Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Trento, segretata la seduta sui servizi sociali. Maffioletti: andiamo alle vie legali

Le Associazioni raccontano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Trento, segretata la seduta sui servizi sociali. Maffioletti: andiamo alle vie legali
Gabriella Maffioletti

18/08/2013 - 15.47

Trento. Cosa si nasconde negli armadi della Giunta comunale, quali segreti giacciono? La domada è lecita, se è vera la notizia che la Giunta e l’Assessorato stanno muovendo mari e monti per impedire la trattazione pubblica della richiesta di rimozione del Dirigente dei servizi sociali di Trento Paolo Frenez.

Secondo alcune indiscrezioni, un documento sulla situazione dei servizi sociali di Trento, chiuso nel cassetto del Consigliere comunale Gabriella Maffioletti, avrebbe dovuto essere reso pubblico in occasione della trattazione della mozione in oggetto. Di qui, a quanto pare, il tentativo da parte della Giunta di secretare la discussione nascondendosi dietro il paravento della privacy: un funzionario pubblico, dirigente dei servizi sociali, retribuito con decine di migliaia di euro, sarebbe una persona privata secondo la Giunta.

Una scusa ridicola, ma il fatto stesso che sia stata presa per buona alimenta i dubbi e gli interrogativi sull'operato dei servizi sociali. E questo sembrerebbe trovare conferma anche nei frenetici tentativi dell’attuale maggioranza di nascondere le pecche del sistema di assistenza sociale del Trentino. Basti pensare all’intervento dell’ex presidente della provincia di Trento Lorenzo Dellai, che ha tacciato le critiche al sistema del welfare come “immotivate o sopra le righe”.

In realtà il Trentino sembra la pecora nera in Italia, con 355 bambini fuori famiglia di cui solo il 33% in affido famigliare rispetto, per esempio, al 68% della Sardegna. Nonostante un bambino in casa famiglia ci costi dai 100 ai 400 euro al giorno, solo l’anno scorso ben 31 famiglie affidatarie non sono state accettate, mentre la spesa per le strutture di tutela minorile ammonta a oltre 10 milioni di euro all’anno. Una fetta di torta che fa gola a tutta una pletora di operatori, assistenti sociali, psichiatri, psicologi, consulenti e cooperative del privato sociale che lavorano nel campo della tutela dei minori.

Certamente dei controlli accurati potrebbero vedere una notevole riduzione del numero di bambini sottratti senza motivi gravi o accertati o per valutazioni soggettive questionabili di natura psicologica. Una drastica riduzione delle entrate è, ovviamente, invisa ad una lobby molto potente e influente.

Ma veniamo alla vicenda. La richiesta di rimozione del Dirigente dei servizi sociali sarebbe nata dal tentativo dello stesso di impedire al Consigliere comunale Gabriella Maffioletti di ispezionare direttamente le attività dei Servizi sociali di Trento. Il dott. Frenez avrebbe scritto una nota in cui descriveva le attività ispettive e di vigilanza del Consigliere comunale come una “grave e pericolosa ingerenza” e in cui chiedeva di verificare i “limiti dell’attività di controllo dell’operato dell’Amministrazione”. Un chiaro tentativo di far cessare qualsiasi attività di controllo sull’operato dei suoi servizi sociali. In seguito a questa richiesta, in data 14 settembre 2011 veniva emessa la Determinazione dirigenziale n. 5/19 che affidava al noto luminare forense di Roma avv. Prof. Paolo Stella Richter, un incarico esterno con un esborso molto oneroso in termini economici dalle casse pubbliche. Purtroppo per il dott. Frenez, lo stesso dott. Richter affermava nel suo costoso parere di “non aver rintracciato norme giuridiche o deontologiche risolutive sul punto”. Oltre al danno la beffa.

Ma il consigliere Maffioletti avrebbe rivolto accuse ben più gravi al dott. Frenez che non si limiterebbero al semplice tentativo di impedire i controlli sull’Amministrazione.

Finalmente, dopo più di un anno da quei fatti, la mozione verrà discussa in Consiglio comunale. Ed è qui che inizia il giallo. Il Presidente del Consiglio comunale, Renato Pegoretti, ha chiesto inspiegabilmente la trattazione a porte chiuse della vicenda adducendo motivi di privacy. Ovviamente il Consigliere comunale Giorgio Manuali si è opposto e la decisione è stata assegnata alla Conferenza dei capigruppo.

Ed è qui che il giallo si infittisce. Al momento del voto il capogruppo della Lega Nord Vittorio Bridi si alza ed esce dall’aula ed è proprio grazie alla sua astensione che è passata la richiesta di trattazione a porte chiuse, che altrimenti non sarebbe stata accettata. A questo punto, dopo essere stato contattato telefonicamente dal Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani in merito all’inspiegabile posizione della Lega Nord che, almeno a parole, ha sempre lottato per una riforma dei servizi sociali, il dott. Bridi fa marcia indietro con la seguente nota: “Come comunicato per telefono confermo che nella riunione con i capigruppo, io ho affermato che la decisione spettava alla lista Maffioletti e che se il suo capogruppo Manuali non era d’accordo a segretare la seduta, per me andava bene. Quindi tutti sono rimasti sulle loro posizioni, minoranze contrarie, maggioranza che governa favorevole. Comunque ho chiesto copia del verbale per vedere cosa è stato scritto. Ho ribadito la mia posizione anche successivamente a Manuali e alla Maffioletti”.

