Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Il prelievo coatto dei bimbi di Salerno mette in luce uno Stato incapace - di Gabriella Maffioletti

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Il prelievo coatto dei bimbi di Salerno mette in luce uno Stato incapace - di Gabriella Maffioletti
Gabriella Maffioletti

21/04/2013 - 20.18

L’ennesimo caso di sottrazione violenta (e come potrebbe non esserlo) di due bambini fa notizia. La situazione è simile al caso di Cittadella di un anno fa e, pertanto, sembra che un anno di dibattiti continui e colpi di scena giurisprudenziali non abbiano portato alcun miglioramento in campo minorile (anzi...).

Eppure gli strumenti ci sono, ma forse non conviene usarli. Cominciamo dai servizi sociali, che non favoriscono e a volte addirittura ostacolano l'attuazione di miglioramenti "all'interno" della famiglia stessa (nonni, parenti stretti), preferendo ricercare assurde e invasive soluzioni "all'esterno" di essa. Eppure nel Rapporto biennale 2011-2012 dell’Osservatorio nazionale sulla famiglia si afferma che: “Tutte le esperienze mostrano che il capitale sociale costituito dalle relazioni familiari rappresenta un patrimonio che non potrà mai essere rimpiazzato da interventi sostitutivi che mettano in evidenza solo la fragilità e la debolezza delle famiglie”.

Le famiglie vanno aiutate, non sostituite!

Per comodità (leggasi negligenza), sovraccarico di lavoro, incapacità o mancanza di strutture si preferisce sempre più spesso ricorrere ad una casa famiglia - ignorando il gravissimo impatto psicologico causato al bambino dall’allontanamento - piuttosto che cercare di mantenere il bambino in famiglia o affidarlo ai nonni o ai parenti. Questa soluzione implica necessariamente un’attività di monitoraggio e assistenza, e presenta tutta una serie di misure complesse che richiedono professionalità e competenza. A questo si aggiungono gli interessi economici delle case famiglia, dato che un bambino vale dai 100 ai 200 euro al giorno per tali strutture (che nascono e prosperano grazie agli allontanamenti).

I nonni e i parenti, il più delle volte, non sanno che non è sufficiente manifestare verbalmente all'assistente sociale la loro disponibilità ad occuparsi del minore, ma che tale volontà deve essere formalizzata presso il giudice. Nel caso specifico, se è stata avviata la procedura di adottabilità è probabile che i nonni e i parenti non abbiano proposto la loro candidatura, dato che per l’adottabilità è necessario lo stato di abbandono. Certamente il giudice lo può dichiarare solo quando tutta la famiglia rifiuta il bambino e i genitori non sono ritenuti validi. Se non si presenta formalmente la propria disponibilità, il bambino viene considerato abbandonato e finisce in adozione.

Il caso di Salerno, così come quello di Cittadella, è emblematico e segna con evidenza una mancanza legislativa che ai più, ormai, appare urgente e grave. Da un lato, c'è una madre accusata di ostacolare in tutti i modi la relazione tra il padre e il figlio, e dall'altro pesanti accuse - tipiche anche queste - di abusi sessuali sui bambini a carico del padre.

Che fare dunque? In effetti non c’è ancora una soluzione, che andrà trovata. Ma ci sono degli strumenti che potrebbero perlomeno disinnescare molte situazioni. In un recente articolo avevo parlato del tintinnio delle manette per chi si macchia del reato di impedimento doloso della cura filiale. Le sanzioni dovrebbero essere progressive ma certe, al fine di disincentivare i comportamenti dolosi. È inoltre indispensabile la certezza della pena per le false denunce strumentali di un coniuge contro l’altro per allontanare i figli dallo stesso. Questa pena dovrebbe essere estesa anche all’avvocato e ai consulenti che avessero consapevolmente sostenuto tale falsa denuncia, cosa certamente difficile da provare ma che dovrebbe entrare a far parte delle normali indagini susseguenti. Dall’altro lato dobbiamo anche tutelare le famiglie dai reali abusi sessuali e maltrattamenti, garantendo alle vere vittime la tutela dei propri diritti.

