Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Emilia Romagna, giro di vite sul business delle case famiglia. Che insorgono

Le Associazioni raccontano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Emilia Romagna, giro di vite sul business delle case famiglia. Che insorgono
Case-famiglia, un business fiorente

27/02/2011 - 20.59

Problemi economici o svolta politica ? Non è chiaro cosa realmente ci sia alla base della delibera regionale che di fatto ridurrà le potenzialità di accoglienza delle (tante) comunità per minori che fioriscono anche nella nostra provincia.

Certo è che il provvedimento varato nel 2007, che sarebbe dovuto entrare in vigore dal 1 gennaio e per ora sospeso, ridurrà i posti disponibili per i ragazzi che vengono tolti alle famiglie d’origine, un fatto che potrebbe cambiare volto alla gestione dei minori con famiglie problematiche.

Le comunità educative per minori della provincia di Modena, per questo, hanno deciso di ribellarsi alle decisioni prese dalla Regione ed hanno scelto di farlo per la prima volta pubblicamente con una lettera aperta.

Il problema è delicatissimo: la scelta della Regione vuole forse indicare ai servizi una via diversa da quella perseguita fino ad ora ? La volontà del legislatore è forse quella di valorizzare anche in casi problematici la famiglia d’origine come già la legge nazionale stabilisce ? Una risposta non facile da dare, ma certo è che a pendere come una spada di Damocle sulla quotidianità delle strutture è una delibera varata dall’assemblea regionale nel 2007 che avrebbe dovuto entrare in vigore dal 1 gennaio di quest’anno: a pari numero di operatori le case famiglia e le comunità educative non potranno accogliere più di 10 ragazzi alla volta, mentre oggi il numero massimo è 12.

Una variazione apparentemente piccola ma in realtà di sostanza per le comunità che accolgono i minori sottratti alle famiglie da provvedimenti giudiziari e che ricevono per ognuno dalle istituzioni somme anche importanti (si va dai 70 ai 90 euro al giorno per ospite) senza le quali, sostengono le comunità, sarebbe impossibile andare avanti.

Un taglio volto al risparmio? Questa volta sembra di no: a quanto pare dietro alla decisione della Regione potrebbe esserci un cambio di rotta sulle politiche della gestione dell’infanzia difficile, una svolta rispetto ai metodi con cui oggi tribunali e assistenti sociali sottraggono i minori alle famiglie per affidarli alle comunità.

Se è vero, infatti, che la legge prevede un utilizzo il più limitato possibile dell’allontanamento del minore dalla propria famiglia (specificamente limitato ai casi in cui il minore abbia subito abusi sessuali o violenze fisiche) è vero anche che, nella provincia di Modena come in quelle limitrofe sono numerosi i casi di denunce da parte di famiglie a cui il figlio è stato sottratto e affidato alle cure delle comunità senza episodi specifici di questo tipo.

La nostra Regione tra l’altro presenta numeri importanti sul tema dell’affido alle strutture, numeri che forse agli assessorati competenti cominciano a non piacere più troppo.

E’ soprattutto all’idea che la Regione abbia scelto la via economica per lanciare un messaggio ‘politico’ (se le strutture sono costrette a chiudere per mancanza di fondi caleranno i posti e dunque gli allontanamenti) che le comunità modenesi si ribellano, sperando disperatamente di fermare l’iter intrapreso dalla delibera che per ora è rimasta sospesa fino a data da destinarsi.


Fonte: modenaqui.it

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 3271 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Anche a Trieste sarà attivo un punto di riferimento per i genitori separati, nato per tutelare i figli minori coinvolti nelle...
14/03/2017 - 09:54
Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Nell’assemblea del 20 gennaio tenuta a Roma presso la sala Luigi Di Liegro di Palazzo Valentini, Adiantum – Associazione di...
29/01/2017 - 11:57
Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Lo scorso 7 dicembre, al Liceo Mascheroni di Bergamo, si è tenuta la seconda edizione degli anuali “Adiantum Community...
30/11/2016 - 11:48
Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

Sabato 15 ottobre alle ore 17, Adiantum – Associazione di Aderenti Nazionale per la Tutela dei Minori –...
11/10/2016 - 17:12
Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

In crescita ADIANTUM nel Lazio. Il coordinatore nazionale Massimiliano Gobbi, infatti, ha annunciato l'apertura della delegazione...
05/10/2016 - 15:48
ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale

L'associazione per la tutela dei diritti dei bambini italiani sottratti illegalmente in Slovacchia cambia denominazione e obiettivi...
29/09/2016 - 12:10
Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 2 commenti


10.22  di lunedì 28/02/2011
scritto da  MK il Martello
A me risulta che in alcuni centri prendono 200-250€ al giorno,
( DETTO ANCHE DA UN GIUDICE DURANTE UNA UDIENZA ),i ragazzi
mangiano male, trattati come bestie, abusi correttivi, imbottiti
di psicofarmaci, senza consultare i genitori; una psichiatra a
Firenze e´ stata condannata per tali motivi. Ho fatto presente tale scempio ad "ALTE" istituzioni, risposta : solo silenzio !
Mio figlio rende a questi centri ben 6000,00 euro al mese ed hanno avuto la sfacciataggine di chiedere anche 100€ al mese per
ogni genitore, non hanno controllo fiscale e al popolo, magari un
pensionato, pignorano i mobili per l´abbonamento rai e cose anche
piu´ piccole !!! VERGOGNA VERGOGNA E MILIARDI DI VOLTE VERGOGNA !
Come spesso accade in Italia, bisogna aspettare i primi morti,
poi inizia il gioco piu´ amato da "certi"italiani" : lo scaricabarile, improvvisamente i colpevoli sono improvvisamente
tutti malati, hanno il cane in cassa mutua e recentemente gli e´
morto il gatto, la suocera ha la tosse e cosi´ via..........
INDECENZA GALATTICA !

10.05  di lunedì 28/02/2011
scritto da  Sal
Sarebbe l´ora di una riforma dei servizi sociali riguardo i minori di tipo restrittivo, non è possibile che molte famiglie sono rovinate e prigioniere, e diciamolo con tutta onestà, a causa di un business LUCROSO e profittevole sulla pelle dei malcapitati che finiscono in questo giro vizioso.
La famiglia, e lo dico alle forze politiche competenti, va difesa ormai da insidie di questo tipo che hanno snaturato il concetto stesso di "servizi sociali".


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584