Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Bambini e adolescenti di fronte alla crisi: alcool, video erotici e pensieri suicidi

Area Famiglia


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Bambini e adolescenti di fronte alla crisi: alcool, video erotici e pensieri suicidi
Giovanissime ubriache

16/01/2013 - 15.06

Secondo l'"Indagine conoscitiva sulla condizione dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia 2012" - presentata a Roma insieme a Telefono Azzurro e svolta su un campione di 1.100 bambini e 1.523 giovanissimi - la famiglia di un adolescente italiano su due è stata colpita dalla crisi economica. Se nel 2010 più di un adolescente su quattro (tra i 12 e i 18 anni) riteneva che la crisi economica avesse colpito la propria famiglia (29 per cento), oggi a pensarlo sono la metà dei ragazzi (50,1 per cento). Sebbene nel 64,9 per cento la situazione professionale dei genitori complessivamente appaia invariata, in quasi una famiglia su tre (30,9 per cento) la crisi economica ha costretto a dei cambiamenti. Oggi il 59,2 per cento, riferisce che la propria famiglia ha dovuto tagliare spese extra come le cene fuori e i divertimenti. Il 48,4 per cento delle famiglie ha dovuto taglire i costi sui beni alimentari e sul vestiario oppure ha rinunciato alle vacanze (23,9 per cento). Nel 26,1 per cento dei casi gli adolescenti segnalano una situazione economica così grave che la propria famiglia ha difficoltà ad arrivare alla fine del mese. Aiutano. In particole il 63,7 per cento degli adolescenti ha speso meno nell'acquisto di nuove tecnologie, risparmiato sul cellulare (53,9 per cento), i vestiti (57,8 per cento) e  le uscite. Alcuni hanno deciso di fare a meno della paghetta (33,7 per cento). Giovani internauti alla ricerca di immagini pornografiche (33,9 per cento) o di corpi palestrati (32 per cento), di inneggiamenti alla violenza, all'odio razziale (13,1 per cento) e al compimento di reati (12,1 per cento), di informazioni riguardanti l'anoressia (9,9 per cento) e il suicidio (4,9 per cento), con un corredo di consigli.

Sono più della metà, il 64 per cento, i ragazzi italiani tra i 12 e i 18 anni che bevono alcolici. Un'abitudine per il 10,6 per cento, un fatto quotidiano per il 2,5 per cento e occasionale per il 50,9 per cento. Iniziano a bere soprattutto nel periodo della scuola media: è così per il 65,7 per cento dei ragazzi più giovani (12-15 anni) e per il 44,1 per cento dei più grandi, il 46,2 per cento dei quali ha dichiarato di aver bevuto alcolici la prima volta dopo i 15 anni. Un preoccupante 21,1 per cento aveva addirittura meno di 11 anni quando ha bevuto la prima bevanda alcolica. Il 60 per cento dei ragazzi tra i 16 e i 18 anni preferiscono cocktail e aperitivi, seguiti dalla birra (58,9 per cento), dai superalcolici (46,4 per cento), dagli 'shottini' (41,3 per cento) e infine dal vino (31,7 per cento). I più piccoli preferiscono invece la birra nel 42,4 per cento dei casi, amano i cocktail e gli aperitivi alcolici nel 36,3 per cento, scelgono il vino nel 22,2 per cento, i superalcolici nel 19,2 per cento e gli 'shottini' nel 17,4 per cento. Più della metà dei 12-15enni dichiara di bere alcolici alle feste (59,7 per cento).

Il 23,4 per cento dei ragazzi tra i 12 e i 18 anni, naviga in internet per un'ora al giorno, il 32,2 per cento da una a due ore al giorno, il 22,8 per cento da due a quattro ore e il 16,2 per cento oltre le quattro ore, mentre non è usato solo dal 4,3 per cento dei ragazzi. La fruizione massiva di pc e internet è così superiore anche a quella della tv che il 26,3 per cento dei ragazzi guarda fino a un'ora al giorno, il 41,2 per cento da una a due ore al giorno, ben il 21,7 per cento dalle due alle quattro ore e il 6,6 per cento oltre le quattro ore. Solo il 4 per cento non la guarda mai. La televisione è però il media più usato dai bambini tra i 7 e gli 11 anni: c'è un 21,3 per cento di bimbi che sono davanti alla tv per un tempo "decisamente prolungato", si legge nell'indagine. Il 31,9% degli adolescenti è convinto che se non avesse internet si perderebbe qualcosa di più interessante della vita normale, il 38,4% senza il web avrebbe paura di non riuscire a conoscere nuove persone, il 22% si sentirebbe tagliato fuori dal gruppo di amici, il 17,2% non riuscirebbe a trovare un partner. Al 68,7% capita di non riuscire a staccarsi da internet quando richiesto.

