Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Milano. La casa non ha gas, gli assistenti sociali gli tolgono i bambini

News e Comunicati Stampa


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Milano. La casa non ha gas, gli assistenti sociali gli tolgono i bambini
I coniugi Rotta

04/04/2011 - 22.56

Prosegue incessantemen­te la battaglia dei coniugi cer­nuschesi Gerolamo e Maria Rotta per riavere a casa i pro­pri figli. Quattro bambini di 14, 11, 8 e 6 anni che il Tribu­nale dei minori ha tolto loro tre anni fa su richiesta dei Servizi sociali del Comune.

Ieri mattina, la coppia ha protestato davanti alla sede milanese dell'Aler, in viale Romagna, con tanto di cartel­loni: " Vogliamo giustizia", "Vogliamo i nostri diritti".

IL CALVARIO - L'ultima notte tutti e sei in­sieme, i Rotta l'hanno passa­ta il 20 luglio 2007. Quasi quattro anni fa. Da allora solo visite settimanali, tutti i mar­tedì, in Piemonte, a Biella. E ogni volta sono pianti, dise­gni, pensierini e letterine da parte dei piccoli che vorreb­bero riabbracciare i genitori in una casa vera.

L'ultima poesia per mamma e papà l'hanno scritta sul re­tro di un foglio tagliato a for­ma di coppa: «Abbiamo pen­sato a un piccolo pensiero. Quella cosa (la coppa, ndr) vuol dire che vi vogliamo tanto bene e vi pensiamo sempre. Siete sempre nei no­stri cuori: la miglior mamma e il miglior papà del mon­do».

«Siamo di fronte a una violazione dei diritti della famiglia. Che non può mai essere messa in secondo piano». Lapidario Mario Carboni, avvocato dei coniugi Rotta, Gerolamo e Maria Dolores, che si sono visti togliere la custodia dei loro figli dai servizi sociali di Cernusco sul Naviglio. Il motivo ? «Tutto ruota attorno alla casa - continua Carboni -. È stata giudicata non idonea, priva addirittura del gas, e qui sono intervenuti i servizi sociali». Tra i principali problemi sollevati, quell’unica stanza che i quattro bambini avrebbero dovuto condividere. «È gravissimo - chiarisce il difensore dei due cernuschesi - che in questa situazione si sia scelto di dividere una famiglia piuttosto che intervenire in modo diverso».

Dal canto loro, mamma e papà Rotta si sono presentati, ieri mattina, alle porte del Comune di Cernusco. Dalle 8 e mezzo, pronti a cominciare il presidio davanti a quegli stessi servizi sociali che hanno portato via le loro quattro gioie. «Non ce ne andremo di qua - spiega papà Gerolamo - finché non avremo risposte chiare. Perché ci hanno tolto i nostri figli? Perché prima ci danno una casa Aler e poi, così come ce l’hanno data, ci dicono che è abusiva e che non possiamo tenere con noi i nostri bimbi? Ce l’hanno data proprio loro, ora non è idonea e per questo ci hanno tolto tutto. Non è giusto».

Da Villa Greppi, sede dei servizi sociali, nessuna risposta. «Le decisioni le prendono i giudici, non noi» l’unico spunto, detto ipocritamente fuori dai denti. «Siamo dei genitori come tutti gli altri - spiega con un filo di voce Maria, seduta nella sala d’aspetto dell’ufficio Servizi Sociali -. Abbiamo fatto per i nostri figli tutto ciò che potevamo. Aiuti dal logopedista per la più piccina, sostenuto tutte le visite del caso e fatto tutto quanto ci è stato richiesto. Ora - aggiunge - ci troviamo con in mano diverse relazioni di differenti dottori che dicono però la stessa cosa: non siamo mostri, rivogliamo soltanto i nostri bambini», l’appello accorato di Maria Dolores, mentre sventola davanti agli occhi le perizie firmate.

