Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Maffioletti protesta su un caso di conflitto di interesse sui minori trentini

Le Associazioni raccontano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Maffioletti protesta su un caso di conflitto di interesse sui minori trentini
Gabriella Maffioletti

26/06/2012 - 17.25

Premesso che - Attualmente l’avv. Mara Roncoletta è la Presidente dell’associazione Prospettive di Trento mentre la dott.ssa Anna Maddalena Boccagni è la Coordinatrice scientifica dell’associazione come risulta dal sito dell’associazione. Come si legge nel sito, l’Associazione Prospettive è un’associazione attiva fin dagli anni ’70, mentre l’Atto costitutivo è dell’8 luglio 1992. Dal settembre 2002 è iscritta nel Registro provinciale degli Enti di promozione sociale (previsto dalla L. 383/2000). Dal 1994 presso l’Associazione è attivo un Gruppo Interdisciplinare di operatori e professionisti, impegnati in diversi ambiti, quali assistenti sociali, avvocati, insegnanti, neuropsichiatri infantili, pediatri, psicologi.

Il nucleo originario del Gruppo Interdisciplinare di Prospettive è attivo dal 1994; l’assetto attuale si è consolidato nel tempo ed è stabile dal 2004. Il Gruppo Interdisciplinare ha costruito le proprie modalità di lavoro attraverso l’accompagnamento teorico della (omissis …) e della dottoressa Luisa Della Rosa, direttore clinico e responsabile del Centro per la cura del trauma nell’infanzia e nella famiglia, di Milano.

La dott.ssa Luisa Della Rosa è stata recentemente oggetto di un’interrogazione comunale al comune di Trento del 15 ottobre 2011 presentata dalla scrivente. Nell’interrogazione si contestava la partecipazione della dottoressa Della Rosa in qualità di docente a un corso tenuto dall’associazione Prospettive per il fatto di essere stata una consulente del processo a Salvatore Lucanto [Cristina Giudici sul Foglio del 23 marzo 2001]. L’accusa del PM si basava anche su due disegni eseguiti dalla figlia in presenza di una psicologa Luisa Della Rosa, (ex socia CISMAI).

Secondo quanto pubblicato su Internet e mai smentito né ritirato dal sito «quando la bimba esce dall’audizione protetta dice: “La signora mi ha detto che devo disegnare un fantasma e chiamarlo pisello”. Poi viene prelevata a scuola e portata al Centro aiuto famiglia e bambini maltrattati (uno dei 4 centri fondati dal CISMAI) dove lavorava l’allora consulente del PM, Luisa Della Rosa. In 2 anni, il centro ha ricevuto dal comune di Milano 5 milioni e 400mila lire al mese per l’affidamento della bambina.» Nel dicembre 1999 Lucanto viene assolto perché il fatto non sussiste. Attualmente la dott.ssa Luisa Della Rosa è ancora in bella mostra sul sito dell’associazione Prospettive di Trento.

In data 30 aprile 2012, una cittadina rivoltasi alla sottoscritta per il ruolo che riveste in ADIANTUM ed il lavoro portato avanti in materia di rivisitazione del ruolo dei servizi sociali, dopo aver appreso che l’avvocato del marito e il CTU erano legati da un rapporto di collaborazione, chiedeva al legale di fiducia di scrivere una lettera all’avv. Mara Roncoletta e alla dott.ssa Anna Maddalena Boccagni per chiedere spiegazioni del sopra citato rapporto di collaborazione e specificatamente sul fatto che le due professioniste avessero informato il GI di questa collaborazione professionale molto intensa vista la Consulenza Tecnica d’Ufficio svolta dalla dott.ssa Maddalena Boccagni nell’ambito della Causa Civile R.G. 899/09 per le procedure di separazione tra la signora stessa e il marito.

La CTU è iniziata il 7 ottobre 2009 con l’udienza per l’assunzione dell'incarico, le operazioni peritali sono iniziate il 21 ottobre 2009 e quindi è terminata il 13 febbraio 2010 con l’incontro conclusivo dei CTU. L’avvocato ha chiesto se il tribunale era stato debitamente informato del fatto che entrambe le professioniste facevano parte della stessa associazione.

La signora è venuta recentemente a conoscenza di questa relazione solo per puro caso, e cioè che la dott.ssa Anna Maddalena Boccagni era la Presidente dell’associazione Prospettive e la dott.ssa Mara Roncoletta era, ed è tuttora, l’avvocato del marito nel procedimento di cui sopra.