L'8 per cento dei bambini tra i 7 e gli 11 anni gioca a soldi online. Il 15,3 per cento scommette soldi nei giochi offline: solo il 74,1 per cento dichiara di non averlo mai fatto. I maschi sono i più a rischio dipendenza e, in generale,  a un adolescente su quattro (25,2 per cento) capita a volte di perdere tutti i soldi a disposizione. Il gioco prediletto tra i bambini è il Gratta e Vinci (scelto dal 33,7 per cento di chi gioca), mentre l'11,4 per cento ha giocato a lotterie e l'11,1 al bingo, il 7,8 per cento al Videopoker, il 6,9 per cento alle Slot machine. Sul web prediligono l'ambito delle scommesse sportive (scelte dal 20,5 per cento). Il 25,2 per cento sente di frequente l'esigenza di giocare, il 16,4 per cento tende a giocare tutti i soldi a disposizione. Il 15,1 per cento ha l'abitudine di sottrarre soldi in casa o dove capita, il 13,7 per cento chiede soldi in prestito ad amici e parenti.

Sono scappati quasi il 30 per cento degli adolescenti nel 2012, un dato "triplicato" rispetto al 2011 quando ad andarsene di casa era stato il 9,6 per cento dei ragazzi. Tra i motivi principali che spingono i ragazzi a fuggire c'è il rapporto con i genitori: il 26,7 per cento se n'è andato perché non andava d'accordo con loro, il 9,1 per cento perchè si sentiva limitato nella propria libertà e il 4,5 per cento si sentiva incompreso. Nel 23,9 per cento dei casi la fuga è durata più di un giorno, nel 47,3 per cento qualche ora. Sono stati gli stessi ragazzi a prendere la decisione di tornare a casa dopo essere fuggiti (67,2 per cento): solo nel 18,6 per cento dei casi il rientro è invece stato determinato dall'intervento della famiglia (8,1 per cento), dalle forze dell'ordine (4,5 per cento), da un amico (3,2 per cento) o dal partner (2,8 per cento).

Il 24,7 per cento dei bambini di età compresa tra i 7 e gli 11 anni dichiara di vivere stati di depressione qualche volta (19,1 per cento) o spesso (5,6 per cento); se a questi si aggiungono i bambini che sentono un senso di depressione anche se solo raramente (17,7 per cento) emerge un disagio che tocca il 42,4 per cento dei bambini, 4 su 10. Allo stesso tempo, si legge nello studio, a non sentirsi mai felice è il 2,9 per cento dei bambini, il 13,8 per cento dice di esserlo qualche volta e il 6,9 per cento raramente (23,6 per cento in totale). Si dichiara invece spesso divertito il 65,5 per cento dei bambini e il 64,8 per cento felice. Giovani internauti alla ricerca di immagini pornografiche (33,9 per cento) o di corpi palestrati (32 per cento), di inneggiamenti alla violenza, all'odio razziale (13,1 per cento) e al compimento di reati (12,1 per cento), di informazioni riguardanti l'anoressia (9,9 per cento) e il suicidio (4,9 per cento), con un corredo di consigli.


Fonte: Redazione - Eurispes/Telefono Azzurro

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 4616 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Coppie LGBT: insopprimibile voglia di ostentare la propria genitorialitÓ (surrogata)

Gay: sì alla maternità surrogata per due papà. La Corte d'Appello di...

01/03/2017 - 12:02
Coppie LGBT: insopprimibile voglia di ostentare la propria genitorialitÓ (surrogata)

Divorzio Pitt/Jolie: dopo il digiuno, alla fine scodinzoli pure davanti alle briciole

Divorzio Jolie-Pitt: Brad Pitt può vedere i figli senza supervisione. Belle notizie...

17/02/2017 - 19:35
Divorzio Pitt/Jolie: dopo il digiuno, alla fine scodinzoli pure davanti alle briciole

RAI: sulla violenza messaggi razzisti contro gli uomini sfruttando i bambini

La propaganda antimaschile non si ferma nemmeno davanti allo sfruttamento delle immagini di minori.

25/11/2016 - 09:32
RAI: sulla violenza messaggi razzisti contro gli uomini sfruttando i bambini

Bene le unioni civili, ma vietato anteporre diritti degli adulti a quelli dei bambini

ADIANTUM (Associazione di Aderenti Nazionali per la Tutela dei Diritti dei Minori) esprime profonda...

29/01/2016 - 17:01
Bene le unioni civili, ma vietato anteporre diritti degli adulti a quelli dei bambini

In Italia prima adozione a coppia di donne. La chiamano gay, ma si dice lesbica

Il tribunale per i minorenni di Roma, ben conosciuto anche per alcuni decreti ammazza-famiglia, concede...

29/08/2014 - 16.23
In Italia prima adozione a coppia di donne. La chiamano gay, ma si dice lesbica

Passa alla Camera il doppio cognome. Tra gli evviva, anche dubbi e interrogativi

La commissione giustizia della camera ha approvato il testo del progetto di legge sul doppio cognome....

12/07/2014 - 18.51
Passa alla Camera il doppio cognome. Tra gli evviva, anche dubbi e interrogativi


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


C'Ŕ 1 solo commento


16.40  di gioved├Č 24/01/2013
scritto da  AliChe Guevara
io avrei anche altri dati
il 53,2% dei bambini va in depressione quando passa vicino ad un Tribunale
il 64,5% quando incontra sull´autobus un assistente sociale
il 99,7% quando vede una casa-famiglia anche in foto
il 100% quando capisce come funziona la giustizia in Italia


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584