Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Adornato, una mamma ligure aderisce allo sciopero della fame. Le agenzie di stampa censurano

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Adornato, una mamma ligure aderisce allo sciopero della fame. Le agenzie di stampa censurano
Antonella Flati e Fabio Nestola

03/04/2011 - 10.39

In attesa del ritorno a Roma, gli aderenti al comitato spontaneo per Fabrizio Adornato - il maresciallo dei carabinieri che è in sciopero della fame da 24 giorni per protestare contro la malagiustizia familiare - diventano sempre di più. Dalla capitale e dalle città più disparate giungono sostenitori che si alternano civilmente sotto lo slogan "siamo tutti Fabrizio Adornato", garantendo continuità alla protesta cominciata quasi un mese fa.

E mentre l'organizzazione viaggia spedita verso l'auspicata audizione di Adornato al Quirinale, continua il silenzio della Presidenza della Repubblica, a cui si aggiunge la censura delle agenzie di stampa nazionali. Infatti, nonostante numerosi comunicati stampa inviati dai politici che stanno seguendo la vicenda (On. Bernardini e on. Todini), solo l'AGENPARL  - Agenzia Stampa Parlamentare - ha dedicato unarticolo. Le altre, Omniroma, ADN Kronos, ANSA, DIRE, ASCA, senza paralre di radio e giornali, stano boicottando le notizie.

Un silenzio assordante, quindi, proveniente da coloro dovrebbero ascoltare la voce di un cittadino che mette a rischio la propria vita. La circostanza, poi, che costui sia un maresciallo capo dei carabinieri costituirebbe, in sè, una notizia non da poco per qualunque testata. Ma non in Italia, sembra.

Molte le iniziative spontanee, come quella di Ettore Lazzarotto, Presidente di "Le Ali, Lealtà e Coerenza Politica" (www.leali.org), il quale ha scritto al Ministro della Difesa Ignazio La Russa "il Maresciallo Capo dei Carabinieri Fabrizio Adornato sta conducendo lo sciopero della fame dal 7 marzo. Già nel novembre 2010 aveva scritto alla Presidenza della Repubblica, chiedendo di essere ascoltato in merito ad una vicenda di separazione particolarmente drammatica.  La cortese e sollecita risposta del Quirinale specificava come non fosse possibile intervenire direttamente su un organo indipendente qual è la Magistratura; la documentazione relativa al Maresciallo Adornato è stata pertanto inviata al CSM. Nonostante l’interessamento delle istituzioni, ad oggi nessuna comunicazione è pervenuta al diretto interessato da parte del Palazzo dei Marescialli. Insieme alle decine e decine di associazioni che hanno preso a cuore la vicenda, ci rivolgiamo a Te per sottoporTi non tanto il caso giuridico, sul quale non possiamo ne’ vogliamo chiederTi di intervenire, quanto il caso umano di uno stimato Carabiniere che ha prestato giuramento al Tricolore, ma oggi si sente tradito da quella stessa Giustizia che ha fedelmente servito per oltre 20 anni della propria vita. Il Maresciallo Capo Adornato chiede di poter conferire con Te, e quindi vista la drammaticità della situazione, Ti saremmo grati di non lasciar cadere nel vuoto questa istanza".

La lettera è datata 25 Marzo. Ad oggi, nessun riscontro.

Nel frattempo una mamma di La Spezia (nulla  a che vedere con la signora Antonella Flati, a fianco di Fabio Nestola nella foto - NDR) ci ha contattati, dichiarando che nei prossimi giorni arriverà a Roma per iniziare anche lei lo sciopero della fame. Non vede sua figlia da mesi, e dalla documentazione esaminata emergerebbero molti dubbi sull'operato del tribunale dei minori di Genova (proprio quello del maresciallo Adornato) e, sopratutto, su quello di una assistente sociale che, nelle scorse settimane, è stata "stranamente" rimossa dall'incarico.

Chi si determina ad uno sciopero della fame ha certamente valide motivazioni. Pare che le Istituzioni facciano fatica a capirlo.

Quanto durera ancora il loro silenzio ?


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 3128 volte

Fabrizio Adornato
Fabrizio Adornato


Adornato e parte del comitato spontaneo
Adornato e parte del comitato spontaneo

Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

La pazienza è finita. Questa, in sintesi, la presa di posizione di numerose...

07/04/2019 - 14:53
26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Di ALESSIO CARDINALE* - Sono trascorsi ormai più di dodici anni dalla entrata in vigore della legge n....

15/09/2018 - 00:53
Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

È quanto riportano le agenzie: dall’inizio dell’anno sono 16 le donne sospese dal...

12/03/2018 - 11:09
Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

A leggere certa roba viene il voltastomaco. 

Ormai, nel dilagante...

09/08/2017 - 07:09
Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Oh, ecco com’è stata recepita dal Ministro la vibrante protesta AIAF.....Il MIUR riconosce che...

02/05/2017 - 13:34
AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

L’ISTAT pubblica un’analisi dei dati emergenti dalla giurisprudenza 2005/2015, ed ammette la...

11/04/2017 - 11:51
Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 3 commenti


19.21  di luned├Č 04/04/2011
scritto da  Vittorio Vezzetti

Nei primi giorni di sciopero della fame glielo predissi al maresciallo. In una conversazione telefonica quasi gli misi davanti quello che a parer mio sarebbe accaduto: "il sistema tenderà ad ignorarti. La censura di Stato farà in modo che tu non possa essere la punta di un iceberg di un malessere sempre più vasto e diffuso nella popolazione".


21.37  di domenica 03/04/2011
scritto da  Rosanna P.
E´ logico che nessuno interviene e che la stampa censura. Con tutti gli interessi che ci sono..... Le separazioni sono un vero e proprio affare economico per diverse categorie di professionisti e, soprattutto, per certe donne furbe ed in malafede. Non ├Ę un caso se le separazioni giudiziali vengono avviate quasi sempre dalle donne. Se si togliessero gli "incentivi" per chiedere le separazioni ( casa coniugale ed esagerati mantenimenti ) il numero delle separazioni crollerebbe in un batterdocchio. Il mantenimento diretto obbligatorio per i figli, la casa coniugale a chi ├Ę il legittimo proprietario e la responsabilit├á diretta dei giudici sono la chiave di risoluzione alla gravissima problematica. Purtroppo, nessuno vuole risolvere il problema per ovvi motivi.

13.38  di domenica 03/04/2011
scritto da  Pino FALVELLI
Di Fabrizio Adornato ce ne sono centinaia di migliaia (forse milioni). Le storie di ciascuno sembrano essere tutte simili. Anche chi scrive, come tantissimi altri appartenenti alle Forze dell´ Ordine, auspica un intervento del Presidente della Repubblica e la giusta attenzione degli organi di stampa. Anche lo scrivente si era rivolto al Capo dello Stato e alle varie Istituzioni ma, a quanto pare, nessuno vuole prendere atto di ci├▓ che ├Ę diventato un vero e proprio dramma sociale.


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584