Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

TAR Lombardia, il genitore assillante non commette stalking

INFOLEGAL


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


TAR Lombardia, il genitore assillante non commette stalking

02/06/2011 - 22.51

Il TAR ha definito “incongruo” il decreto di ammonimento emanato dal Questore di Milano nei confronti di una madre, rispetto alle risultanze istruttorie dalle quali poteva desumersi una condizione di disagio emotivo e sociale. Per tale motivo il TAR ha affermato che “il comportamento dell’amministrazione tradisce uno sviamento di potere” e che il decreto di ammonimento non può essere utilizzato quale strumento per ingerirsi in situazioni di semplice conflittualità familiare. 

Una madre, ritenuta autrice di atti persecutori nel confronti del proprio figlio, è stata destinataria di un decreto di ammonimento, adottato dal Questore di Milano ai sensi degli articoli 7 e 8 della Legge n. 38 del 2009, in seguito oggetto di impugnazione dinanzi al TAR Lombardia. La madre, tramite il suo legale, aveva chiesto di essere interrogata. Detta istanza ha trovato l’accoglimento del Collegio, in considerazione della particolarità del caso sottoposto che ne ha giustificato l’ammissibilità alla luce del nuovo procedimento amministrativo. Il Tar nel contempo ha riconosciuto alle dichiarazioni orali valenza meramente indiziaria e suplettiva, di ausilio rispetto alle circostanze fattuali allegate negli scritti difensivi, rilevando altresì il progressivo spostamento dell’oggetto del giudizio amministrativo dall’atto al rapporto regolato dallo stesso. Il mezzo istruttorio dell’interrogatorio libero delle parti, a dir del Tar, deve essere ricondotto nell’ambito del rinvio che, attraverso una norma di chiusura, la nuova normativa procedurale opera verso il codice di procedura civile. Il Collegio rileva inoltre che la normativa procedurale non esclude la partecipazione della parte sostanziale alla trattazione dell’incidente cautelare, in quanto la legge statuisce che in camera di consiglio siano sentiti i difensori qualora facciano richiesta in tal senso, e non contraddicendo la circostanza che l’interrogatorio libero dipenda da una valutazione del Collegio sulla rilevanza.

Il Tar Lombardia ha giudicato fondato il ricorso della madre, essendo nella fattispecie carenti i presupposti per ogni misura amministrativa in tema di atti persecutori, in particolare dell’ammonimento, richiesto dal figlio al Questore prima di sporgere querela per stalking. Il Collegio richiama la finalità dell’ammonimento, fondandola nel dissuadere il persecutore, legato alla vittima da vincoli affettivi, dal persistere nelle condotte persecutorie. Quest’ultime non vengono penalmente denunziate per questioni di solidarietà familiare. Il Questore è chiamato ad una valutazione discrezionale sulla fondatezza dell’istanza, sulla base dei fatti esposti e degli elementi probatori forniti e acquisiti dagli organi investigativi e dalle persone informate sui fatti, senza che tuttavia sia necessario il compiuto riscontro della lesione al bene tutelato dalla norma penale, bensì soltanto la “ragionevole certezza”. Il Collegio ha ritenuto carente il “carattere persecutorio” nell’asserita condotta della madre, consistente nell’appostamento presso l’ateneo dove il figlio studiava, nell’inoltro di telefonate e in numerosi tentativi di un contatto con il figlio, i quali sarebbero accresciuti a seguito della vendita di un immobile da parte del figlio. A dir della Corte siffatte condotte non potevano essere considerate minacciose né moleste e dalle stesse non è conseguito il danno richiesto dalla normativa e consistente in un stato di ansia o di paura, ovvero nel timore per la propria incolumità o, infine, nell’alterazione delle abitudini di vita del figlio.


Fonte: http://www.noiconsumatori.org/articoli/articolo.asp?ID=10889

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 2871 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Da quando è in vigore la legge più boicottata dai giudici della storia della Repubblicana (la...

15/07/2018 - 17:29
Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

di CRISTINA DAL MASO - È di pochi giorni fa la sentenza della Suprema Corte di Cassazione che ha...

28/05/2017 - 18:06
Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

L┤interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Diritto di famiglia, tribunale di Torino: è possibile imporre al minore di frequentare...

31/03/2017 - 13:40
L┤interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

Sono sempre più frequenti i casi di tragedie familiari che hanno come protagonisti, in negativo, i...

17/02/2016 - 12:53
Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Se una mattina decidi di scorrere le pagine di un notiziario giudiziario sulle decisioni dei tribunali per i...

10/12/2015 - 11:11
In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?

di MARCELLO ADRIANO MAZZOLA* - Quante condanne dovrà ancora subire l’Italia perché...

25/11/2015 - 11:51
Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 3 commenti


20.34  di domenica 05/06/2011
scritto da  Marcello
Mi rivolgo a Stefano per invitarlo a leggere nella rubrica "IO PENSO CHE" l´articolo di nonna Rosa: La legge ├Ę o no uguale per tutti?

14.11  di domenica 05/06/2011
scritto da  Stefano
Se il caso ├Ę quello a cui mi riferisco io, c´├Ę un "piccolo" dettaglio che per├▓ viene omesso da alcuni articoli.

La donna in questione infatti ha ucciso il marito investendolo ripetutamente con un´auto presa a nolo, pare per una questione di eredit├á. Fu poi scarcerata perch├Ę mentalmente instabile, ma comunque considerata socialmente pericolosa.

A me la reazione del figlio non pare poi tanto esagerata.

15.05  di sabato 04/06/2011
scritto da  annalisamarchese@alice.it
Anch´io sono stata accusata di stalking da uno psicologo che non mi ha mai convocata e non mi rende edotta delle sedute con mio figlio di appena 10 anni . Da circa tre anni, fonisce al Giudice per i Minorenni false infomazioni, senza tenere conto della serena crescita del ragazzino. Tutto ci├▓ per deprivarlo della sua mamma che non lo vede neanche in ambiente protetto! Non esiste inidoneit├á genitoriale n├Ę impedimento a vederlo. Anzi il contrario.


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584