Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Trib. di Bari: con mamma e con papa, e la casa ad entrambi - di Rita Rossi

INFOLEGAL


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Trib. di Bari: con mamma e con papa, e la casa ad entrambi - di Rita Rossi
Il tribunale di Bari

06/02/2012 - 16.32

Quella che ci giunge dal Tribunale per i Minorenni di Bari è una decisione che lascia sorpresi, in positivo però: per l' originalità rispetto agli assetti giurisprudenziali tristemente noti in materia di affidamento dei figli; per la dovizia di argomentazioni (in altre parti d'Italia siamo abituati a motivazioni laconiche e assai poco giuridiche, da parte dei giudici minorili); soprattutto - direi - per la capacità dimostrata di offrire risposte su misura e coerenti con lo spirito della riforma del 2006, e questo è importante soprattutto oggi, in un momento in cui la stessa Cassazione sembra voler sconfessare l'intervento riformatore sull'affidamento condiviso. Una decisione da leggere per intero nella pur lunga motivazione.

Mi limito, dunque, a segnalare i passaggi più significativi ed intriganti:

Affidamento condiviso: la coppia in causa è molto conflittuale e la madre reclama l'affidamento esclusivo a sè dei due figli minori. Questi sono apertamente e decisamente schierati, l'uno a fianco della madre, l'altro del padre.

Il t.m. conclude che non vi siano ragioni per derogare alla regola dell'affidamento condiviso, dato che "stando alle condivisibili valutazioni del CTU, i genitori sono entrambi di per sé dotati di buona capacità genitoriale, ma non funzionano come coppia genitoriale, a causa dell'elevata conflittualità che sono incapaci di gestire. Non vi sono dunque carenze tali da far propendere per il regime di affidamento esclusivo, mentre la condivisione delle decisioni da assumere nell'interesse dei figli, se integrata attraverso un efficace percorso di mediazione, potrebbe indurre le parti ad una maggiore responsabilizzazione e collaborazione nell'interesse dei figli".

Ciò che, dunque, decide per l'applicazione della regola generale del condiviso è l'accertata buona capacità di ciascuno dei due genitori, in sè considerata, e che va mantenuta distinta dal loro mancato funzionamento come coppia genitoriale.

Questo passaggio della motivazione è particolarmente apprezzabile, in un momento in cui anche la corte di legittimità mostra di non avere troppa chiarezza sui concetti.

Sarebbe un controsenso, infatti, ritenere che la regola del condiviso debba essere disapplicata allorchè i genitori siano in conflitto, situazione che si riscontra nella stragrande maggioranza delle separazioni.

Se un genitore possiede la capacità di occuparsi dei propri figli, apprestando loro le cure materiali, affettive ed educative necessarie ad assicurargli una crescita equilibrata, per questo solo motivo deve poter esercitare il ruolo di genitore, e dunque il figlio deve essergli affidato.

Cd. collocazione dei figli: essendo emerso in modo innegabile dalla CTU che ciascuno dei figli "ormai adolescenti, sono entrambi 'schierati' con le posizioni di ciascuno dei genitori, sicché, stando alle valutazioni del CTU non contrastate dai CTP, il collocamento prevalente di entrambi presso uno dei genitori sarebbe pregiudizievole per l'equilibrio psichico del figlio 'schierato' con l'altro genitore". Un'opzione, questa, rispettosa dell'opinione e delle posizioni assunte (a ragione o a torto conta assai poco) da ciascuno dei due giovani.

Nè - sono convinta - si potrebbe obiettare sensatamente che con tale decisione il rapporto tra i due fratelli verrebbe compromesso: si tratta di due adolescenti, in grado dunque di organizzare il loro tempo insieme. E questo, oltretutto, verrà agevolato dalla soluzione abitativa accolta, come vedremo.

Eppure, soluzioni del genere di questa sono rarissime in Italia: con l'affermazione, spesso poco realistica seppur suggestiva, che la relazione tra fratelli verrebbe a risentirne, i giudici nostrani sono assai restii a stabilire che essi vivano l'uno con il padre e l'altro con la madre (fanno eccezione i caso in cui si tratti di giovani prossimi alla maggiore età).

Assegnazione della casa coniugale: disposta una CTU che accerta la divisibilità della casa familiare, il t.m. barese dispone che la casa vada assegnata ad entrambi i genitori, con attribuzione a ciascuno di una porzione distinta. Soluzione assai poco scontata, anche quest'ultima, nel panorama giurisprudenziale italiano. Certamente, soluzione praticabile solo allorchè la casa familiare sia ampia e divisibile, ma in tali caso almeno val la pena che il giudice si interroghi sulla praticabilità di un'opzione del genere.

Mantenimento: anche qui, pur senza entrare nei dettagli, la scelta appare equilibrata, avendo il tribunale tenuto conto sia della disparità reddituale tra le parti, sia del precedente concorso di ciascuno alle spese familiari, sia la diversa collocazione dei due figli.


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 3570 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Da quando è in vigore la legge più boicottata dai giudici della storia della Repubblicana (la...

15/07/2018 - 17:29
Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

di CRISTINA DAL MASO - È di pochi giorni fa la sentenza della Suprema Corte di Cassazione che ha...

28/05/2017 - 18:06
Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

L┤interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Diritto di famiglia, tribunale di Torino: è possibile imporre al minore di frequentare...

31/03/2017 - 13:40
L┤interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

Sono sempre più frequenti i casi di tragedie familiari che hanno come protagonisti, in negativo, i...

17/02/2016 - 12:53
Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Se una mattina decidi di scorrere le pagine di un notiziario giudiziario sulle decisioni dei tribunali per i...

10/12/2015 - 11:11
In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?

di MARCELLO ADRIANO MAZZOLA* - Quante condanne dovrà ancora subire l’Italia perché...

25/11/2015 - 11:51
Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 2 commenti


13.23  di domenica 12/02/2012
scritto da  Pietro Crescenzi
chi lo dice a tutti gli altri giudici sparsi nei Tribunali italiani che questa ├Ę e deve essere l´unico modello che la legge fissa? Entrambi i genitori devono essere messi in grado di esercitare quello che per i figli ├Ę un diritto: la loro azione genitoriale, appunto.

Io ho avuto un affido condiviso e i miei due figli stanno tanto con me quanto con la madre. Ma io sono stato estromesso dalla casa coniugale (dal giudice) e senza alcun risarcimento e inoltre vengo obbligato a versare quello che chiamo un vero e proprio "pizzo" a una persona che guadagna ÔéČ 900/mese pi├╣ di me.

In cinque righe non so quanti articoli di legge, anche costituzionali, vengono violati.

Sulla giustizia italiana spesso si alzano voci sull´incertezza delle pene; una cosa si pu├▓ dire: nell´ambito del diritto di famiglia c´├Ę la certezza dell´ingiustizia.

23.17  di mercoled├Č 08/02/2012
scritto da  Fabrizio Zucchelli
Sono convinto da sempre che questa soluzione sia l´ uovo di Colombo.
Se ci sono problemi di spazio i genitori possono tranquillamente alternare la casa assegnata alla prole nei tempi pi├╣ consoni in dipendenza dell´ et├á dei figli.
Se non sono in grado di mettersi daccordo partendo da questa base che subentri il tribunale.

FZ


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584