Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

5 Ottobre, manifestazione nazionale: la Casellati si defila, ma qualcuno accetta il confronto

News e Comunicati Stampa


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


5 Ottobre, manifestazione nazionale: la Casellati si defila, ma qualcuno accetta il confronto
Rocco Buttiglione tra i manifestanti del 5 Ottobre

30/09/2011 - 12.05

Si è svolta con successo la manifestazione nazionale "La Bigenitorialità salva le famiglie. Uniti contro la malagiustizia familiare". Arrivate più di 300 persone provenienti da tutta Italia, isole comprese.

E' la prima volta che, a manifestare in tema di famiglia e diritti civili, si affaccia un Movimento, una nuova realtà composita che comprende genitori, nonni e figli, con il corollario della politica - ancora esigua - sensibile al problema. Rita Bernardini, Alessandra Gallone, Antonio Guidi, Rocco Buttiglione, Franco Cardiello, Giovanna Melandri, sono alcuni dei parlamentari che si sono confrontati con i manifestanti. Tra i non-politici più conosciuti - e autenticamente impegnati - quello di Tiberio Timperi, che ha aperto la conferenza stampa del 4/10 alla Camera dei Deputati. Si era avvicinata anche il sottosegretario alla Giustizia, Elisabetta Casellati, ma nonostante l'invito ad intervenire dal palco degli Stati Generali, ha preferito allontanarsi.

Adesso si apre il "dopo", e l'entusiasmo dovrà lasciare il posto all'impegno. E proprio questo è l'interrogativo principale degli organizzatori. Fino ad oggi, infatti, la politica nazionale, tranne alcuni casi isolati, ha sempre snobbato il problema della malagiustizia familiare, scaricando tutto sulla magistratura e sui servizi sociali, con i risultati che oggi vediamo.

L'importante, allora, sarà tenere la barra dritta verso la Società Civile, accettando di buon grado la collaborazione di quei parlamentari che si impegnino realmente, e tenendo a distanza chi si avvicina al Movimento solo per interessi di bottega.


Fonte: Redazione

Vedi Allegato



Torna indietro

Questa Notizia č stata letta 8037 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

Una nutrita schiera di associazioni e organizzazioni a tutela dei diritti civili della famiglia, a seguito...

07/04/2019 - 11:01
Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Il percorso del DDL Pillon in Parlamento si rivela meno facile di quanto non potesse sembrare. Anche...

15/09/2018 - 08:52
DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Un breve articolo compare il 15 aprile sul portale Studio Cataldi, sempre molto utile per dottrina ed...

13/04/2017 - 11:08
Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

Ieri sera in prima serata su Rai 2 nella trasmissione "Nemo – nessuno escluso", il Dott....

14/04/2017 - 21:20
Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Francesco D’Auria, Segretario nazionale Adiantum, lancia un appello a tutti i genitori...

19/03/2017 - 12:20
19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali

Interpellanza al Presidente del Consiglio, da parte del deputato Emanuele Scagliusi (M5S) in materia di...

21/11/2016 - 15:55
Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali


Le Notizie piů Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 8 commenti


13.33  di venerdì 07/10/2011
scritto da  Mimmo
Le ingiustizie vengono mantenute perchè ci sono gli "esperti" che ci guadagnano a mantenerle. Niente ingiustizie, niente CTU, niente perizie, niente euro! Ma noi avremmo i notri figli.
E invece....

10.06  di venerdì 07/10/2011
scritto da  luigi
Max, sono d´ accordo con te.

non capisco quanto ci vorra´ ancora per capire che un padre vero non ha nulla da invidiare ad una madre vera.

i figli amano entrambi i genitori e desiderano essere amati da entrambi.

C´E´ ANCORA TROPPA IGNORANZA, O TROPPI FINTI TONTI.
A MOLTI CONVIENE CHE LE COSE RIMANGANO COSI´, CI SONO TROPPI INTERESSI SOTTO, INTERESSI CHE EVIDENTEMENTE VENGONI PRIMA DELLA TRANQUILLITA´ DEI BAMBINI, VITTIME INCONSAPEVOLI DI UNA FALSA GIUSTIZIA.
NEL NOME DEL POPOLO ITALIANO. . . . . . . . . . . . . . . . . .
TI CONDANNO A PERDERE UN GENITORE.
PERCHE´ ?


09.36  di venerdì 07/10/2011
scritto da  stefano
Max hai detto giusto. condiviso con tempi paritari, di conseguenza verranno meno conflitti, meno interessi a chiedere sempre e solo soldi e di conseguenza anche i tempi di "cura" che danno modo di crescere tuo figlio. Basta con le prese per i fondelli. siamo stufi!

23.14  di giovedì 06/10/2011
scritto da  luca
bravo Max ... sei avanti: sottolinei nel tuo commento, esplicitamente, profili che non ho ancora sentito da nessuna campana.

11.38  di mercoledì 05/10/2011
scritto da  Max
Avanti tutta!
Ieri ho ascoltato la conferenza stampa, sono abbastanza soddisfatto, ma ho notato un certo politichese in un politico che mi fa porre diciamo sulla difensiva.
Ancora una volta è emerso che siamo sull´ascolto di tanti operatori del settore, dai quali poi fare una sintesi.....
Quindi attenzione a voler accontentare tutti, si finirebbe per scontentare i soliti!
Poi si puntualizza tanto sul fatto che pariteticitĂ  non voglia dire tempi perfettamente uguali, ma eguali compiti di cura....
Anche qui, non mi piaciono i giochi di parole....perchè si può decidere che i tempi restano quelli di oggi, con la differenza che si concede alla parte soccombente l´onere di accompagnare allo sport, alla festa...ed altre attivitĂ  simili.
Non che queste siano poco importanti e che uno se ne debba disinteressare, ma attenzione a non trasformare il genitore non collocatario in tassinaro/a babysitter, che fa il piacere al collocatario, lasciandogli/le qualche ora libera in +.
Il concetto dei tempi paritetici ha proprio l´effetto di evitare simili storture....infatti il giorno dello sport non capiterĂ  sempre ad uno dei genitori, come la festa...o che so io....
Anche statisticamente parlando nel tempo la situazione si uniforma e se c´Ă¨ qualcuno che bara lo si capisce....è come la moneta...se la lancio...è vero che possono uscire 10 testa di fila....ma nel tempo le due frequenze si equilibreranno, a meno che la moneta non sia truccata.....
Quindi attenzione.....Genitore è cosa ben diversa da babysitter...il servizio prendi/porta/lascia/riprendi...è la parte meno qualificante seppur necessaria....ma giĂ  chi ci è passato sa...di quante volte giĂ  ora capiti guarda un po che il giorno di visita del padre c´Ă¨ la festa di tizio, o il figlio deve andare dal compagno caio, o nel weekend....quindi il padre per nn fare il cattivo accondiscende e di qualche ora che dovrebbe stare con il figlio alla fine si riduce a niente visto che deve poi essere riportato al genitore collocatario.
Se vogliamo risolvere i problemi dobbiamo eliminare le sperequazioni di rapporto con i genitori...e punire immediatamente chi ci marcia!!!
Questo è stalking....quando tiberio diceva che bisognava cambiare la legge sullo stalking è vero, bisogna inserire anche questo tipo di comportamenti!!!!
Alla prossima.....


1 - 2


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti č unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitŕ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2022 - Codice Fiscale: 97611760584