza alcuna possibilità di individuazione, dobbiamo comunicare che verranno cestinati tutti i contenuti recanti informazioni e dati sensibili che ci impongono cautela e riservatezza. Ci siamo fatti una opinione (che teniamo gelosamente per noi), e già mal sopportiamo (solo per il momento) vs azioni e contenuti disdicevoli, ma non siamo stupidi. Pertanto, è inutile invocare "il contraddittorio", se poi tutto si riduce a voler giocare con il nostro fondoschiena. Un saluto


12.26  di martedì 01/10/2013
scritto da  Valentina
commento pur sapendo che molto probabilmente verrò censurata..ma comunque ci provo sperando in una vostra volontà di contradditorio..come fate ad asserire che il ragazzo non centra nulla con le vicende personali della "vittima" quando quest ultimo è il fratello della bimba ora in affidamento al padre compagno della signora T. Inoltre il ragazzo (23 enne) si era recato sotto casa del padre della bimba solo per poter salutare e dare un bacio alla sorellina che non vedeva da 2 giorni dopo che era stata prelevata dalle ass sociali a scuola, inoltre veniva negato qualsiasi contatto anche solo telefonica sia alla madre che al fratello.. che male poteva fare un ragazzo che vuole semplicemente salutare la sorellina?? la signora T che voi chiamate vittima ha cominciato a sbattere in faccia al ragazzo il suo telefonino procurandogli una bella ferita.. poi si è messa ad urlare che la stavano scippando.. creando scompiglio tra i passanti che intervenendo hanno malmenato il ragazzo e fatto finire in ospedale.. chi è la vittima????? e poi parlate di false accuse e di pas.. e di bigenitorialità.. qui mi pare che si parla bene ma si razzola malissimo

17.51  di domenica 29/09/2013
scritto da  Pino Falvelli
La mia piena solidarietà alla vittima dell´´ aggressione. Sono certo che non rinuncera´ a portare avanti le sue battaglie di civiltà .

22.09  di sabato 28/09/2013
scritto da  Roberto Micarelli
Solidarietà ad A.T. Condivido l´analisi di Morana e Cardinale.

21.08  di sabato 28/09/2013
scritto da  Carlo Orecchia
E´ un bel pezzo che dico che dovrebbe partire un esposto per procurato allarme.

Strano che nessuno lo faccia.


1 - 2


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584