Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Fabio Nestola: gentile Luisa Betti, quella della Spinelli si chiama informazione pilotata

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Fabio Nestola: gentile Luisa Betti, quella della Spinelli si chiama informazione pilotata
Fabio Nestola

08/06/2012 - 22.42

Gentile Luisa Betti, non ci è sfuggito l’articolo de il Manifesto, possiamo dire di essere sufficientemente documentati. Probabilmente più di qualsiasi Ente Istituzionale italiano. In merito alla violenza di genere archiviamo e studiamo minuziosamente tutto il possibile, dal Rapporto Ombra CEDAW alle raccomandazioni ONU, dalle indagini ISTAT ai rapporti CENSIS-ANSA, dalla metodologia delle ricerche alla letteratura scientifica internazionale, dallo stanziamento di Fondi UE alla più piccola erogazione degli EELL, dalle relazioni dei convegni agli atti Parlamentari, dalle tesi universitarie fino agli articoli di quotidiani e periodici, e tanto altro ancora.

Proprio da una analisi globale, però, emergono alcune vistose lacune:

1) viene messa sotto i riflettori esclusivamente la violenza agita dall’uomo ai danni della donna, mai il contrario; mai considerato nemmeno il concetto di violenza condannabile in ogni caso, a prescindere dal genere di autori e vittime 

2) partendo dalle Nazioni Unite, passando per l’Europa, Ministeri Italiani, Regioni e Province, fino al più piccolo comune d’Italia, negli ultimi 40 anni nessuno ha mai stanziato dollari, lire o euro per approfondire disagi e bisogni delle vittime maschili.

3) Nessuna fonte istituzionale ha mai nemmeno sentito l’esigenza di verificare se esista un disagio maschile generato da violenze fisiche e psicologiche, vessazioni, umiliazioni, percosse, lesioni subite in ambito familiare. Nessuno ha mai verificato se, a fronte dell’enorme sommerso femminile, esista un sommerso maschile ancora maggiore.

4) l’unico soggetto al quale possa essere attribuito lo status di vittima è un soggetto femminile, al massimo esteso al binomio madre-figli

5) istituzionalmente la vittima maschile non viene riconosciuta, è un fenomeno che non solo non viene

contrastato, ma nemmeno studiato, analizzato, approfondito… apparentemente è un fenomeno che non esiste, e se esiste non c’è alcun interesse istituzionale a farlo emergere.

6) Se l’uomo vittima di violenza non viene ufficialmente riconosciuto, men che meno esiste il concetto di vittima esteso al binomio padre-figli 

7) eppure la cronaca e l’analisi criminologica dicono il contrario: il costrutto complesso della violenza prescinde dal genere

8) esiste infatti una vastissima letteratura scientifica internazionale sulla violenza femminile, sviluppata non solo nei soliti USA: dall’India al Canada, dalle Filippine alla Svezia, dalla Spagna all’Iran, dalla Gran Bretagna al Brasile.

9) un solo testo - La violencia en la pareja: bidireccional y simetrica, Juan Alvarez Deca - raccoglie 230 studi longitudinali, dimostrando dettagliatamente ciò che sintetizza nel titolo: il postulato che all’interno della coppia la violenza sia unidirezionale è una mistificazione figlia del pregiudizio, dell’informazione pilotata, del condizionamento della coscienza collettiva in atto da decenni.

10) da una mole impressionante  di studi internazionali emerge una vistosa lacuna: solo in Italia non è mai stato effettuato uno studio sulla violenza a 360°, si parla esclusivamente di violenza agita dall’uomo ai danni della donna. Chiunque per motivi di lavoro, studio o ricerca abbia necessità di accedere ad un’analisi completa trova fonti infinite di dati ed osservazioni sulle vittime femminili, nemmeno una riga sulle vittime maschili o sul binomio padre-figli.

La invito a riflettere su questo, gentile Luisa:

potremmo mai avere l’incrollabile certezza lei, io, la Spinelli o chiunque altro, che nel nostro Paese mai nessun uomo abbia subito dalla propria partner violenze fisiche e/o psicologiche? Mai nessuno è stato picchiato, ferito, investito, sfregiato, ustionato, strangolato, folgorato, accoltellato, sparato, avvelenato, ucciso con altre modalità? Mai nessuno è stato insultato, umiliato, soggiogato, cancellato dalla vita dei figli? Non poter frequentare liberamente i propri figli … riesce ad immaginare uno strazio più lacerante?