L’avv. Roncoletta non ha nemmeno risposto alla comunicazione del legale mentre la dott.ssa Anna Maddalena Boccagni rispondeva sostenendo che al tempo della Consulenza Tecnica d’Ufficio non c’erano stati contatti tra lei e l’avv. Roncoletta e che questi erano avvenuti dopo la chiusura della Consulenza Tecnica d’Ufficio.

A quel punto, dal sito dell’associazione abbiamo cercato di accertarci di quanto riferito. Purtroppo sul sito non è stato possibile recuperare le locandine degli eventi passati dell’Associazione. Per esempio, sulla pagina “Iniziative passate”, i collegamenti alle locandine dei convegni dell’associazione non erano più disponibili dato che la pagina era stata modificata dal web master. Nel sito è stata recentemente introdotta la pagina dei “Documenti” ma alla data del 30 maggio 2012 le locandine dei convegni passati non erano disponibili. Una modifica quantomeno opportuna proprio all’indomani delle lettere di richiesta di spiegazioni dell’avvocato.

Come disse Andreotti: “A pensar male si fa peccato ma spesso ci si indovina.” Abbiamo quindi continuato la ricerca. Le informazioni contenute in Internet non si possono eliminare dato che vengono registrate anche su molti altri server. Abbiamo, quindi, scoperto che l’avv. Mara Roncoletta nel 2007 era la Vicepresidente dell’associazione Prospettive, come risulta dall’articolo allegato del quotidiano Il Trentino del 14 gennaio 2007, pagina 18, sezione Cronaca.

Ma non basta, nel convegno introduttivo “Debolezza e forza delle competenze genitoriali...” del 14 novembre 2008 (in allegato il documento che abbiamo scaricato dal sito) la dott.ssa Mara Roncoletta era uno dei relatori, mentre nel convegno conclusivo del 20 novembre 2009 la dott.ssa Mara Roncoletta era un membro del Gruppo interdisciplinare e di lavoro. In altre parole aveva lavorato a questo progetto dell’associazione Prospettive per almeno un anno mentre la dott.ssa Anna Maddalena Boccagni era la Presidente dell’associazione Prospettive. Ci chiediamo se la dott.ssa Mara Roncoletta ha percepito degli onorari per il suo lavoro nell’associazione Prospettive. La Consulenza Tecnica d’Ufficio svolta dalla dott.ssa Maddalena Boccagni è iniziata nel mese di ottobre 2009 ed è terminata nel febbraio 2010 quando i rapporti tra le due donne erano stretti e consolidati da anni.

Recentemente la signora ha persino scoperto che alcune visite con la psicologa che le ha fatto la CTU (la dott.ssa Boccagni) erano state fatte nella sede stessa dell’associazione dell’avvocato del marito in via Sighele 3. Cornuta e mazziata, si suole dire.

Ma questo non è tutto. Secondo il parere di un perito assunto dalla signora, la Consulenza Tecnica d’Ufficio svolta sulla signora è stata senza alcun fondamento pregiudizievole nei confronti della signora, tanto che il giudice della separazione l’ha considerata malata psichiatrica tanto da allontanarle le bambine.

La signora ha presentato un esposto alla Procura per far luce sulla vicenda e ha informato anche l’Ordine degli Psicologi e l’Ordine degli Avvocati, ma riteniamo che l’amministrazione non possa soprassedere e attendere i risultati delle indagini dato che attualmente l’Associazione Prospettive sta formando le nostre assistenti sociali e sta contribuendo a creare la cultura della tutela minorile trentina. Permettere che continui questo delicato ruolo non è certamente consigliabile alla luce di quanto sopra esposto. Chiederemo certamente degli ispettori ministeriali per chiarire rapidamente la vicenda per quanto concerne il tribunale ma trattandosi di bambini non possiamo certamente aspettare. Tra il resto attualmente la dott.ssa Boccagni sta svolgendo delle CTU per il tribunale ed è nell’interesse di tutti chiarire la vicenda dato che trattasi di operazioni delicate che determinano il futuro dei bambini.

Ma purtroppo non è tutto. Il marito è stato rinviato a giudizio per maltrattamenti nei confronti della signora e delle figlie ed è difeso dal dott. Bonifacio Giudiceandrea, marito dell’avv. Mara Roncoletta. La dott.ssa Anna Maddalena Boccagni (che conosce la signora solo in merito alla CTU di cui sopra) è stata addirittura chiamata come testimone a favore del marito e purtroppo né l’avvocato né la dott.ssa Boccagni hanno avuto l’accortezza di desistere da tale evidente conflitto di interesse.

