Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Luisa Betti, disinformati gli attacchi gratuiti verso un inesistente partito trasversale dei padri separati

News e Comunicati Stampa


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Luisa Betti, disinformati gli attacchi gratuiti verso un inesistente partito trasversale dei padri separati
Luisa Betti

27/07/2012 - 14.44

Di Alessandro Gerardi* - La giurisprudenza della Corte europea dei Diritti dell’Uomo, i dibattiti pubblici sulla migliore riforma, le soluzioni innovative per dare concretezza al principio della bigenitorialità, sono la prova del ruolo fondamentale e dell’impegno svolto in tutti questi anni dalle associazioni dei padri separati sparse sul territorio. Mi ha fatto specie leggere l’articolo “Fuori dal web chi istiga alla violenza” scritto da Luisa Betti, per diverse ragioni.

In primis, perché formulato con una rozza vis polemica che non si giustifica né per l’argomento trattato né per i complessi problemi che la riforma del condiviso-bis attualmente in discussione al Senato risolve in modo egregio. Anzi, da una giornalista che si occupa di questi problemi mi sarei aspettato che prendesse posizione su alcuni dei nodi che la riforma affronta, ovviamente nell’ambito di una civile discussione orientata a far progredire il nostro ordinamento giuridico, l’accesso alla giustizia dei cittadini e l’esercizio corretto del ruolo di genitore. Invece i problemi – pur accennati in qualche modo – vengono liquidati con una sufficienza e una inconsapevolezza che mi hanno davvero stupito. L’incipit riferisce di un “partito trasversale dei padri separati”, ovviamente “sprezzante nei confronti del genere femminile” e di un ritorno (ma guarda un po’) alla “cultura machista”: essendo dotato di una accurata rassegna stampa online, potrei smentire con una serie corposa e pesante di faldoni queste affermazioni.

Mi spiace che la Sig.ra Betti sostenga che la questione non riguardi labigenitorialità che, anzi, “è un’opportunità sia per il minore che per le madri che fino a oggi hanno cresciuto i loro figli in solitudine e con grandi sforzi”, perché questa affermazione è al tempo stesso offensiva e falsa per chi legge: forse la giornalista non se ne è ancora resa conto, ma le critiche e le obiezioni più forti che vengono mosse alla riforma del condiviso-bis (in primis dalla senatrice Della Monica) mirano proprio al mantenimento dello status quo, ossia ad un sistema di sostanziale monogenitorialità.

Altrettanto offensiva è la virulenza con cui l’Autrice si scaglia contro il “partito trasversale dei padri separati”, composto da persone che – a suo dire - “istigano alla violenza”: la stragrande maggioranza delle associazioni che si battono a sostegno del DDL 957 lo fa a ragion veduta ed in modo assolutamente laico e civile; ciò alla luce di una  riforma che contiene molte innovazioni rispetto alla legge del 2006; innovazioni tutte quante volte a porre al centro della crisi coniugale non solo il minore con i suoi diritti intangibili, ma anche il ruolo di cura, educazione ed istruzione di entrambi i genitori, possibilmente da preservare attraverso una loro maggiore responsabilizzazione, nonché il rafforzamento delle garanzie per il coniuge che si separa togliendo quel potere discrezionale spesso usato in modo irresponsabile e sconsiderato da una magistratura (soprattutto quella di legittimità) sempre più “conservatrice”, e molte altre previsioni che collocano l’attività stessa della donna in un contesto più civile e moderno.

Se invece l’aggettivazione (“machisti”, “violenti”, “sprezzanti”) è utilizzata nell’articolo come un’arma per gettare discredito sulle associazioni che si battono su questo fronte, basterebbe aver seguito la discussione ampia, colta, precisa che si è sviluppata in questi ultimi quindici/venti anni in materia di affido condiviso e bigenitorialità, per comprendere quanto sia fallace e mistificatorio l’utilizzo di termini che rimandano all’immagine vecchia e stereotipata – ma evidentemente ancora in voga in certi ambienti vetero/femministi - dell’uomo con la clava in mano, pronto a violentare l’intero genere femminile in ogni occasione.

In sostanza la giornalista farebbe carico al “partito trasversale dei padri separati” di non aver frapposto un argine all’ampliamento eccessivo delle intimidazioni via web: se si fosse consultata con qualcuno o se si fosse informata, avrebbe saputo che il c.d. partito trasversale dei padri separati non esiste, e che le minacce e le intimidazioni che denuncia sono fenomeni numericamente isolati e marginali.

