Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Professionisti o predatori della famiglia? A perdere sono sempre i maschi italiani

Io penso che...


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Professionisti o predatori della famiglia? A perdere sono sempre i maschi italiani
Pino Falvelli

18/08/2011 - 17.18

Oltre al fisco che notoriamente succhia il sangue delle famiglie italiane senza poi fornire assistenze e servizi adeguati, esistono altri “predatori occulti” (sia consentito l’ accostamento alla vita della savana poiché rende bene l’ idea!) pronti ad approfittare ed a sfruttare le famiglie in caso di difficoltà. La giustizia, i servizi sociali, gli avvocati, i sociologi, gli psicologi, i CTU, i CTP e chi più ne ha più ne metta.

 

Questi professionisti, spesso, anziché aiutare chi si trova ad attraversare momenti difficili, finiscono per aggravare la situazione. Se poi c’è qualcuno che addirittura è in malafede e trova terreno fertile agendo con incontrastata “furbizia” può portare alla rovina la gente per bene pur di fare soldi ( vedasi es. taluni legali che arrivano a fomentare gli animi dei separandi e ad istigare alla litigiosità).

 

È di estrema gravità il fatto che sicuramente, poi, nessuno di costoro risponderà del suo operato né verrà sanzionato adeguatamente per le proprie malefatte. Nel contesto della situazione italiana ove il rispetto dei principi costituzionali (es, art. 3), delle convenzioni internazionali e delle leggi (es. 54/2006) è lasciato alla libera interpretazione e ad una troppo ampia discrezionalità del magistrato di turno.

 

In tal modo, nelle ipotesi di separazione matrimoniale di tipo giudiziale, verso le quali si è spinti a ricorrere sempre più dall’ attuale “sistema” vigente a farne le spese sono soprattutto i padri ed i loro figli, i quali vengono allontanati gli uni dagli altri senza il minimo scrupolo di coscienza.

L’ uomo, quasi sempre (sempre, ndr), sarà costretto a lasciare alla ex consorte la sua abitazione per andare a vivere altrove, nonché, a lasciarle gran parte del proprio stipendio ( una vera e propria rendita vitalizia e parassitari).

 

Ovviamente così i rapporti si deteriorano definitivamente e le conflittualità aumentano a dismisura. In tal modo, spesso, i figli vengono contesi e diventano uno strumento per poter conseguire particolari obiettivi da parte dei genitori ed i rapporti tra padri e figli, in moltissimi casi, diventano irrecuperabili. Sempre più frequentemente leggiamo cronache dalle quali emergono casi in cui i bambini vengono “strappati” all’ affetto dei propri genitori per essere affidati ad apposite strutture sociali, con tutti gli elevatissimi costi che ne derivano. Allora alcuni dubbi sorgono spontanei:

1)      I tanti  professionisti ed esperti chiamati ad intervenire  nel corso delle conflittualità matrimoniali, non  dovrebbero cercare di attenuare le  problematiche esistenti anziché incrementarle?

2)      Bastano i soli interessi economici a mantenere in piedi  l’intero “sistema”, magari per trarne profitti personali ed assicurare lavoro a tanta gente?

3)      Se davvero gli interessi primari sono quelli dei minori perché poi ci troviamo a leggere di casi di

vere e proprie “sottrazioni “ ai genitori, anche quando non ve ne sarebbe alcun bisogno?

4)      Com’è possibile che si commettano tanti errori senza che nessuno se ne accorga ed intervenga?

5)      Non sarebbe il caso di ridimensionare e rivedere i poteri di certi organismi e di certi professionisti e sottoporre anche il  loro operato  ad  adeguati  controlli  ed  alle conseguenti giuste sanzioni nei casi di abuso per colpe e dolo?

 

I cittadini italiani che pagano regolarmente le tasse proprio non riescono a comprendere i tanti misteri e lo sconcerto, la delusione e l’ indignazione prendono piede sempre di più. È mai possibile che la Chiesa e le istituzioni non si rendano conto di quanto male viene fatto alle famiglie italiane? Con quale coraggio e coscienza , poi, le varie autorità pretendono di parlare di famiglia e di matrimonio, cosa stanno facendo loro per cercare di migliorare la situazione?

 

E …. l’ elenco delle domande potrebbe ancora continuare. È chiarissimo che, allo stato attuale dei fatti, il matrimonio è un “contratto capestro” a totale vantaggio della donna ed ai danni dell’uomo, lo sfortunato che nella malaugurata ipotesi di fallimento dello stesso, per qualsivoglia motivo, ha finito di vivere e verrà ridotto in miseria ed in “stato di schiavitù” per assicurare la “rendita” alla ex che, in molti casi, agendo anche con furbizia e malafede e con la scusa di tutelare i figli , si approprierà dei sacrifici di tutta una vita.

Per i cittadini di sesso maschile, dunque, è:meglio evitare il matrimonio e mettere su famiglia, almeno fino a quando non sarà cambiata la legislazione vigente. Soltanto questa drastica soluzione potrà tutelarli in qualche modo nel caso in cui da una delle parti l’amore dovesse finire, per qualsivoglia motivo. Altrimenti il pericolo di riduzione in miseria ed in perenne schiavitù sarà sempre in agguato.


Fonte: Pino Falvelli

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 2139 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


La storia di Pasquale: dopo 8 anni non vedo e non sento i miei figli

E' passato un altro anno, e la mia situazione non cambia, ma peggiora,  e tutto questo...

