Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Stalking, basta un grave stato di turbamento dovuto agli atti persecutori

INFOLEGAL


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Stalking, basta un grave stato di turbamento dovuto agli atti persecutori
Stalking, basta il grave turbamento

15/03/2011 - 13.18

Per la configurazione del reato di "atti persecutori" cd. "stalking" è sufficiente "che gli atti persecutori creino un grave stato di turbamento emotivo tale da destabilizzare la vittima, non potendosi ricondurre la fattispecie dell'articolo de qua ad una ripetizione dell'art. 582 c.p. (lesioni). Il reato in sostanza si integrerebbe anche senza atti diretti contro l'incolumità fisica.

A dirlo è una recente sentenza della Corte di Cassazione con cui è stato rigettato il ricorso di un uomo che perseguitava la sua ex fidanzata con atti persecutori indirizzati contro la sua automobile, pur senza arrecare danno alla incolumità fisica della stessa. Secondo la ricostruzione della vicenda, veniva proposto ricorso per cassazione avverso l'ordinanza emessa dal Tribunale della libertà di Torino (di conferma del provvedimento del Gip di Asti applicativa della misura del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima). L'uomo, impugnando l'ordinanza, proponeva ricorso per Cassazione eccependo la violazone dell'art. 612-bis bis c.p. e mancanza di motivazione in ordine alla configurazione giuridica del reato (secondo il ricorrente, in sostanza, il Tribunale avrebbe erroneamente ritenuto la realizzazione di tutti gli eventi previsti dalla norma di cui all'art. 612-bis c.p. Inoltre, la donna, vittima del reato, non aveva mia manifestato timore nè denunciato minacce emesse in suo danno da parte dell'uomo.

L'uomo rilevava infine che i fatti da lui posti in essere erano diretti al danneggiamento delle cose e non indirizzati contro l'incolumità fisica della sua ex). Nonostante le eccezioni sollevate dall'uomo, la Corte ha rigettato il ricorso, precisando che la nuova fattispecie del reato di "stalking" di cui all'art. 612-bis c.p., introdotto con l'art. 7 del d.l. 23.02.2009, n. 11, ben può integrarsi in presenza di condotte persecutorie, come l'incendio e/o il danneggiamento della macchina della vittima, anche senza atteggiamenti diretti contro l'incolumità fisica, tali da destabilizzare psicologicamente la donna: "la nuova tipologia - ha dichiarato la quinta sezione penale del Palazzaccio con la sentenza n. 8832 depositata il 7 marzo 2011 - non può essere ricondotta in una ripetizione del reato ex art. 582 c.p. - il cui evento è configurabile sia come malattia fisica che come malattia mentale e spcicoligca - ma è sufficiente che gli atti ritenuti persecutori abbiano un effetto destabilizzante della serentià, dell'equilibrio psicologico della vittima. Tale evento destabilizzante è stato correttamente ritenuto sussitente ai giudici di merito, pur non risultato progredito in uno stato patologico, il cui accertamento potrà rilevare ai fini della sussistenza di eventuale ulteriore reato di lesioni".


Fonte: ANFI

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 2253 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Da quando è in vigore la legge più boicottata dai giudici della storia della Repubblicana (la...

15/07/2018 - 17:29
Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

di CRISTINA DAL MASO - È di pochi giorni fa la sentenza della Suprema Corte di Cassazione che ha...

28/05/2017 - 18:06
Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

L´interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Diritto di famiglia, tribunale di Torino: è possibile imporre al minore di frequentare...

31/03/2017 - 13:40
L´interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

Sono sempre più frequenti i casi di tragedie familiari che hanno come protagonisti, in negativo, i...

17/02/2016 - 12:53
Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Se una mattina decidi di scorrere le pagine di un notiziario giudiziario sulle decisioni dei tribunali per i...

10/12/2015 - 11:11
In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?

di MARCELLO ADRIANO MAZZOLA* - Quante condanne dovrà ancora subire l’Italia perché...

25/11/2015 - 11:51
Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


C'è 1 solo commento


21.27  di martedì 22/03/2011
scritto da  Sergio da Taranto
GRAVE STATO DI TURBAMENTO TALE DA DESTABILIZZARE LA VITTIMA !!!
E quando la Procura di Bergamo dichiara che oltre l´80% delle denunce delle donne fatte agli ex mariti sono false e strumentali....quando gli uomini arrivano anche a suicidarsi x le violenze subite...è destabilizzante? ? ? ?


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584