Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Tuturano, finalmente arriva il nulla-osta: il piccolo Cellie torna a scuola. Adesso chi paga il conto?

News e Comunicati Stampa


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Tuturano, finalmente arriva il nulla-osta: il piccolo Cellie torna a scuola. Adesso chi paga il conto?
Il piccolo Cellie

05/03/2013 - 22.28

"Per quali motivi l’ostracismo in atto da mesi è crollato solo oggi? Perché il nulla-osta sembrava una follia a settembre, quando l’ho chiesto per la prima volta? Perché creare enormi difficoltà a mio figlio, impedendogli per oltre 7 mesi di frequentare la scuola come avrebbe voluto? Io lo risposta la conosco, saranno i tribunali a dire chi e come e per quanto queste persone sono responsabili". Questa la dichiarazione a caldo di Francesco Cellie, papà del piccolo a cui una dirigente scolastica ha negato, con motivazioni che fanno acqua da tutte le parti, di poter frequentare la scuola.

Fino ad oggi. Finalmente rimossi gli ostacoli all’istruzione di A., è stato concesso il nulla-osta per l’iscrizione del bambino ad una nuova scuola Premiati gli sforzi del padre, che da mesi si batte per proteggere il figlio e garantirgli i suoi diritti, diritti negati che non poco sono costati al sottoscritto, sia in termini di malessere generale che in termini economici. Per non parlare del disagio manifesto del piccolo che da mesi urlava la sua rabbia di vedersi negato cio' che dovrebbe essere un diritto sancito e consolidato. "Preciso che il nulla-osta è stato inizialmente rifiutato dalla dirigente scolastica di Massafra", aggiunge Cellie, "che dimostrava un atteggiamento apertamente ostile. Pensate che oggi mi parlava di bigenitorialita' e 54.2006, dichiarando di volersi adoperare per il bene del bambino, ma in realtà gli ha solo creato un grave danno. Alla fine, infatti, la soluzione era quella indicata dal me fin dal primo momento, eppure accanitamente osteggiata per mesi, e per la quale si era rischiato che taluni personaggi a dir poco 'disattenti' lo avrebbero voluto in una casa famiglia....".

Molti gli interrogativi irrisolti, in questa vicenda familiare dai contorni esasperati, in cui "adulti" operatori della Giustizia e della Scuola si sono distinti per una totale mancanza di sensibilità e per aver costretto un bambino, in nome di una presunta condotta amministrativa e giudiziaria, a perdere sette mesi di scuola.

Pagheranno, per questo ?


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 3447 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

Una nutrita schiera di associazioni e organizzazioni a tutela dei diritti civili della famiglia, a seguito...

07/04/2019 - 11:01
Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Il percorso del DDL Pillon in Parlamento si rivela meno facile di quanto non potesse sembrare. Anche...

15/09/2018 - 08:52
DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Un breve articolo compare il 15 aprile sul portale Studio Cataldi, sempre molto utile per dottrina ed...

13/04/2017 - 11:08
Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

Ieri sera in prima serata su Rai 2 nella trasmissione "Nemo – nessuno escluso", il Dott....

14/04/2017 - 21:20
Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Francesco D’Auria, Segretario nazionale Adiantum, lancia un appello a tutti i genitori...

19/03/2017 - 12:20
19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali

Interpellanza al Presidente del Consiglio, da parte del deputato Emanuele Scagliusi (M5S) in materia di...

21/11/2016 - 15:55
Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 3 commenti


16.49  di domenica 10/03/2013
scritto da  maryluna
cellie franco, chi deve pagare per il disagio creato al piccolo A. sono coloro che ti hanno consigliato male perche erano bramosi di popolarita è hanno usato te e tuo figlio per andare in trasmissione e diventare dei personaggi pubblici. se tuo figlio oggi ha ricominciato ad andare a scuola ed essere sereno lo deve a te che hai capito e hai ascoltato gente semplice e che ha a cuore il bene dei ragazzi e si batte per la loro serenita e ti hanno dimostrato in un giorno normale cosa significa lavorare con serieta e professionalita´ questo lo devi ammettere perche grazie a loro che ti hanno dato la dritta per agire,con coraggio lasciando da parte ogni mezzo pubblicitario eccc, e ha ha fatto in modo ed incoraggiato a credere in te stesso e alle tue capacita di padre convinto del bene per tuo figlio.
stai sereno e se puoi abbi fiducia nella giustizia.-

08.55  di venerdì 08/03/2013
scritto da  AliChe Guevara
secondo me la preside che ha negato il nulla-osta non ha nessuna colpa.
Lei ha svolto al meglio il suo ruolo naturale: negare i diritti dei bambini con la scusa di difendere i diritti dei bambini.
Di che cosa ci stupiamo? Succede ogni giorno, a Milano come a Palermo, a Firenze come a Napoli ...
Cambiano gli attori, ma il copione è sempre lo stesso: i diritti dei figli vengono fatti a pezzi da giudici ed assistenti sociali, da politici e forze dell´ordine ... cosa vuoi che sia una preside in più?

18.22  di mercoledì 06/03/2013
scritto da  raffaele bottacchi
La sensazione è che regni ancora una ignoranza bestiale in chi non ha subito il balletto del condiviso, e gli stessi chiamati a dirigere l´orchestrina non abbiano una vaga idea dei danni che combinano. Speriamo finisca prestissimo.


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584