Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Case famiglia, ultime statistiche. secondo ISTAT i minori allontanati sarebbero 23.000

News e Comunicati Stampa


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Case famiglia, ultime statistiche. secondo ISTAT i minori allontanati sarebbero 23.000

01/04/2012 - 11.10

Rispetto ai numeri che circolano oggi (circa 35.000 bambini "ospiti" delle comunità per minori) i nuovi dati diffusi dall'ISTAT - pertanto da prendere con le pinze, per via di dati spesso discutibili (da verificare le note metodologiche, sempre) - parlano di un alto numero di minori ospitati nelle strutture d’accoglienza. Ne sono stati contati 22.584 nel 2009, contro i 16.414 del 2006. Si tratta di un 40% in più di under-18, un aumento dovuto al più grande numero di presidi sui quali è stata condotta l’ultima indagine, e dovuto altresì all’inclusione nelle statistiche dei centri socio-sanitari, oltre a quelli socio-assistenziali.

In buona sostanza, una ricerca a campione, del tutto insufficiente per via della delicatezza del tema - quello delle case famiglia e del business che sviluppano ogni giorno - e in relazione ad una assoluta ignoranza di dati da parte di tutti, Istituzioni comprese. Un "selvaggio Far West", a questo somiglia oggi il settore dell'affido a strutture terze, dove non si riesce a sapere come, perchè, quanto e quando un bambino possa essere allontanato dalla propria famiglia con una violenza inaudita.

In tal senso, una intervista di AIBI (www.aibi.it) a Liviana Marelli, coordinatrice dell’area infanzia, adolescenza e famiglie del CNCA - Coordinamento nazionale delle comunità di accoglienza - chiarisce tanti punti oscuri con rara franchezza.

  Così tanti minori nei presidi, in Italia. Le risultava che i dati fossero questi? No, l’ho scoperto quando ho ricevuto il documento ISTAT. Certamente i dati sono importanti e per certi aspetti inquietanti. Credo si debba chiedere un’analisi seria dei bambini e dei ragazzi fuori dalla famiglia, per esempio richiedendo la costituzione della Banca Dati dei Minori, con indicatori completi e complementari – di età, genere, se soli o con la propria madre, tempi e cause della separazione dalla famiglia, se ospiti in comunità o dati in affido – aggiornata in tempi ravvicinati; l’ultima fatta dall’istituto degli Innocenti è del 31 dicembre 2008, ed è già troppo vecchia. Quali sono le maggiori cause della separazione di questi minori dalla famiglia? Penso che le variabili siano molte. La dismissione dello stato sociale, anzitutto. Poi le politiche sociali centrate sulla beneficienza e non sui diritti. C’è anche un’involuzione culturale che riguarda gli interventi sociali e li vede solo come costo e non come investimento, così come la poca o nessuna cura della famiglia d’origine del minore nella struttura. Non ultime, cause come la crisi economica attuale, che esclude e marginalizza sempre più persone dal tessuto sociale, proprio a partire dalle persone più vulnerabili; e come la dismissione delle politiche di prevenzione, promozione e inserimento sociale. Infine la confusione della tutela dei bambini e dei ragazzi con la mera esecuzione dei provvedimenti dei tribunali per i minorenni. Come giudica la situazione di questi minori in relazione ai loro diritti? Decliniamo con chiarezza cosa intendiamo per qualità dell’accoglienza: le comunità devono essere case di “normale abitazione”, di piccole dimensioni, con adulti stabili (famiglia e équipe educativa), aperte al territorio, con presenza di volontari/famiglie/cittadini attivi di sostegno e di vicinanza, in rete con gli altri soggetti del territorio, con numero adeguato di operatori (rapporto tra minori accolti e operatori), formazione, supervisione, riunione équipe, accoglienza delle famiglia d’origine (dove possibile), accompagnamento/ponte verso il dopo (rientro in famiglia d’origine, verso l’adozione o l’affido) e una comunità come “luogo e porta aperta” (i ragazzi sanno che possono “contare” sugli adulti che hanno incontrato in comunità, può stare in relazione con loro, in qualche modo rinnovando il principio del “diritto alla continuità affettiva”. Parliamo di affido. Una soluzione per questi minori potrebbe essere incentivare l’affido per questi minori. è utile? Che cosa ne pensa? Certo! E su questo non c’è altro da aggiungere. Incentivare l’affido risponde al diritto alla famiglia per tutti i minori, e lo sostiene. Non è che, con questi numeri alti e dopo la scoperta di sempre più minori nelle strutture, allo Stato venga in mente di riaprire gli istituti? Spero proprio di no. E anzi, dobbiamo contrastare assolutamente questa eventualità. Aggiungerei che la destinazione di questi minori è la comunità di tipo familiare, ma dobbiamo fare una distinzione importante, che lo Stato ancora non ha fatto: che cosa si intende con comunità di tipo familiare. Lo dico perché nel settore pubblico non c’è ancora la definizione chiara di che cosa si debba intendere per comunità familiare e quale ne debbano essere lo stile, l’accoglienza, le strutture, i servizi, i numeri. Il rischio c’è eccome che si ritrasformino in istituti camuffati, o, come dico sempre, in istituti pitturati di nuovo. Manca il senso, ecco. Una domanda delicata: la legge sull’affido ha fallito? Qual è la sua posizione? La mia posizione è che bisognerebbe renderla finalmente operativa. A fallire sono state le iniziative di uno Stato che non mette tra le sue priorità l’aiuto ai minori. Se c’è da fare dei tagli, perché tagliare proprio in questo campo? Uno Stato civile non dovrebbe tagliare il sostegno all’infanzia e all’adolescenza. Qual è la sua posizione sul rilancio dell’affido nelle mani del privato sociale, come ad esempio Enti e associazioni? Penso che le organizzazioni di privato sociale (peraltro diverse tra di loro, perché una cosa è l’associazione di volontariato e un’altra la cooperazione sociale, per esempio) debbano e possano essere partner corresponsabili nella progettualità a sostegno degli affidi. La titolarità potrebbe restare pubblica. Non sono cioè del parere che le organizzazioni di privato sociale vengano delegate in via unilaterale. Nella situazione attuale, per lo meno, ci vorrebbe una titolarità pubblica e la definizione chiara di un contesto di corresponsabilità tra pubblico e privato sociale.


Fonte: Redazione - http://www.aibi.it/ita/italia-22-mila-minori-nelle-comunita-educative-liviana-marelli-cnca-e-inquietante/

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 4783 volte


Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

Una nutrita schiera di associazioni e organizzazioni a tutela dei diritti civili della famiglia, a seguito...

07/04/2019 - 11:01
Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Il percorso del DDL Pillon in Parlamento si rivela meno facile di quanto non potesse sembrare. Anche...

15/09/2018 - 08:52
DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Un breve articolo compare il 15 aprile sul portale Studio Cataldi, sempre molto utile per dottrina ed...

13/04/2017 - 11:08
Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

Ieri sera in prima serata su Rai 2 nella trasmissione "Nemo – nessuno escluso", il Dott....

14/04/2017 - 21:20
Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Francesco D’Auria, Segretario nazionale Adiantum, lancia un appello a tutti i genitori...

19/03/2017 - 12:20
19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali

Interpellanza al Presidente del Consiglio, da parte del deputato Emanuele Scagliusi (M5S) in materia di...

21/11/2016 - 15:55
Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Non ci sono ancora commenti


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584