Ma questo sarebbe il punto di arrivo. Prima ancora di giungere ad un risultato omogeneo per l'intero sistema, occorre una maggiore collaborazione tra i tribunali. Non è possibile, ad esempio, che un marito sia rinviato a giudizio o addirittura condannato, da un lato, e la madre perda la potestà genitoriale dall’altro (casi che ho sperimentato di persona). Ritengo sarebbe preferibile eliminare questa impermeabilità tra i vari tribunali.

Inoltre, il ricorso alle perizie psichiatriche e psicologiche andrebbe quasi completamente eliminato da queste vertenze, riducendolo ad un numero fisiologico e costringendo i magistrati ad una maggiore specializzazione.

Ancora, mentre si attende l’esito delle indagini ci sono dei bambini che soffrono (anche nel caso di affidamento intra-familiare con ampi diritti di visita), ed è quindi necessario agire con rapidità.

A monte di tutto, gli interventi coercitivi dell'autorità e dei tribunali, così invasivi per i bambini, sono frutto di un vuoto legislativo evidente, ossia l'assenza di un reato codificato. Siccome il codice non prevede ancora il reato di impedimento doloso alla cura filiale, non esistono indagini preventive (come quando ci si trova di fronte ad una notitia criminis) nè un vero deterrente - costituito dalla pena detentiva - per i genitori malevoli. Lo Stato, pertanto, reagisce con strumenti traumatizzanti come il prelievo coatto, al quale arriva dopo indagini mancanti e/o lacunose dei servizi sociali (non di polizia), e provvedimenti giudiziali solo a volte equilibrati.

Su questi temi, spesso, non è raro vedere associazioni di padri e di madri che litigano tra loro, magari scambiandosi reciproche offese. Le associazioni a tutela di interessi - solo apparentemente contrapposti - dovrebbero invece elevarsi al di sopra di queste beghe meschine (come ad esempio quelle sull'esistenza o meno di una sindrome) e comprendere che il nemico comune è l’inefficienza e la mancanza di professionalità del sistema dei servizi sociali, nonchè il tradimento della magistratura che ha abdicato al suo ruolo di garante della giustizia appiattendosi su prassi nate durante il fascismo e sulle relazioni e sulle perizie psicologiche/psichiatriche. 

Ci auguriamo che questo nuovo caso, oltre a risolversi positivamente per i due bambini, porti finalmente a una riflessione seria e non scateni la solita battaglia ideologica che ci allontana dalla soluzione. Ogni caso è differente e le situazioni sono complesse e delicate, ma una cosa accomuna questi casi: la sofferenza dei bambini e l’incapacità delle istituzioni di prevenire e risolvere le situazioni di grave conflittualità familiare.

I “cattivi” non sono i genitori conflittuali "ad oltranza", ma i rappresentanti delle istituzioni che hanno permesso il radicamento di questo sistema, non accettano la sfida posta dalla famiglia moderna e si adagiano, ancora oggi, su una scarsa professionalità grazie alla quale, ipocritamente, si pretende di aiutare le famiglie allontanando con la forza i bambini.  

 

Gabriella Maffioletti


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia č stata letta 2832 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

La pazienza è finita. Questa, in sintesi, la presa di posizione di numerose...

07/04/2019 - 14:53
26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Di ALESSIO CARDINALE* - Sono trascorsi ormai più di dodici anni dalla entrata in vigore della legge n....

15/09/2018 - 00:53
Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

È quanto riportano le agenzie: dall’inizio dell’anno sono 16 le donne sospese dal...

12/03/2018 - 11:09
Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

A leggere certa roba viene il voltastomaco. 

Ormai, nel dilagante...

09/08/2017 - 07:09
Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Oh, ecco com’è stata recepita dal Ministro la vibrante protesta AIAF.....Il MIUR riconosce che...

02/05/2017 - 13:34
AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

L’ISTAT pubblica un’analisi dei dati emergenti dalla giurisprudenza 2005/2015, ed ammette la...

11/04/2017 - 11:51
Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?