07/04/2019 - 10:23
La storia di Pasquale: dopo 8 anni non vedo e non sento i miei figli

False accuse di abuso sessuale, effetti della calunnia. Come si distrugge una persona

La mia ex, di nazionalità straniera, che ho amato alla follia e dalla cui relazione è nata una...

09/03/2017 - 12:40
False accuse di abuso sessuale, effetti della calunnia. Come si distrugge una persona

Loris. Tutti gli uomini sono violenti.... tranne il marito della Panariello

Depositate le motivazioni della sentenza di condanna per Veronica Panarello (dalla Redazione...

14/02/2017 - 18:19
Loris. Tutti gli uomini sono violenti.... tranne il marito della Panariello

Quando indagine ISTAT fa rima con bufala. Ogni 25 novembre

"....Sono 3 milioni e 466mila in Italia le donne che hanno subito stalking da parte di qualcuno...

25/11/2016 - 11:06
Quando indagine ISTAT fa rima con bufala. Ogni 25 novembre

Le pari opportunitÓ sono impari, e questo non favorisce le pari opportunitÓ tra genitori - di Ed

Negli utlimi giorni ho fatto una ricerca accurata sulla questione delle "pari...

29/09/2016 - 14:57
Le pari opportunitÓ sono impari, e questo non favorisce le pari opportunitÓ tra genitori - di Ed

La difesa della violenza a sesso unico. Quello che succede oggi viene pianificato da tempo

In un recente articolo di Fabio Nestola ADIANTUM, in relazione all'attività di moral...

04/04/2016 - 11:45
La difesa della violenza a sesso unico. Quello che succede oggi viene pianificato da tempo


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 5 commenti


19.21  di luned├Č 29/08/2011
scritto da  Pino FALVELLI
Un grazie di cuore ad Andrea per la condivisione di quanto riportato in merito al mio scritto. Ovviamente, auguro miglior fortuna, ma le storie di noi separati sembrano proprio tutte uguali. Ormai siamo in milioni ad essere VITTIME DI QUESTO ASSURDO SISTEMA che si vuole tenere in piedi a tutti i costi ( e ritengo che le motivazioni di tutto ci├▓ sono facilmente comprensibili: " i troppi interessi economici che ruotano intorno alle separazioni " ). In taluni casi per una separazione si arrivano a spendere anche ben oltre i centomila euro per spese legali/giudiziarie per ciascun coniuge. Ecco perch├Ę, spesso, si arriva a fomentare e ad alimentare le conflittualit├á persino con evidentissime falsit├á e menzogne che nella maggior parte dei casi restano impunite.

08.08  di venerd├Č 26/08/2011
scritto da  andrea
Buongiorno Signor Pino,
da settembre p.v., iniziero´ a fare parte dei separandi.
Sono perfettamente d´accordo e mi rispecchio totalmente con l´articolo che ha scritto: la situazione con la legislazione vigente e´ drammatica per i padri e separati/divorziati.
Purtroppo viviamo e facciamo parte di un paese ipocrita, e´ stato un peccato non aver capito prima cose importantissime, ma la colpa e´ solo mia. La cosa peggiore che ho riscontrato dopo aver riflettuto sul mio percorso di avvicinamento a contarre un contratto insolvibile come si e´ rivelato il matrimonio, e´ la demagogia della Chiesa, la forte capacita´ di questa istituzione che con metodi da sofisti riesce ad obnubilare quella che e´ verita´del matrimonio e le ripercussioni sulla famiglia in caso di fallimento. UNa famiglia che viveva di amore, amore che poi si trasforma in odio tra i coniugi con conseguenze drammatiche i padri, e per il rapporto tra padri e figli/o. Per concludere chiudo dicendo che, i padri separandi/ti o divorziandi/ti contribuiscono notevolmente ad accentuare la crisi economica in Italia, a vantaggio dei coniugi donne che maturano una rendita vitalizia.
Gli avvocati? Meglio fare gli avvocati di se stessi.
Viva il legislatore, viva l´Italia.

11.19  di gioved├Č 25/08/2011
scritto da  Francesco
Concordo con Dario e con tutto ci├▓ che scrive Pino. E´ necessario unirsi e fare gruppo, altrimenti noi uomini saremo sempre umiliati e gettati nella pi├╣ profonda disperazione nella pi├╣ totale indifferenza da parte dello Stato che anzich├Ę cercare di combattere ed arginare le disparit├á e le ingiustizie le favorisce. Credo che L´ idea di creare un apposito movimento sia la strada giusta. L´ accostamento ai predatori della savana per tutti coloro che sfruttano le difficolt├á delle famiglie la trovo davvero calzante.

16.47  di venerd├Č 19/08/2011
scritto da  Dario
Quanto riportato non fa una piega. Forza Pino, diamoci da fare per creare subito il tuo nuovo movimento Famiglia e Società. Noi siamo in tanti e qualcuno, prima o poi, ci dovrà necessariamente ascoltare. Siamo tutti con te.

14.34  di venerd├Č 19/08/2011
scritto da  Paracelsus
Tutto vero quello che ├Ę scritto.
Aggiungo un pensiero. Le motivazioni scritte (non recondite, ma scritte, ovvero agli atti) di quanto viene operato dai cosiddetti esperti della famiglia, di quanto contenuto nelle CTU, di quanto deciso dalle SS non ├Ę mai frutto di scienza, verificabile e incontrovertibile, ma spesso di impressione, di arbitrio e fantasia.
Sono veri e propri oracoli a cui i giudici si piegano volentieri, degni di un vero alchimista del XXI secolo.
Non sono "errori" : sono semplicemente coglionerie, ma vengono ritenute come vere, come verità... Benvenuti al bazar delle idiozie....


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584