Certamente il giudice del procedimento penale ne sarà informato, ma questo comportamento, soprattutto perché reiterato nonostante gli episodi di cui sopra, non è certamente indice dell’alto livello etico e morale che dovrebbe contraddistinguere chi si occupa di questioni tanto delicate come la tutela dei minori ed inoltre risulta in evidente contrasto con i principi e i criteri contenuti nelle disposizioni generali capo I art. 23 comma b) del Testo Unico delle Leggi Regionali sull'Ordinamento del Personale dei Comuni della Regione autonoma Trentino-Alto Adige (DPReg. 1 febbraio 2005 n. 2/L).

 

Si interroga il Sindaco e la Giunta per conoscere:

•        Se era al corrente la pubblica amministrazione che due delle principali figure dell'Associazione Prospettive sono oggetto di segnalazione in Procura per verificare che l'attività svolta dalle professioniste non abbia dato luogo ad un conflitto di interessi ed abbia pregiudicato il corretto adempimento dei compiti d'ufficio specie in una materia così delicata e sensibile;

•        Se corrisponde al vero che la dott.ssa Mara Roncoletta era un membro del Gruppo interdisciplinare e di lavoro per il convegno “Debolezza e forza delle competenze genitoriali: riconoscerle, valutarle, sostenerle e arricchirle”;

•        Se la dott.ssa Luisa Della Rosa collabora ancora con l’associazione Prospettive e contribuisce alla formazione dei nostri professionisti nell’ambito della tutela minorile, quali sono i compensi percepiti dalla dott.ssa Luisa Della Rosa e quali sono le spese sostenute in forma maggioritaria dalla Provincia Autonoma ed invece in quale forma dalle Casse comunali per i servizi forniti dalla dott.ssa Luisa Della Rosa;

•        Se corrisponde al vero quanto riportato su internet in merito alla dott.ssa Luisa Della Rosa al tempo della sua collaborazione con il PM Pietro Forno;

•        Quali sono le spese, sia dirette che indirette, sostenute dalla Provincia Autonoma di Trento per i servizi resi dall’associazione Prospettive (per indirette si intendono ad esempio le spese sostenute per pagare i corsi delle assistenti sociali, ecc.);

•        Se non sia il caso di investigare le relazioni e attività dell’associazione Prospettive al fine di individuare qualsiasi possibile conflitto di interesse, di cui l’associazione potrebbe persino essere inconsapevole, al fine di sanare qualsiasi eventuale irregolarità.

•        Se non ritenga utile la pubblica amministrazione nel rispetto del principio dell'art. 23 (incompatibilità, cumulo di impieghi e incarichi) -CAPO I Disposizioni generali-commab)- congelare ogni futuro ed istituendo corso con l'Associazione Prospettive fino a quando la magistratura non esprimerà un giudizio sulla questione morale e pregiudiziale posta o in alternativa porre il vincolo della esclusione dalla Associazione delle due professioniste oggetto di indagine.

 

Gabriella Maffioletti


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 6510 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Anche a Trieste sarà attivo un punto di riferimento per i genitori separati, nato per tutelare i figli minori coinvolti nelle...
14/03/2017 - 09:54
Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Nell’assemblea del 20 gennaio tenuta a Roma presso la sala Luigi Di Liegro di Palazzo Valentini, Adiantum – Associazione di...
29/01/2017 - 11:57
Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Lo scorso 7 dicembre, al Liceo Mascheroni di Bergamo, si è tenuta la seconda edizione degli anuali “Adiantum Community...
30/11/2016 - 11:48
Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

Sabato 15 ottobre alle ore 17, Adiantum – Associazione di Aderenti Nazionale per la Tutela dei Minori –...
11/10/2016 - 17:12
Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

In crescita ADIANTUM nel Lazio. Il coordinatore nazionale Massimiliano Gobbi, infatti, ha annunciato l'apertura della delegazione...
05/10/2016 - 15:48
ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale

L'associazione per la tutela dei diritti dei bambini italiani sottratti illegalmente in Slovacchia cambia denominazione e obiettivi...
29/09/2016 - 12:10
Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 3 commenti


