Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Corte UE: l´Italia punita per i danni derivanti dalle mancate visite al figlio

INFOLEGAL


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Corte UE: l´Italia punita per i danni derivanti dalle mancate visite al figlio
La Corte EU di giustizia

23/09/2011 - 22.44

L’inosservanza delle ordinanze, emanate dai Tribunali,  inerenti il diritto di visita ai figli in favore del genitore non affidatario, creano ancora problemi all’Italia.  Infatti, con sentenza n. 36168/09 del 2 nov. 2010,  la Corte europea dei diritti dell'Uomo ha riconosciuto equo il risarcimento  di  euro 15.000,00 – da parte del Governo italiano – del danno morale subito da un genitore  per le infinite difficoltà incontrate nell’esercizio di un suo diritto: visite quindicinali al figlio.

L’uomo,  sin dal divorzio,  aveva riscontrato notevoli difficoltà ad incontrare ogni 2 settimane il proprio figlio collocato presso la madre affidataria. Egli ripetutamente è ricorso al Tribunale dei Minori di Venezia (dal 19 giugno 2002 al 1° aprile 2009 - ultima sentenza del Tribunale dei minori di Venezia) che aveva individuato nei Servizi Sociali di Noventa Padovana la soluzione del problema sia per la fragilità emotiva del bambino e , in presenza di difficili rapporti tra gli ex,  sia per consentire l’incontro padre-figlio.

Fallito il tentativo dei Servizi Sociali l’uomo, dopo aver richiesto ancora l’intervento del Tribunale dei minori, si è  rivolto alla Corte di Strasburgo ottenendo ragione su quanto omologato dal Tribunale di Napoli nel 1993 per l’esercizio del diritto di visita al figlio.

I Giudici della Suprema Corte Europea - richiamandosi all’art. 8 della Convenzione - hanno individuato:  carenze da parte delle Autorità italiane all’adozione di misure atte a consentire l’esercizio del diritto di visita del padre al figlio; riconfermato tale diritto con cadenza quindicinale; intimato allo Stato Italiano il risarcimento per  danni  morali euro 15.000,00 e spese legali procedurali euro 5.000,00, da versarsi entro 3 mesi dal deposito della sentenza.

 

Mariagabriella Corbi


 


Fonte: Redazione - www.laprevidenza.it

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 2107 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Da quando è in vigore la legge più boicottata dai giudici della storia della Repubblicana (la...

15/07/2018 - 17:29
Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

di CRISTINA DAL MASO - È di pochi giorni fa la sentenza della Suprema Corte di Cassazione che ha...

28/05/2017 - 18:06
Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

L´interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Diritto di famiglia, tribunale di Torino: è possibile imporre al minore di frequentare...

31/03/2017 - 13:40
L´interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

Sono sempre più frequenti i casi di tragedie familiari che hanno come protagonisti, in negativo, i...

17/02/2016 - 12:53
Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Se una mattina decidi di scorrere le pagine di un notiziario giudiziario sulle decisioni dei tribunali per i...

10/12/2015 - 11:11
In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?

di MARCELLO ADRIANO MAZZOLA* - Quante condanne dovrà ancora subire l’Italia perché...

25/11/2015 - 11:51
Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Non ci sono ancora commenti


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584