Nonostante la precisazione di Bridi, sembra che Pegoretti non abbia alcuna intenzione di permettere la trattazione a porte aperte. Secondo il Consigliere comunale Gabriella Maffioletti questo episodio rappresenta una grave attacco alla democrazia e alla trasparenza: “La mia considerazione della Giunta attuale era già molto bassa ma qui siamo caduti veramente nel ridicolo. Il comportamento della Giunta e del Presidente sono inaccettabili. Mi auguro che ci ripenseranno per il bene della democrazia e per onestà e coerenza verso la cittadinanza.” Il consigliere non ha voluto commentare in merito al presunto documento bomba nel suo cassetto, ma ci sono giunte notizie che in alcune comunità siano iniziati dei ferventi lavori di ristrutturazione, mentre recentemente l’Assessore all'ambiente e mobilità (Michelangelo Marchesi) si sarebbe dimesso dalla sua posizione di Direttore della Cooperativa Progetto 92.

"Assieme al Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus", aggiunge la Maffioletti, "abbiamo iniziato una campagna di sensibilizzazione per informare la cittadinanza di quanto sta succedendo. La trattazione a porte chiuse della vicenda non è solamente un problema di democrazia, perché qui si denunciavano le criticità e irregolarità tollerate o accettate da questo dirigente che potrebbero essere alla base della sofferenza di decine di bambini sottratti alle famiglie senza motivi gravi o accertati. Se passerà la linea oscurantista, molti bambini perderanno la speranza di poter riabbracciare le loro famiglie per vivere un’esistenza felice e dignitosa. Solo dei controlli incisivi e trasparenti sull’operato dell’amministrazione avrebbero permesso di svelare le violazioni nascoste dei diritti umani perpetrate più o meno consapevolmente dal sistema della giustizia minorile trentino. Ci auguriamo che la Giunta e il Presidente se ne rendano conto. Se la seduta verrà tenuta a porte chiuse", conclude la Maffioletti, "non escludiamo il ricorso a vie legali".


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 3575 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Anche a Trieste sarà attivo un punto di riferimento per i genitori separati, nato per tutelare i figli minori coinvolti nelle...
14/03/2017 - 09:54
Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Nell’assemblea del 20 gennaio tenuta a Roma presso la sala Luigi Di Liegro di Palazzo Valentini, Adiantum – Associazione di...
29/01/2017 - 11:57
Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Lo scorso 7 dicembre, al Liceo Mascheroni di Bergamo, si è tenuta la seconda edizione degli anuali “Adiantum Community...
30/11/2016 - 11:48
Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

Sabato 15 ottobre alle ore 17, Adiantum – Associazione di Aderenti Nazionale per la Tutela dei Minori –...
11/10/2016 - 17:12
Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

In crescita ADIANTUM nel Lazio. Il coordinatore nazionale Massimiliano Gobbi, infatti, ha annunciato l'apertura della delegazione...
05/10/2016 - 15:48
ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale

L'associazione per la tutela dei diritti dei bambini italiani sottratti illegalmente in Slovacchia cambia denominazione e obiettivi...
29/09/2016 - 12:10
Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 5 commenti


07.23  di mercoledì 21/08/2013
scritto da  Paolo
Ciao Renata, l´indirizzo è nella lista ccdu.minori@gmail.com

Le mail a quell´indirizzo arrivano a me.

:-)


20.17  di lunedì 19/08/2013
scritto da  vins
"....Nonostante un bambino in casa famiglia ci costi dai 100 ai 400 euro al giorno....."
Come diceva Peppino a Totò: HO DETTO TUTTO!

15.26  di lunedì 19/08/2013
scritto da  Renata
Mi sembra interessante la proposta di Paolo: dice di inviare anche a lui una copia delle lettere ma omette di inserire il proprio indirizzo mail..

08.23  di lunedì 19/08/2013
scritto da  gerardo spira
Ma possibile che nessuno ha pensato di impugnare il provvedimento del funzionario al TAR ? Chi si costituirà avrà motivi per tenere nascosta la vicenda. Per quanto riguarda i costi, avete vericate le modalità di affidamento fuori famiglia,la pubblicià etc ? chi c´ è dietro a queste organizzazioni.....?

19.51  di domenica 18/08/2013
scritto da  Paolo
Vi prego di scrivere una lettera firmata ai giornali e al sindaco di Trento. In fondo alla lettera si deve mettere il proprio nome completo e numero di telefono. Se si vuole mantenere la privacy si deve chiedere di mettere solo le iniziali e non il nome.

Mandate una copia anche a me per favore.

Mi raccomando cortesia e garbo e nessuna offesa. Iniziate dicendo di aver appreso la notizia da Internet. Non serve che sia lunga.

Questi sono gli indirizzi (mandate 9 mail separate a ogni indirizzo, e non con tutti gli indirizzi in un solo messaggio e neppure in Ccn):

lettere@giornaletrentino.it

lettere@ladige.it

redazione@corrieredeltrentino.it

trentino.libero@email.it

direttore@lavocedeltrentino.it

redazione@lavalsugana.it

sindaco@comune.trento.it

ccdu.minori@gmail.com

Ovviamente scrivete quello che volete. Ecco una traccia della possibile lettera. Iniziate dicendo di aver letto questo su Internet. Poi scrivete la vostra opinione dei servizi sociali con magari una breve esperienza personale (senza far capire chi siete ovviamente per tutelare la vostra privacy). Poi scrivete che cosa ne pensate dell´atteggiamento della giunta e del consiglio comunale che vogliono nascondere la discussione (cioè vogliono spegnere le telecamere e chiudere le porte per non far sapere alla gente quello di cui parlano). Terminate con un appello a discutere il problema pubblicamente senza nascondersi e chiedete di riformare i servizi sociali in modo che siano più professionali e competenti...

Grazie Paolo :-)


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584