20.42  di domenica 24/08/2014
scritto da  dott. Marina Lepioshkina
marilepioshk@tiscali.it
Ho scoperto che CTU viene pagata dallo stato per suo lavoro e Relazione , in seguito di giuramento in Tribunale avanti i Giudici di raccogliere tutta la anamnesi ed informazione necessaria ; deve chiedere il parere collegiale dei medici . La famiglia ha bisogna : il medico di famiglia , pediatra , pneumologo , allergologo , immunologo , dentista , oculista , ginecologo! Comè mai il GIUDICE rifiuta convocare la madre - medico plurispecializzato e con 34 anni d´esperienza in Sanità , Curriculum Internazionale , cittadina Italiana !? E FIDA CECAMENTE E PRENDE COME LA SPALLA UNA SINGOLARE PSICOLOGA - PLURIIMPEGNATA NEI CAMPI DEI RICLUTAMENTO DEI MINORI ED ARRESTI DEI MINORI ED ALLONTAMENTI DALLE MADRI VALIDI ? SOSTEGNO DELLE COMUNITà "NON LUCRATIVE " IN TUTTA L´ITALIA , AMERICA DEL SUD E AMERICA DEL NORD?! VERAMENTE UNA PERSONA BRILLANTE , PREZZIOSA E NON SOSTITUIBILE QUANDO SI TRATTA DI TORTURARE UN BIMBO FISICAMENTE , TRASCURARLO IN ALLONTANAMENTO DALLA MADRE ???!!!Occultare delle audizioni scomode per padre - maltrattante e molestante sessualmente per 15 anni!Pluridenunciato! In osservazione e psicoterapia al CPS locale con DS : " Depressione" ; "Aggressività" , "Episodi d´ira - non riesce trattenere l´aggressività"!? E" madre- pericolosa per il proprio figlio naturale ?! TM insedia il figlio a casa di questo boia?!
Dott. Marina Lepioshkina.

19.40  di sabato 12/07/2014
scritto da  dott. Marina Lepioshkina
marilepioshk@tiscali.it
CTU indagata giura nel momento di una indagine in corso su di lei ?!Il giudice non conosce i fatti ? TM rifiuta obbligatoria e legittima convocazione di madre e procede per il arresto del minore dalla scuola elementare di milano in via sant´orsola - vicino all´ordine dei medici . 8 adulti in forma militare di forza dell´ordine - con violazione dei PROTOCOLLI COMPORTAMENTALI DI ASCOLTO DI UN MINORE. ACCULTATI PER GLI ANNI I DISEGNI DEL PENE IN ERREZIONE DI "PAPA" , PRESENTE NEL FASCICOLO TRIBUNALE PENALE DI VARESE . 4 CAUSE PENALE ARCHIVIATE SENZA INDAGINE.ABUSO DELLA LEGGE IN DISCAPITO DI FIGLIO E MADRE PER PENOSO INTERESSE DI DIFESA DI PADRE.MANCATA ESECUZIONE DEL TRIBUNALE - CORTE D´APPELLO , LA SENTENZA INCHIODA IL PADRE CON IL SUO RIFIUTO IN SCRITTO DI FIRMARE UN ACCORDO CON MADRE IN SEDE LEGALE NEGLI INTERESSI DI FIGLIO , CALENDARIO DEGLI INCONTRI , GARANTIRE OBBLIGO DI SUO MANTENIMENTO.11 ENNE PROCESSO PRESSO TRIBUNALE DI MILANO CON OVVIA ESTORSIONE DI MADRE , MENACCE DI TOGLIERE IL FIGLIO MINORE - BENESTANTE E NEL PIENO BENESSERE.IN COMUNITà VIOLENTEMENTE ALLONTONATO DALL´EFFETO E TUTELA DI MADRE MEDICO E AVVOLTO DAI EDUCATORI MASCHI E OBBLIGATO FARE BASKET ( NON PUò FARE EQUITAZIONE - COME SEMPRE FATTO )- "PERCHè A BASCKET GIOCCANO SOLO MASCHETTI ! LE BAMBINE NON GIOCCANO A BASCKET !" RICREAZIONE E SMIDOLLAMNTO IN CORSO CON LA MADRE-DONNA LONTANA!!! VOGLIA DI UGUAGLIANZA E COMUNITà!

19.35  di sabato 12/07/2014
scritto da  dott. Marina Lepioshkina

marilepioshk@tiscali.it Ho analoga causa , contattatemi.CTU giurava nel 2011-12 essendo già indagata , occultava delle verbalizzazioni delle audizioni di mio figlio e miei , abusava la legge a mio e del mio figlio discapito negli interessi di padre maltrattante e molestante.Figlio 13.05.2003 è in comunità non lucrativa-lucrativissima! dal 09 ottobre 2012.Illegale detenzione del minore.Occultamento delle prove, sospeso SSN e pubblico d´ufficio nele tempestive cure mediche e specialistiche. Asma, stress , strabismo , cefalee frontali in disidratazione e malnutrizione, sospetto uso dei psichofarmaci in comunità-Tortura fisica.



1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584