Le Notizie piů Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 3 commenti


19.58  di martedì 23/04/2013
scritto da  Pino FALVELLI
Ancora un grazie a Gabriella Maffioletti per quanto scrive e, soprattutto, per quanto sostiene in merito al problema delle "false accuse" e della corresposabilitĂ  degli avvocati. Soltanto così è possibile uscire da questo assurdo sistema. Spesso è anche facile avere riscontro delle loro precise corresponsabilitĂ  ma il "sistema" in atto, putroppo,nella maggior parte dei casi, li tutela anzichè sanzionarli. Risulta del tutto inutile fare segnalazioni ai competenti Ordini Forensi ( locali e nazionali ), al CSM, al Capo dello Stato, alla Magistratura, ecc. ecc.. E´ proprio questo il grave problema. Tutti se ne lavano le mani e la MALAGIUSTIZIA impera. Occorre un´ adeguata ed urgente riforma per fare in modo che tutti gli operatori di giustizia rispondano per le proprie responsabilitĂ  derivanti dal proprio operato ( giudici ed avvocati compresi !!! ) e vengano adeguatamente sanzionati, quando occorre, esattamente come avviene per tutte le altre categorie di lavoratori italiani. Un complimento anche a Gerardo Spira per quanto ha il coraggio i dire nel suo commento. Ciò che manca è l´ unitĂ  di tutti coloro che hanno subito "malagiustizia" . Così divisi, purtroppo, non si va da nessuna parte ed i "singoli" diventano facile "bersaglio" del sistema. Da tempo sostengo la necessitĂ  di creare un Movimento trasversale indipendente da tutti gli attuali partiti, ma per farlo occorre UNITA´ e mettere da parte le ideologie politiche ( LA MALAGIUSTIZIA COLPISCE TUTTI !!! ). I "sostenitori" dell´ assurdo sistema vigente sanno bene che non c´ è unitĂ  e ne approfittano. Eppure, coloro che hanno subito malagiustizia familiare sono vari milioni. Parliamone e guardiamo al futuro. Lo dobbiamo fare per i nostri figli e per il nostro Paese. Dove non c´ è giustizia non ci può essere civiltĂ , lavoro,sicurezza, pace sociale, ecc. ecc.. Se la giustizia non funziona come si fa a combattere le organizzazioni criminali, la corruzione, lo sperpero di denaro pubblico, l´ evasione, e chi piĂą ne ha ne metta ??? -

08.16  di lunedì 22/04/2013
scritto da  Paolo
Chiediamo urgentemente l´approvazione del reato di impedimento doloso della cura figliale, la soppressione dei tribunali dei minorenni e il ritorno a indagini e istruttorie oggettive per una vera tutela dei bambini basata sulla veritĂ  e sulla professionalitĂ  delle istituzioni. Basta con questi crimini contro i bambini nel cuore della civile Europa in pieno ventunesimo secolo!

07.44  di lunedì 22/04/2013
scritto da  gerardo spira
Mi trovi completamente d´accordo con te. Sto seguendo il caso di mio nipote a Roma e attraverso l´accesso agli atti sono venuto in possesso di documenti,relazioni e scritti che hanno messo in evidenza una sottile rete di connivenze ed altro tra i servizi e gli stessi magistrati per cui il genitore che cade nella rete ha poca possibilitĂ  di uscirne indenne. Restano due strade: una profonda riforma che tolga la materia dai tribunali dei minori e intanto l´altra, le denunce penali, perchè quello minorile è divenuto un ingordo mondo di affari,in cui circolano soldi,speranze e patrimoni distrutti. Come si può sperare in una giustizia indipendente,quando gli attori della vicenda,dal tribunale alle corti di appello, fanno convengni, colazioni di lavoro ed incontri insieme ? La materia,come è disciplinata,ha lasciato nella loro cultura ampi spazi di interpretazione,che sono divenuti di rito. Gli avvocati girano a vuoto. Insomma il genitore,anzi i genitori che vi capitano,finiscono in un vortice di incultura ed inciviltĂ  da cui ne escono o con l´abbandono del minore o con un gesto estremo.E così giustizia è fatta. Quando poi ti rivolgi al CSM,al ministro e alla disciplinare ti senti rispondere che la pratica è molto"laboriosa ".


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti č unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitŕ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584