La cronaca nera dice il contrario, esiste ampia documentazione.

Non si tratta di opinioni personali ma di dati incontestabili: nomi, date, fatti, fonti verificabili.

Dell’uomo autore di violenza se ne può parlare, se ne deve parlare. Dell’uomo vittima no

La differenza è tutta qui

Si chiama informazione pilotata

Nel nostro Paese abbiamo esempi a profusione, come quando cercavano di indurci a credere che l’ignobile reato di stupro fosse stato importato dai cittadini rumeni.

Come quando ci dicono che i nostri ragazzi non ammazzano e si fanno ammazzare, ma stanno diffondendo la pace in Afghanistan.

Come quando ci hanno detto che il DC9 di Ustica è caduto da solo per cedimento strutturale, che il nucleare era energia sicura, che l’Aquila sarebbe tornata alla normalità in sei mesi.

in conclusione, ciò che fa apparire - a mio parere - faziosamente assurde le affermazioni dell’avv. Barbara Spinelli è il curioso teorema:

LEGGE CHE GARANTISCE AI FIGLI ENTRAMBI I GENITORI = VIOLAZIONE DEI DIRITTI DELLE DONNE E DEI BAMBINI.

Parte dall’assunto che le donne siano vittime (tutte) e gli uomini carnefici (tutti).

Quindi trasforma in un terribile attacco ai diritti femminili una legge che si preoccupi di garantire ai figli supporto e presenza costante di entrambi i genitori.

Esistono i pedofili, esistono i padri violenti, esistono i padri maltrattanti, è una realtà.

Ma è una forzatura insinuare che lo siano tutti, non trova?

Si tratta di una minoranza, vogliamo dirlo?

Minoranza emarginata e condannata in primis dai padri onesti, vogliamo dire anche questo?

Voglio sperare che la Spinelli non abbia la sfrontatezza di sostenere che gli uomini solidarizzano fra loro, proteggendo pedofili ed assassini.

Voglio sperare che non voglia sostenere che essere padre equivale ad essere pedofilo, spero non voglia pensare che in Italia i padri mettono al mondo figli al solo scopo di avere in casa qualcuno da abusare.

Ergo: visto che ogni legge dello Stato vale per 60 milioni di cittadine e cittadini, quindi in larghissima maggioranza a gente onesta, per quale motivo le devianze di una minoranza renderebbero l’affido condiviso un attentato ai diritti delle donne?

A me sembra terrorismo psicologico, oltretutto poco informato, fazioso, basato sul pregiudizio e sull’informazione pilotata.

Metto in conto che molti potrebbero pensarla diversamente, so che l’immaginario collettivo è guidato altrove, ma fino a quando sarà permesso preferisco continuare a pensare con la mia testa.


Fonte: Redazione - Fabio Nestola

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia č stata letta 7460 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

La pazienza è finita. Questa, in sintesi, la presa di posizione di numerose...

07/04/2019 - 14:53
26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Di ALESSIO CARDINALE* - Sono trascorsi ormai più di dodici anni dalla entrata in vigore della legge n....

15/09/2018 - 00:53
Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

È quanto riportano le agenzie: dall’inizio dell’anno sono 16 le donne sospese dal...

12/03/2018 - 11:09
Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

A leggere certa roba viene il voltastomaco. 

Ormai, nel dilagante...

09/08/2017 - 07:09
Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Oh, ecco com’è stata recepita dal Ministro la vibrante protesta AIAF.....Il MIUR riconosce che...

02/05/2017 - 13:34
AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

L’ISTAT pubblica un’analisi dei dati emergenti dalla giurisprudenza 2005/2015, ed ammette la...

11/04/2017 - 11:51
Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?


Le Notizie piů Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 9 commenti


19.54  di giovedì 05/07/2012
scritto da  Carlo Orecchia
Leggo da lcuni gionri con interesse i suoi articoli. Devo dire che concordo su tutto tranne su una cosa:

Su una popolazione di 60 milioni di abitanti la quantità dicoportamnti devinati non è "la minoranza" ma una "estrema minoranza" una piccolissima parte che on può essere rappresetnativa di nulla se non dei comportamnti di quei singoli.

Purtroppo siamo sempre troppo buoni...

