Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

ADIANTUM: necessario un disegno di legge per rendere sostenibili le parcelle degli avvocati

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


ADIANTUM: necessario un disegno di legge per rendere sostenibili le parcelle degli avvocati
Separazioni, un ricco business

14/06/2011 - 23.50

Una torta da 4 miliardi di euro l'anno, destinata ad aumentare negli anni futuri. E' questo il ricchissimo business degli avvocati divorzisti, recentemente iper-concentrati sulla difesa della rendita economica che la separazione assicura un pò a tutti.

Tutto questo senza contare l'indotto: CTU - decise da un giudice ma pagate (profumatamente) dai coniugi, inviti a costose psicoterapie e "sostegni alla genitorialità" (una sorta di patente di guida pretesa solo dopo aver causato l'incidente), l'inevitabile invio ad un penalista (per le false accuse), le case famiglia....La lista è lunga, ma oggi ci occupiamo solo dei legali.

Su tutto, primeggia l'assenza fragorosa di una figura professionale che, a ben vedere, rappresenterebbe la prima forma di tutela di tutta la famiglia: l'avvocato del minore, quello che costringerebbe, con la sua sola presenza, ad una maggiore ragionevolezza di tutti, giudici compresi. Ma siccome i bambini non pagano parcelle, ecco che l'avvocatura, sull'argomento, non si pronuncia. Il recente dibattito sulla presunta irregolarità formale delle specializzazioni nella professione forense, poi, sembra aver messo una pietra tombale sopra l'argomento.

Un affare, dicevamo. Parliamo un pò di cifre. Una separazione oggi costa, in media, 20.000,00 euro di parcelle legali (a testa). Va da sè che, se a pagare sia una persona benestante, la cosa diventa accettabile. Ma se a dover sostenere tale spesa è una famiglia di operai, o di impiegati pubblici, quella cifra diventa un vero scandalo. Per alcuni, rappresenta il reddito di un intero anno o più, altri si indebitano per riuscire a pagare, altri ancora non ce la fanno e "si perdono" nei meandri del procedimento giudiziale arraado alla ricerca di un avvocato che non la spari grossa.

C'è da dire che le tariffe legali, a studiarle bene, sono un ginepraio in cui è impossibile sapersi districare. Decine di voci, alcune incomprensibili per il comune cittadino, che complicano maledettamente la consapevolezza degli utenti.

Sì, consapevolezza: quanti clienti vengono informati subito - e, dunque, divengono consapevoli - su quanto sarà necessario spendere per la propria separazione ?

Nessuno. Le tariffe legali, oggettivamente, non lo consentono.

E allora, non sarebbe opportuno fissare gli importi in base alla fase processuale specifica ("tot" fino alla presidenziale/consensuale, tot fino al primo grado, e così via) e, sopratutto, indicare dei tetti massimi in base al reddito delle parti ?

Interpellata sull'argomento, ADIANTUM riferisce che sta valutando la condivisione, insieme a tutte le associazioni e organizzazioni (anche al di fuori di essa) che oggi si occupano di famiglie separate, di un disegno di legge popolare che metta un freno al business delle separazioni, riconducendo l'attività degli operatori verso valutazioni economiche sostenibili.

L'argomento verrà trattato nelle prossime riunioni degli Stati Generali sula Giustizia Familiare, la cui attività prosegue con un programma, aperto a tutti, di nuove iniziative collettive, prime tra tutte le questioni della responsabilità civile dei magistrati e il potere dei servizi sociali.


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia č stata letta 2972 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

La pazienza è finita. Questa, in sintesi, la presa di posizione di numerose...

07/04/2019 - 14:53
26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Di ALESSIO CARDINALE* - Sono trascorsi ormai più di dodici anni dalla entrata in vigore della legge n....

15/09/2018 - 00:53
Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

È quanto riportano le agenzie: dall’inizio dell’anno sono 16 le donne sospese dal...

12/03/2018 - 11:09
Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

A leggere certa roba viene il voltastomaco. 

Ormai, nel dilagante...

09/08/2017 - 07:09
Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Oh, ecco com’è stata recepita dal Ministro la vibrante protesta AIAF.....Il MIUR riconosce che...

02/05/2017 - 13:34
AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

L’ISTAT pubblica un’analisi dei dati emergenti dalla giurisprudenza 2005/2015, ed ammette la...

11/04/2017 - 11:51
Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?


Le Notizie piů Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 3 commenti


14.21  di mercoledì 15/06/2011
scritto da  vittoria
Condividendo in pieno quanto espresso da Dorotea, colgo l´occasione per evidenziare dell´altro: e non solo....ma quando fanno salotto, è solito per loro fare vanto delle comoditĂ  e delle bellezze delle loro dimore,...per non parlare dei loro luculliani banchetti, il tutto a spese del sangue e delle sofferenze dei vari padri separati che, per l´inettitudine e per le scellerate e comode (per loro) scelte politiche dei vari e tanti opportunisti politici che ci amministrano, sono stati relegati nella piĂą disperata povertĂ .
Poveri padri separati in balia e alla mercè delle false promesse dei vari ministri e politici di turno, ma debbono pur venire le elezioni e lì faremo i conti.
Sappiano questi inconcludenti politici, che i padri separati per alimentare questi perversi percorsi vanno a finire nei vari centri della caritas ad elemosinare qualche piatto di pasta o qualche umido giaciglio dove trascorrere le loro tristi notti.

13.11  di mercoledì 15/06/2011
scritto da  Pino FALVELLI
Ottimo articolo ! Complimenti a chi l´ ha scritto. Vorrei evidenziare, però, che i 20.000 €., sicuramente,rappresentano soltanto la "media", come specificato nell´ art., ma non bisogna trascurare che vi sono casi in cui si superano abbondantemente anche le centinaia di migliaia di €. per spese legali e giudiziarie. Ritengo sia indispensabile che anche "certi" legali ( senza, ovviamente, generalizzare )dovrebbero essere controllati e posti difronte alle responsabilitĂ  del proprio operato per legge. In un Paese civile i "furbi" e coloro i quali agiscono in "malafede" dovrebbero essere adeguatamente sanzionati ma, a quanto pare, questa è una regola che in Italia non viene quasi mai applicata. Anzi,forse, qualche legale si serve addirittura delle evidenti falsitĂ  e menzogne dei propri clienti per raggiungere determinati scopi, tanto, poi, nessuno ne pagherĂ  le conseguenze.-

07.20  di mercoledì 15/06/2011
scritto da  Dorotea
...e non avete parlato delle loro evasioni fiscali.
Io di tutte le cause che ho intrapreso, compresa quella della separazione e divorzio, non ho mai ricevuto una fattura, quantunque richiesta. Anzi una volta mi è stata risposta: ..ma che se ne fà!
Dalle mie parti, sono gli unici a comprare continuamente beni immobili....che vergogna e poi Tremonti non sa a chi far pagare le tasse.


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti č unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitŕ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584