Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Trieste, parla il padre del bimbo sottratto: un sequestro in piena regola, denuncio tutti

News e Comunicati Stampa


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Trieste, parla il padre del bimbo sottratto: un sequestro in piena regola, denuncio tutti
Vito Gigante, papà del bimbo sottratto dai servizi

06/11/2011 - 10.30

Dense ombre si addensano all'orizzonte del tribunale dei minori di Trieste, ed un coro unanime di critiche rabbiose sta calando in queste ore sui servizi sociali, rei di aver eseguito, a dire del papà, una "forzatura" del provvedimento che presto sarà al vaglio degli inquirenti.

Ecco i fatti, intanto, raccontati da Vito Gigante, papà di Mattia (nome di fantasia) che, insieme all'altro figlio sedicenne - anche lui prima sgomento, ora arrabbiatissimo - "risparmiato" dalle assistenti sociali per evidenti limiti di età (i SS sottraggono solo bambini fino a 12-13 anni, da lì in poi sanno che è una battaglia persa), parlano con sincero accoramento e a ruota libera, alla faccia della "scarsa empatia". "L'assistente sociale M.P.", esordisce papà Vito, "ci perseguitava già da due anni e mezzo, doveva toglierci il bambino a tutti i costi. E' sempre stato il suo disegno principale, e per farci capire quanto la sua condotta sia stata vessatoria, mio figlio adesso è collocato presso una struttura di Marghera, che dista da casa nostra 130 km e, come si può facilmente verificare su internet, è un centro per bambini maltrattati e vittime di abusi". "Ma il bambino non è mai stato abusato nè maltrattato !", prosegue Gigante, "Niente del genere è mai venuto fuori dalle relazioni dei servizi. Inoltre, il centro di Marghera avrebbe anche il compito di consentire il recupero di una corretta genitorialità. Bene, ma come cavolo faccio a recuperare se mettono mio figlio a 130 km di distanza ?" Io ho 69 anni, so dare tanto amore ma non è facile per me spostarmi con la facilità di un genitore più giovane. Vuoi vedere che adesso avranno da dire anche su questo, dopo avermi rapito il bambino ?".

Il racconto si fa incalzante e dettagliato: "Mercoledì scorso (il 2 novembre, NDR) hanno portato via il bambino con la complicità della vice preside, che lo ha 'impacchettato' per bene, lo ha portato in una stanza e consegnato all'assistente sociale M.P. che gli ha subito sequestrato il telefonino e lo ha spento. Denuncerò anche la scuola, che non mi ha neanche avvertito se non dopo tempo. Evidentemente volevano essere sicuri di non avere seccature da parte mia. E lo sapete perchè ? il 14 Ottobre scorso l'assistente sociale (sempre la stessa) aveva tentato di portar via il bambino da casa nostra, e lui si era opposto con tanta determinazione che i funzionari di polizia si erano rifiutati di eseguire quanto disposto dal giudice. Successivamente a questo episodio, a seguito dell'ennesima istanza della M.P., il Tribunale dei minori inviava una nota esplicativa con la quale ordinava d'eseguire il decreto anche forzatamente e, sentite un pò, con il minor danno per il minore. A questo punto io presenterò nei prossimi giorni una denuncia in procura per rapimento, a carico del giudice e dell'assistente sociale M.P., che ci ha perseguitato per tutto questo tempo".

Da internet risulta che la comunità di Marghera cura bambini abusati e lavora per consentire una concreta riabilitazione del loro nucleo familiare Essa, inoltre, si occupa di bambini che hano subito maltrattamenti  o abusi sessuali. E' divisa in due nuclei:  la comunità "Le Margherite" (per bambini fino a 10 anni vittime di trascuratezze e maltrattamenti), ed un altra per ragazzi fino a 18 anni. Questa struttura impedisce per il primo mese di "cura" ogni contatto con i genitori, "non si contano le telefonate che ho fatto per parlare con Francesco", afferma papà Vito, "ottenendo  sempre la stessa risposta  'si deve relazionare solo con l'assistente sociale M.P'.. Il peggior delinquente non otterrebbe un simile trattamento, i carcerati hanno diritto a vedere i propri familiari anche due volte a settimana. Mio figlio è stato rapito con gli abiti che aveva, non ha un ricambio, sta subendo un trauma indicibile, era abituato ad abbracciarmi almeno tantissime volte al  giorno e mi diceva sempre  'sei mio papà e mio amico' .  Che interesse c'è, da parte del tribunale e dell'assistente sociale, ad effettuare questa prassi disumana? Se proprio dovevamo essere riabilitati, perchè non ci davano supporto a casa ?".

Pare che la comunità di Marghera riceva 140 euro al giorno per ogni bambino "ospitato". Fanno 4.200 euro al mese, quante famiglie come quella di Vito Gigante si potrebbero aiutare con queste cifre da capogiro ?

Questa è la domanda che ADIANTUM rivolgerà a numerosi parlamentari, sensibili alle questioni che riguardano i tribunali minorili e le assistenti sociali. Nei prossimi giorni verrà depositata una interrogazione alla Camera e un esposto agli ispettorati della Giustizia e degli assistenti sociali. Vito Gigante, ci assicura, presenterà una querela per rapimento, maltrattamenti e violenza privata contro tutti coloro che hanno agito contro il bambino e la sua famiglia.


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 3715 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

Una nutrita schiera di associazioni e organizzazioni a tutela dei diritti civili della famiglia, a seguito...

07/04/2019 - 11:01
Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Il percorso del DDL Pillon in Parlamento si rivela meno facile di quanto non potesse sembrare. Anche...

15/09/2018 - 08:52
DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Un breve articolo compare il 15 aprile sul portale Studio Cataldi, sempre molto utile per dottrina ed...

13/04/2017 - 11:08
Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

Ieri sera in prima serata su Rai 2 nella trasmissione "Nemo – nessuno escluso", il Dott....

14/04/2017 - 21:20
Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Francesco D’Auria, Segretario nazionale Adiantum, lancia un appello a tutti i genitori...

19/03/2017 - 12:20
19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali

Interpellanza al Presidente del Consiglio, da parte del deputato Emanuele Scagliusi (M5S) in materia di...

21/11/2016 - 15:55
Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 3 commenti


18.16  di lunedì 07/11/2011
scritto da  Un contribuente
Se si riconoscono le ragioni di Vito, M.P. conserverà il suo posto di lavoro pagato con i soldi degli italiani?

14.31  di domenica 06/11/2011
scritto da  pierluigi
Una cosa disumana portare via il proprio figlio ma come fanno nn hanno cuore queste persone poi nn parliamo dei giudici dei tribunale dei minori loro prendono per oro colato quello che scrivono le assistenti sociali e nn si scomodano memmeno a verificare loro emettono un decreto di urgenza e te lo portaNO via anche con la forza e questo dicono nel decreto per ilbene del minore .
Poi quei 140 euro per mantenere il figlio nella comunita sono pochi da informazioni sono almeno 400 e fanno molto di più che i 4.200 euro comunque quello di far portere via i figli è un business
per far lavorare psicologi psichiatri e altre forme di "secondo loro persone che possono aiutare questi figli"
poi basta perchè ce ne sono di cose da sputare su questi sequestri e gli avvocati nn possono fare molto perchè sbattono su muri di gomma .
Buona Fortuna sig.Vito Gigante

14.08  di domenica 06/11/2011
scritto da  Caponetto Calogero
per Vito Giganti, Vito o Qualcosa da sugerirti, se vuoi telefonami al n. telef. 0163/380009

Caponetto Calogero


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584