Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Sanremo, successo della protesta canora dei genitori. Flati: obiettivo raggiunto

News e Comunicati Stampa


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Sanremo, successo della protesta canora dei genitori. Flati: obiettivo raggiunto
Antonella Flati alla testa del sit-in

19/02/2012 - 11.26

"Dove sono rintanate le cassandre che speravano nell'insuccesso della nostra manifestazione ?". Esordisce così Antonella Flati, tra gli organizzatori della protesta canora - con tanto di testo e musiche originali composte da Fabio Nestola - che ha centrato in pieno l'obiettivo prefissato: dare visibilità alla questione della Bigenitorialità negata in Italia.

Canali TV, radio e stampa hanno documentato il sit-in, e nei prossimi giorni diversi filmati e interviste gireranno tra i media e nella Rete. L'idea di approfittare della più importante manifestazione musicale italiana, come nelle previsioni, si è rivelata vincente. RAI, Mediaset, Sky, e poi Repubblica, Corriere della Sera, Il Popolo e altre testate di informazione nazionale (più quelle locali), ospiteranno tra oggi e domani le dichiarazioni della Flati, di Mauro Lami (papà separati Liguria), di Fabrizio Adornato ("romano di adozione" ma ligure) e di tanti altri che sono arrivati da tutta Italia per cantare insieme le liriche di Nestola. Dal Sud Italia l'organizzazione del brindisino Francesco Cellie (che ha dovuto fare dietro-front all'ultimo momento per motivi familiari) si è unita con quella di chi arrivava dal Centro-Nord. Si sono ritrovati tutti davanti al teatro Ariston di Sanremo, proprio in coincidenza della finalissima della gara canora, ed hanno dato vita ad un presidio di padri e madri separati dai loro figli, tenuti nelle c.d. case famiglia spesso sulla base di "un pregiudizio o della possibilità di conflitto tra coniugi separati, o della probabilità dell'inadeguatezza dei genitori". A capeggiare questo piccolo esercito di magliette bianche con un grande cuore e la scritta "Papà c'è" Antonella Flati, scrittrice e collaboratrice di diverse associazioni, e la scrittrice Sheyla Bobba. Entrambe denunciano un business da 2 miliardi di euro l'anno dietro queste strutture. "I problemi delle Case Famiglie, il mancato controllo sulle strutture - dichiarano - fanno si che questi istituti diventino vere e proprie carceri per i bambini e i genitori lì costretti, è di pochi giorni la denuncia fatta con Adiantum (associazione di associazioni a tutela dei minori) di una casa famiglia che teneva al freddo, gli occupanti. Il business è troppo grande e va fermato".

Molti gli artisti che si sono fermati per testimoniare la loro solidarietà: Pupo e Finardi in primis. Anche Striscia La Notizia ha dedicato alcune riprese, ed è possibile che possa dare anch'essa visibilità ai partecipanti e, sopratutto, alla problematica del falso condiviso che tanti danni sta mietendo tra figli e genitori.


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 3870 volte






Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

Una nutrita schiera di associazioni e organizzazioni a tutela dei diritti civili della famiglia, a seguito...

07/04/2019 - 11:01
Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Il percorso del DDL Pillon in Parlamento si rivela meno facile di quanto non potesse sembrare. Anche...

15/09/2018 - 08:52
DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Un breve articolo compare il 15 aprile sul portale Studio Cataldi, sempre molto utile per dottrina ed...

13/04/2017 - 11:08
Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

Ieri sera in prima serata su Rai 2 nella trasmissione "Nemo – nessuno escluso", il Dott....

14/04/2017 - 21:20
Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Francesco D’Auria, Segretario nazionale Adiantum, lancia un appello a tutti i genitori...

19/03/2017 - 12:20
19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali

Interpellanza al Presidente del Consiglio, da parte del deputato Emanuele Scagliusi (M5S) in materia di...

21/11/2016 - 15:55
Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 9 commenti


09.40  di venerdì 24/02/2012
scritto da  Freddy
Bravi...brava Antonella bravi tutti..brava Sheila, bravo Cellie..
Siamo stufi di essere trattati come degli skiavi senza alcun diritto difronte a queste madri malevoli protette da una magistratura ottusa e retrograda che stravolge le leggi sul condiviso e vuole "uccidere" i padri a tutti i costi.
Basta i figli hanno diritto ad entrambe i genitori !
Ora la casta veterofemminista sta reagendo..E´ di questa mattina la notizia sul "corriere" che la prima causa di morte in Italia è per mano maschile, cioe´ noi uccidiamo piu´ donne del tumore al seno, dell´ aids delle malattie cardiovascolare ecc. ecc..E´ sintomatico quando le nazifemministe cominciano a perdere terreno e consensi ricompare ciclicamente la balla delle morti femminili in Italia propinata su tutti i mass media. Notizie da far ingoiare agli italiani per mantenere lo status quo´ di uomo violento,stupratore,assassino, la donna,santa, immacolata, vittima.

10.54  di mercoledì 22/02/2012
scritto da  Marina Lupa
Grazie Antonella,Francesco,Gege,Paola,insomma a tutti quanti,per aver fatto questo importante passo...orgogliosa di conoscervi,felicissima di avervi tra i miei amici...lottare sempre,mollare mai..Genitori per sempre...

18.07  di lunedì 20/02/2012
scritto da  Luigi B.
BRAVIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

18.02  di lunedì 20/02/2012
scritto da  Luigi B.
OTTIMA INIZIATIVA, SE FOSSIMO TUTTI AVVERTITI PRIMA LA PARTECIPAZIONE AD AVVENIMENTI SIMILI SAREBBE SICURAMENTE PIU´ NUMEROSA.

FACCIAMOCI SENTIRE PACIFICAMENTE MA IN MANIERA DECISA BASTA RASSEGNARSI, I FIGLI HANNO DIRITTO DI VIVERE CON ENTRAMBI I GENITORI, BASTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA FALSI CONDIVISI.

11.53  di lunedì 20/02/2012
scritto da  Stefano aderente class action
Siete grandi, voce di speranza per un vero cambiamento. Grazie di cuore.
Stefano


1 - 2


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584