Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Casa coniugale riassegnata se lei va a vivere con un nuovo compagno

INFOLEGAL


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Casa coniugale riassegnata se lei va a vivere con un nuovo compagno

04/03/2012 - 12.57

Se lei dopo la separazione è andata a vivere nella casa di un nuovo compagno con il suo bambino che nella nuova casa ha trovato un habitat favorevole, dovrà rinunciare all'assegnazione della casa coniugale. È quanto emerge dalla sentenza della Corte di Cassazione (n. 1787, depositata l'8 febbraio 2012), Secondo cui la casa familiare può non essere assegnata alla mamma affidataria del bambino se questo ha trovato un "habitat" favorevole nell'abitazione del nuovo compagno di lei. Inutile anche il tentativo della donna di far revocare l'affido condiviso per il fatto che il padre parlava male dell'ex moglie e della suocera.

Gli sviluppi della vicenda. In primo grado il Tribunale di Velletri aveva pronunciato la separazione dei coniugi e affidato alla madre il figlio della coppia, imponendo al marito la corresponsione di 400 euro per il mantenimento dello stesso. Tuttavia, non assegnava alla moglie, affidataria del bambino, la casa familiare. La Corte di appello di Roma, investita della questione, sentito il minore, respingeva l'appello principale della moglie ed, in accoglimento dell'appello incidentale del marito, addebitava la separazione alla prima ed affidava il figlio ad entrambi i genitori, confermando per il resto la gravata sentenza.

Contro questa decisione la moglie proponeva ricorso per cassazione che veniva però rigettato. In riferimento ai motivi di ricorso proposti dalla moglie (omessa motivazione sul punto dell'assegnazione della casa familiare e omessa motivazione in tema di affidamento condiviso del minore), la Corte ha così confermato quanto stabilito dalla Corte di Appello, che ha "negato alla ricorrente l'assegnazione della casa coniugale, tenendo prioritariamente conto dell'interesse del minore come previsto dall'art. 154 quater c.c. e quale giustamente desunto dall'ascolto delle sue dichiarazioni sul rapporto con la coppia formata dalla madre e dal suo compagno e sulla permanenza presso di loro, e, dunque, su circostanze rilevanti ai fini della decisione sul suo affidamento, demandatagli dall'art. 155 c.c." e ha "statuito l'affidamento condiviso del figlio per ragioni ampiamente ed irreprensibilmente chiarite, alle quali la (moglie) oppone circostanze che non emergono dalla pronuncia e che o non avvalora con specifici richiami a pregresse risultanze istruttorie o che appaiono non decisive sia pure in ordine alla permanenza della particolare conflittualità riscontrata dai S.S. nel corso del primo grado del giudizio e recepita dal primo giudice a sostegno della decisione di affidamento del figlio alla sola madre").

 

(02/03/2012 10:00 - Autore: Luisa Foti) 


Fonte: www.studiocataldi.it

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 3348 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Da quando è in vigore la legge più boicottata dai giudici della storia della Repubblicana (la...

15/07/2018 - 17:29
Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

di CRISTINA DAL MASO - È di pochi giorni fa la sentenza della Suprema Corte di Cassazione che ha...

28/05/2017 - 18:06
Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

L´interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Diritto di famiglia, tribunale di Torino: è possibile imporre al minore di frequentare...

31/03/2017 - 13:40
L´interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

Sono sempre più frequenti i casi di tragedie familiari che hanno come protagonisti, in negativo, i...

17/02/2016 - 12:53
Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Se una mattina decidi di scorrere le pagine di un notiziario giudiziario sulle decisioni dei tribunali per i...

10/12/2015 - 11:11
In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?

di MARCELLO ADRIANO MAZZOLA* - Quante condanne dovrà ancora subire l’Italia perché...

25/11/2015 - 11:51
Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Non ci sono ancora commenti


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584