Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Cagliari, genitori indigenti chiedono aiuto ai servizi: figlio portato via

Le Associazioni raccontano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Cagliari, genitori indigenti chiedono aiuto ai servizi: figlio portato via
Il tribunale dei minori di Cagliari

09/06/2013 - 09.44

L’assurda vicenda è capitata a una coppia indigente di Gonnesa, a cui il Tribunale dei Minori ha sospeso la patria potestà su un bambino di tre mesi. Ora il bimbo potrebbe essere adottato.

“Sospendere la patria potestà su un bimbo di 3 mesi ad una giovanissima coppia solo perché indigente non appare un atto sufficientemente motivato. Addirittura assurdo se si considera che i due giovani si sono rivolti per avere aiuto ai Servizi Sociali di Gonnesa, da cui è partita la richiesta al Tribunale dei Minori. Desta inoltre perplessità che, nonostante il parere contrario dei genitori, sia stato dato immediato avvio alla procedura di adottabilità del bimbo". E' quanto denuncia Maria Grazia Caligaris, presidente dell'associazione Socialismo Diritti Riforme, dopo aver appreso la notizia del decreto del Tribunale dei Minorenni di Cagliari.

“I genitori - spiega Caligaris - si sono rivolti ad un legale per evitare che la loro richiesta di aiuto non si concluda con una decisione così drastica e dolorosa. "Sorprende - sottolinea - che i Servizi Sociali, davanti a condizioni di precarietà sociale, economica e culturale di due ragazzi di 21 anni, anziché promuovere, attraverso un progetto di accompagnamento a lungo termine, un sostegno per una genitorialità consapevole e verificare nel tempo l'esito del percorso, facciano immediato ricorso ai giudici rappresentando una condizione senza alternative. Il compito dei Servizi Sociali dovrebbe invece essere quello di favorire l'inclusione, il rafforzamento dei legami affettivi, il sostegno alla famiglia e alla sua integrità".


Fonte: www.cagliaripad.it

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 2995 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Anche a Trieste sarà attivo un punto di riferimento per i genitori separati, nato per tutelare i figli minori coinvolti nelle...
14/03/2017 - 09:54
Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Nell’assemblea del 20 gennaio tenuta a Roma presso la sala Luigi Di Liegro di Palazzo Valentini, Adiantum – Associazione di...
29/01/2017 - 11:57
Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Lo scorso 7 dicembre, al Liceo Mascheroni di Bergamo, si è tenuta la seconda edizione degli anuali “Adiantum Community...
30/11/2016 - 11:48
Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

Sabato 15 ottobre alle ore 17, Adiantum – Associazione di Aderenti Nazionale per la Tutela dei Minori –...
11/10/2016 - 17:12
Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

In crescita ADIANTUM nel Lazio. Il coordinatore nazionale Massimiliano Gobbi, infatti, ha annunciato l'apertura della delegazione...
05/10/2016 - 15:48
ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale

L'associazione per la tutela dei diritti dei bambini italiani sottratti illegalmente in Slovacchia cambia denominazione e obiettivi...
29/09/2016 - 12:10
Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 3 commenti


07.55  di mercoled├Č 19/06/2013
scritto da  Ezio L.
non c´├Ę ne sta uno che si salva

22.30  di luned├Č 10/06/2013
scritto da  uno peggio dell´altro
i servizi sociali non svolgono nessun servizio e tantomeno sociale, ma fanno quello che fanno perch├Ę i dipendenti pubblici che lavorano in tribunale con mansione di giudice non solo non li condannano per il loro infame operato ma gli danno man forte con sentenze che aggiungono infamia all´infamia.
chi li ferma pi├╣? chi ├Ę in grado di rompere questo girone infernale? a chi gliene frega qualcosa? forse se la giovane coppia fosse gay avrebbe pi├╣ chance di riavere il figlio.

21.17  di luned├Č 10/06/2013
scritto da  Antonello1
Non c´├Ę da sorprendersi per le conclusioni del Tribunale per i minorenni di Cagliari. Se poi si pensa al fatto che il tutto ├Ę partito da quello che io considero il "braccio armato" e cio├Ę dai servizi sociali, non possiamo meravigliarci per niente.
Il tribunale per i minorenni di Cagliari ├Ę stato poco tempo fa il teatro di una protesta clamorosa da parte di un padre indigente che ha visto togliersi il figlio. Questo padre, per protesta, per disperazione e amore per i propri figli si ├Ę dato fuoco in udienza.
Cosa bisogna aspettare per avere una ispezione in questo tribunale?


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584