Ora, dunque, resta solo da stabilire la strategia di azione. «Vogliamo coinvolgere quanta più gente possibile per far conoscere la nostra storia - spiega la coppia -. Oggi i carabinieri sono venuti per allontanarci dal Comune. Va bene, ce ne siamo andati. Ma domani - oggi, ndr - saremo ancora lì, e idem il giorno successivo e quello dopo ancora. E così continueremo fino a quando non otterremo chiarezza e giustizia».


Fonte: cronacaqui.it - ilgiorno.it

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 6561 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

Una nutrita schiera di associazioni e organizzazioni a tutela dei diritti civili della famiglia, a seguito...

07/04/2019 - 11:01
Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Il percorso del DDL Pillon in Parlamento si rivela meno facile di quanto non potesse sembrare. Anche...

15/09/2018 - 08:52
DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Un breve articolo compare il 15 aprile sul portale Studio Cataldi, sempre molto utile per dottrina ed...

13/04/2017 - 11:08
Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

Ieri sera in prima serata su Rai 2 nella trasmissione "Nemo – nessuno escluso", il Dott....

14/04/2017 - 21:20
Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Francesco D’Auria, Segretario nazionale Adiantum, lancia un appello a tutti i genitori...

19/03/2017 - 12:20
19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali

Interpellanza al Presidente del Consiglio, da parte del deputato Emanuele Scagliusi (M5S) in materia di...

21/11/2016 - 15:55
Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 6 commenti


19.15  di domenica 20/05/2012
scritto da  SABRINA
HO DIMENTICATO LA MAMMA SI CHIAMA NICOLE COSTANZO. ANDATE IN TANTI

19.12  di domenica 20/05/2012
scritto da  sabrina
andate in facebook e ascoltate la telefonata di un bambino che e´ sto tolto alla mamma dalle assistenti sociali. STRAZIANTE. FERMIAMOLE

20.15  di domenica 06/05/2012
scritto da  ALEX
Testo amici mie ci troviamo davanti hai dei veri criminali hai dei veri bastradi gente che fanno schifo atennzione non lasciatevi cambiare cervello non credete a loro nulla, vi diranno tante cose contro di voi non credete non credete perche sara peggggio. voi genitore dai piu giovanni hai piu adulti sapete benissimo che quelli bambini sono i nostri figli e gli vogliamo con noi RICORDATE BENE IN TESTA nesSUNO NASCE SAPENDO ESSERE GENITORE I GENITORE SI IMPARA A ESSERLO E NESSUNO E UN GENITORE PERFETTO PER QUELLO AMICI MIE MIE NON DOVIAMO ARRENDERCI DOBBIAMO LOTARE MA NON DA SOLI NESSUNO PUO VINCERE UNA GUERRA DA SOLI AMICI MIE SONO NOSTRI FIGLI NON LASCIAMO CHE ACADANO QUESTE COSE PER SINCERAMENTE PREFERISCO MORIRE A CHE VIVERE IN UN MUNDO COSI BISOGNA FARSI FARE RISPETARE A TE E A TUTTA LA TUA FAMIGLIA NON PARLATE CON I ASSITENTI SOLCIALI PRIMA PERCHE LORO CONTANO UN SACCO DI BALLE TI PROMETONO IL MONDO MA TI DANNO IL INFERNO AMICI MIE AMICI MIE POSSIAMO MANDARE A QUESTA GENTE IN GALERA BASTA UNISìRCI UNIRCI QUESTO E IL MIO MSN alexcolon@hotmail.it

14.07  di martedì 28/06/2011
scritto da  ilaria
io dico che la giustizia e uno schifo per l´italiani invece di aiutare i più deboli finiscono di uccidere la loro dignità mentre agli exxtracumunitari sono aiuti al massimo nonostante che vivono sei o sette in 60 metri alloro non toccano i figli anno solo gli aiuti invece l´italiani anno solo il il dovere di pagare solo le tasse combattete fino in fondo auguri

17.25  di martedì 17/05/2011
scritto da  Movvomitoverità
ma perchè la gente + sta infangata di problemi e + si riproduce come animali???


1 - 2


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584