Quanto poi alla violenza di genere, se ne fosse il caso (e forse lo sarebbe), la Sig.ra Betti farebbe bene a leggere gli studi che abbiamo condotto per dimostrare come negli ultimi tempi si sia fatto un uso distorto, ideologico, insomma, falso dell’argomento, il che avviene puntualmente ogniqualvolta si sta sul punto di riformare alcuni aspetti del diritto di famiglia.

E questo non è certo un caso.

 

* Alessandro Gerardi, Tesoriere della Lega Italiana per il Divorzio Breve


Fonte: Redazione - Alessandro Gerardi

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia č stata letta 3510 volte

Alessandro Gerardi
Alessandro Gerardi

Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

Una nutrita schiera di associazioni e organizzazioni a tutela dei diritti civili della famiglia, a seguito...

07/04/2019 - 11:01
Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Il percorso del DDL Pillon in Parlamento si rivela meno facile di quanto non potesse sembrare. Anche...

15/09/2018 - 08:52
DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Un breve articolo compare il 15 aprile sul portale Studio Cataldi, sempre molto utile per dottrina ed...

13/04/2017 - 11:08
Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

Ieri sera in prima serata su Rai 2 nella trasmissione "Nemo – nessuno escluso", il Dott....

14/04/2017 - 21:20
Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Francesco D’Auria, Segretario nazionale Adiantum, lancia un appello a tutti i genitori...

19/03/2017 - 12:20
19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali

Interpellanza al Presidente del Consiglio, da parte del deputato Emanuele Scagliusi (M5S) in materia di...

21/11/2016 - 15:55
Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali


Le Notizie piů Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 7 commenti


23.20  di mercoledì 01/08/2012
scritto da  valeriano
forse sarebbe veramente il caso di fondare il "partito padri separati"....perchè no?lo fanno cani e porci..noi potremmo contare invece su un potenziale di almeno 4 milioni di voti e piu´...io direi di prendere seriamente in considerazione tale ipotesi

07.08  di mercoledì 01/08/2012
scritto da  FABIO BERTO
MA LA SIG.RA BETTI CONOSCE O DIMENTICA LE VIOLENTISSIME CAMPAGNE DI CRIMINALIZZAZIONE FATTE DALLE ASSOCIAZIONI FEMMINISTE SUGLI UOMINI? CITO UNO SLOGAN CHE LE INCALLITE FEMMINISTE "GARBATAMENTE" SCRIVONO SUI MURI DELLE CITTA´ DOPO QUALCHE LORO MANIFESTAZIONE: "UN UOMO MORTO E´ UNO STUPRATORE IN MENO".
QUESTA NON E´ INCITAZIONE ALLA VIOLENZA DOTT.SSA BETTI?!
PENSIAMO QUINDI A COSTRUIRE PARI DIRITTI NEL LAVORO E NELLA FAMIGLIA QUESTA E´ LA STRADA DELLA NON VIOLENZA. L´ALTRA QUELLA CHE SPERO NON VOGLIA LEI E´ QUELLA DEL POTERE PERSONALE.
DOTT. FABIO BERTO

20.03  di domenica 29/07/2012
scritto da  Antonello1
Per scrivere certe cose e per comportarsi in questo modo credo ci sia alla base dell´essere umano una grande sofferenza. Mi chiedo che tipo di esperienza personale può aver avuto la Signora Betti e in quale contesto familiare è cresciuta. ChissĂ  dove e per quale motivo ha imparato così bene la mistificazione della veritĂ . Le auguro di avere la forza e la volontĂ  di riconciliarsi con l´altra metĂ  del mondo partendo dal principio che non tutti gli uomini sono "il diavolo" e non tutte le donne (soprattutto quelle della nostra generazione) sono "la madonna". Auguri

00.20  di domenica 29/07/2012
scritto da  FRANCESCO CELLIE
FIGURIAMOCI... BEN VENGANO GLI ATTACCHI BOOMERANG, SE SONO RIDOTTI COSI´ SIGNIFICA CHE NON HANNO ALTRO DI MEGLIO DA FARE, ERGO, SANNO CHE DEVONO MOLLARE! IO PRENDEREI IL LORO ARTICOLO COME UNA DICHIARAZIONE DI RESA. UN SALUTO A TUTTI.

14.00  di sabato 28/07/2012
scritto da  Julien
Il femminismo è solo cieco odio anti-maschile. Totalmente inutile discutere con queste persone. Non è così che si difendono i bambini


1 - 2


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti č unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitŕ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2022 - Codice Fiscale: 97611760584