...detto ciò mi spiace molto vedere come persone che vengono da un´area di cui dovrei condividere le idee siano porprio così malate di ideologia e rigide nelle loro convinizioni.

Il femminiso dimia nonna o di mia madre era quello delle donne che lottavana per affermare i loro diritti, queste per affermare dei priviligi a scapito dei diritti altrui.

14.30  di lunedì 11/06/2012
scritto da  Gibbì
Propongo un punto di vista integrativo sull´argomento a questo link:
http://ragionimaschili.blogspot.it/2012/06/non-e-piu-tempo-di-belle-maniere.html

12.54  di lunedì 11/06/2012
scritto da  stefano
condivido in toto il tuo ragionamento e la critica mossa all´articolo, un articolo che mette a nudo la demagogica ideologia femminista che muove i suoi passi da pochi standard e rigidi slogan. le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti. un Paese stretto nella morsa di una ideologia androfobica che per paura di una manciata di energumeni e criminali, condanna e sacrifica volentieri tutti gli uomini onesti.

14.57  di sabato 09/06/2012
scritto da  Pino FALVELLI
Alla Gen.ma Luisa Betti e all´ avv. Spinelli, vorrei solo ricordare che ogni anno sono oltre le CENTINAIA i papĂ  separati che si tolgono la vita perchè ridotti in miseria, privati dell´ affetto dei propri figli, della propria casa coniugale e di gran parte del proprio stipendio. Non si tratta di uomini che non riescono ad accettare la separazione e/o che sono in preda a crisi depressive, come si vuol fare apparire, ma si tratta di uomini VITTIME DELLE QUOTIDIANE VIOLENZE DA PARTE DELLE DONNE E DELL´ ASSURDO SISTEMA VIGENTE. Trattasi di persone che costrette a rivolgersi alla CARITAS e a dormire sotto i ponti, nelle auto, nei garages, ecc. e che vengono allontanati dai propri figli da quelle che prima erano le loro mogli; DONNE troppo spesso avide e malefiche, che strumentalizzano persino i figli per poter ragiungere i loro "loschi" obbiettivi ( costituirsi una vera e propria RENDITA VITALIZIA E PARASSITARIA ai danni dell´ ex ). Forse questa non è violenza da parte delle donne ??? Come mai delle CENTINAIA di papĂ  che ogni anno si tolgono la vita per colpa delle VIOLENZE subite dalle donne nessuno ne parla ??? Femministe, per cortesia, finitela di seminare odio !!! In un Paese civile la violenza deve essere combattuta sempre, sia quando è messa in atto dagli uomini e sia quando è messa in atto dalle donne, senza fare distinzioni e propaganda di parte ( e soprattutto quando vengono coinvolti i bambini ). Ciò che sta accadendo in Italia in materia di separazioni e divorzi è semplicemente VERGOGNOSO !!! Gli uomini non sono tutti violenti ed anaffettivi come si vuol far credere ( quando leggo certe cose, francamente, mi sento offeso ). Ritengo che oggi chi semina odio e violenza sono soprattutto quelle donne malefiche che ricorrono VOLUTAMENTE alla separazione di tipo giudiziale, con falsitĂ  e menzogne, per conseguire loschi obbiettivi, facendosi scudo persino dei propri figli.-

10.34  di sabato 09/06/2012
scritto da  fabio
quando lo capiremo?
GiĂ  abbondantemente capito, grazie
Non servono professori per spiegare le ovvietĂ , molto semplicemente utilizziamo i pochi strumenti che abbiamo.
Se avessimo reti televisive faremmo controinformazione a tappeto, se avessimo denaro a pioggia faremmo cartelloni 6 x 3 per inondare le cittĂ , se avessimo ancora piĂą denaro faremmo spot TV e compreremmo gli spazi per trasmetterli.
Non c´Ă¨ niente di tutto questo, allora scriviamo robaccia lunga lunga e razionale razionale, facciamo convegni, ricerche, inchieste, monitoraggi, approfondimenti che non vuole fare il Sistema.
Poi però chi pubblica?
I media nazionali chiamano come esperti Lori Del Santo e Irene Pivetti, chi ha un sapere diverso è accuratamente evitato.
Allora la robaccia lunga lunga e razionale razionale trova spazio solo nei nostri convegni e sui nostri blog


1 - 2


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti č unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitŕ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584