Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

La Cassazione si pronuncia sul riconoscimento paterno del figlio

INFOLEGAL


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


La Cassazione si pronuncia sul riconoscimento paterno del figlio
Carlo Ioppoli

13/01/2013 - 16.14

A nessun padre può essere negato il riconoscimento dei propri figli naturali, a meno che sia un criminale. Così almeno ha sentenziato la Corte di Cassazione, convalidando una decisione della Corte d'Appello di Palermo. In primo grado, Il tribunale per i minorenni di Palermo aveva invece reputato un padre, mentalmente labile, inadatto a ricoprire un ruolo paterno.

La vicenda ha avuto inizio con un ricorso di una donna che voleva negare il riconoscimento del figlio da parte del padre naturale reputandolo inadatto a svolgere il suo ruolo di genitore nella crescita e nell'educazione del piccolo, in quanto a lui era stata diagnosticata una psicopatologia, la alessimia, un disturbo che porta l'individuo a non riuscire ad esprimere le proprie emozioni e i propri sentimenti verbalmente, ma solo per via somatica.

Il Tribunale per i minorenni di Palermo ha dato ragione alla donna e ha chiesto all'uomo di rinunciare al suo diritto paterno. Il padre però si è rivolto alla Corte d'Appello nel marzo del 2011 ed è riuscito a salvaguardare il suo diritto al riconoscimento del figlio naturale. La madre non ha voluto demordere e si è rivolta alla Cassazione. E qui il colpo inferto deve essere stato veramente pesante per la donna. Però, come ha fatto notare la Prima sezione civile della Suprema Corte, con sentenza n.23913/2012, è sempre necessario "porre al centro della valutazione il diritto del minore all'acquisizione dell'identita' personale nella sua integrale ed effettiva connotazione psicofisica, come figlio di una madre e di un padre determinati".

Nello specifico poi della patologia riscontrata nel padre, gli ermellini hanno sottolineato che "la sintomatologia riscontrata sull'uomo non e' risultata incompatibile con l'esistenza e la possibilita' di sviluppo di capacita' genitoriali". Naturalmente il giudizio è frutto di "un ampio e approfondito esame dei fatti di causa, incentrato sulla valutazione contenuto nella consulenza tecnica d'ufficio".

Concludendo i giudici hanno ricordato che "il diritto al riconoscimento del figlio naturale non vale per i criminali", e cioè per chi e' "stabilmente inserito nella criminalita' organizzata e sia detenuto per gravi reati" e non certo per i padri psicologicamente fragili.

 

Avvocato Carlo Ioppoli Presidente ANFI - Associazione Avvocati Familiaristi Italiani -


Fonte: ANFI - avvocati e consulenti familiaristi

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 3855 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Da quando è in vigore la legge più boicottata dai giudici della storia della Repubblicana (la...

15/07/2018 - 17:29
Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

di CRISTINA DAL MASO - È di pochi giorni fa la sentenza della Suprema Corte di Cassazione che ha...

28/05/2017 - 18:06
Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

L┤interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Diritto di famiglia, tribunale di Torino: è possibile imporre al minore di frequentare...

31/03/2017 - 13:40
L┤interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

Sono sempre più frequenti i casi di tragedie familiari che hanno come protagonisti, in negativo, i...

17/02/2016 - 12:53
Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Se una mattina decidi di scorrere le pagine di un notiziario giudiziario sulle decisioni dei tribunali per i...

10/12/2015 - 11:11
In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?

di MARCELLO ADRIANO MAZZOLA* - Quante condanne dovrà ancora subire l’Italia perché...

25/11/2015 - 11:51
Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


C'Ŕ 1 solo commento


09.11  di luned├Č 14/01/2013
scritto da  Gino
non l´ho capita bene : la madre non voleva in pratica che lui pagasse ( se non c´├Ę riconoscimento non si paga credo ) e il padre insisteva per pagare ( riconosco e quindi pago )...la cassazione ha ovviamente detto che ogni padre ha IL DIRITTO di pagare.
Beh s├Č...lo sapevamo


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584