Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Taglio cesareo e morte del nascituro: risarcimento esteso anche al padre

INFOLEGAL


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Taglio cesareo e morte del nascituro: risarcimento esteso anche al padre

28/11/2011 - 12.01

Con la sentenza n. 14405/2011 la Corte di Cassazione torna ad occuparsi di responsabilità medica, con riferimento al caso di parto mediante taglio cesareo con estrazione del nascituro privo di vita.

La pronuncia si segnala, prima di tutto, per la pregevolezza delle argomentazioni giuridiche, attraverso cui la terza sezione della Suprema Corte ha sciolto le intricate questioni processuali sottese ai motivi di ricorso proposti dalle parti, in punto di ammissibilità e di fondatezza, inerenti principalmente ai rapporti tra il processo penale e il processo penale e, per altro verso, all’oggetto ed ai limiti del giudizio di Cassazione.

Sul piano del diritto sostanziale ed in relazione, dunque, all’analisi della fattispecie di responsabilità riferibile al medico cui sia affidata l’esecuzione del taglio cesareo, la sentenza si segnala in quanto rappresenta un’ulteriore conferma dell’orientamento, già precedentemente espresso dalla giurisprudenza di legittimità, in ordine alla qualificazione giuridica del rapporto che si instaura tra medico ed i genitori, segnatamente con riferimento al padre del nascituro.

La Terza Sezione, in particolare, conferma che – nella fattispecie – viene in considerazione un rapporto di natura obbligatoria con effetti protettivi non solo nei confronti delle parti del rapporto stesso, ossia il medico e la partoriente, ma anche nei confronti del terzo, ossia del padre del nascituro, “in relazione allo interesse costituzionalmente protetto della integrità del nuovo nucleo familiare in relazione alla nascita programmata e sperata”.

Originariamente elaborato dalla dottrina tedesca al fine di superare il limite della tipicità degli illeciti extracontrattuali, la figura del  contratto con effetti protettivi nei confronti di terzi, che qui si specifica ulteriormente in termini di rapporto obbligatorio che trae fonte dal contatto sociale tra medico e paziente, trova ormai definitivo riconoscimento anche da parte della nostra giurisprudenza, al fine di garantire tutela risarcitoria ai soggetti che, benché non siano direttamente parte del contratto (o del rapporto obbligatorio) siano portatori di diritti ed interessi di rango primario suscettibili di lesione nell’ambito dell’esecuzione dello stesso.

Verificandosi una siffatta situazione, il diritto assoluto esposto a rischi di danno – ancorché facente capo ad un terzo – afferisce al contratto, che per tale via estende i suoi effetti protettivi anche oltre la sfera soggetti che ne sono parte.

Sul piano della responsabilità risarcitoria, da una simile ricostruzione deriva una responsabilità contrattuale diretta del debitore (nella specie il medico) nei confronti del terzo “protetto” (il padre del nascituro), il quale avrà pertanto titolo di richiedere ed ottenere il risarcimento del danno in applicazione dello schema desumibile dall’art. 1218 c.c.

 

LINK ALLA SENTENZA

 

(Altalex, 6 ottobre 2011. Nota di Raffaele Plenteda.

 


Fonte: www.altalex.com

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 2402 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Da quando è in vigore la legge più boicottata dai giudici della storia della Repubblicana (la...

15/07/2018 - 17:29
Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

di CRISTINA DAL MASO - È di pochi giorni fa la sentenza della Suprema Corte di Cassazione che ha...

28/05/2017 - 18:06
Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

L┤interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Diritto di famiglia, tribunale di Torino: è possibile imporre al minore di frequentare...

31/03/2017 - 13:40
L┤interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

Sono sempre più frequenti i casi di tragedie familiari che hanno come protagonisti, in negativo, i...

17/02/2016 - 12:53
Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Se una mattina decidi di scorrere le pagine di un notiziario giudiziario sulle decisioni dei tribunali per i...

10/12/2015 - 11:11
In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?

di MARCELLO ADRIANO MAZZOLA* - Quante condanne dovrà ancora subire l’Italia perché...

25/11/2015 - 11:51
Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


C'Ŕ 1 solo commento


09.36  di gioved├Č 01/12/2011
scritto da  Max
Come sono bravi a giudicare le responsabilità del medico, ma delle responsabilità delle loro decisioni? Non sono anche quelli aborti di stato?Figli che perdono il rapporto con i genitori per delle decisioni assurde?


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584