Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Marinella Colombo, un anno di occultamento dei figli. ADIANTUM scrive alle Istituzioni

Le Associazioni raccontano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Marinella Colombo, un anno di occultamento dei figli. ADIANTUM scrive alle Istituzioni
Marinella Colombo, figli nascosti dal Febbraio 2010

27/02/2011 - 20.20

E’ passato già più di un anno dalla la sottrazione dei minori Leonardo e Nicolò da parte della madre, signora Marinella Colombo.

Molte persone, ogni giorno, si rivolgono a noi, e ci chiedono notizie di questi bambini: dove sono, se stanno bene, in quali condizioni psicofisiche oggi si trovano, se sentono – anche semplicemente al telefono - i loro genitori, se seguono un programma di studio, quali sono le caratteristiche di chi in questo momento si prende cura di loro (parenti, amici, persone fidate e capaci di dare affetto ?).

Soprattutto, ci chiediamo se lo giustizia italiana stia monitorando la situazione.

Siamo a conoscenza, esclusivamente dai media, che le trattative proposte dal tribunale di Milano, sono fallite, e che una posizione di stallo – assolutamente nociva dopo così tanto tempo – starebbe prolungando inaccettabilmente la soluzione della vicenda.

Crediamo, pur nel rispetto di eventuali indagini in corso della magistratura, che l'opinione pubblica debba essere informata e tranquillizzata sulle condizioni di salute dei bambini, e se i due minori vivono in una condizione psicofisica ottimale, se il loro stato di salute sia stato essere documentato anche a mezzo di video e/o fotografie.

Chiediamo che la madre dia prova di tutto ciò, e che ponga fine a questo stato di cose.

Ci rivolgiamo al Ministro on. Angelino Alfano e al Presidente del Tribunale dei minori e alla Procura di Milano, in ossequio al nostro oggetto sociale e anche nell’interesse dei cittadini che rappresentiamo e che credono ancora nella Giustizia Italiana, chiedendo delle risposte in merito, anche a seguito delle nuove linee guida sulla sottrazione internazionale dei minori, emesse proprio di recente dal Ministero degli Affari Esteri.

Più precisamente chiediamo che queste linee guida, anche nel caso della vicenda Colombo – Ritter, non rimangano un mero documento d'intenti, bensì un regolamento che venga applicato, così come ci si aspetta per ogni buona legge fatta per i cittadini.

Non è ammissibile, infatti, che un genitore – senza distinzione di genere - possa permettersi di occultare per oltre un anno due bambini all’altro, senza l’erogazione di una sanzione severa ed efficace.

Riteniamo che, nel caso della signora Marinella Colombo, si sia oltrepassato un limite che in uno Stato di Diritto non dovrebbe essere mai travalicato, ed in tal senso chiediamo alle Istituzioni di ristabilire il giusto equilibrio e di effettuare tutte le azioni idonee ad individuare il luogo in cui i due bambini vengono occultati e far rispettare le recenti decisioni prese, sulla vicenda, dalla Giustizia Italiana.

 

 

ADIANTUM       Il Presidente Turnario ANDREA CARTA

                        Il Segretario Nazionale ALESSIO CARDINALE


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia č stata letta 7093 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Anche a Trieste sarà attivo un punto di riferimento per i genitori separati, nato per tutelare i figli minori coinvolti nelle...
14/03/2017 - 09:54
Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Nell’assemblea del 20 gennaio tenuta a Roma presso la sala Luigi Di Liegro di Palazzo Valentini, Adiantum – Associazione di...
29/01/2017 - 11:57
Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Lo scorso 7 dicembre, al Liceo Mascheroni di Bergamo, si è tenuta la seconda edizione degli anuali “Adiantum Community...
30/11/2016 - 11:48
Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

Sabato 15 ottobre alle ore 17, Adiantum – Associazione di Aderenti Nazionale per la Tutela dei Minori –...
11/10/2016 - 17:12
Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

In crescita ADIANTUM nel Lazio. Il coordinatore nazionale Massimiliano Gobbi, infatti, ha annunciato l'apertura della delegazione...
05/10/2016 - 15:48
ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale

L'associazione per la tutela dei diritti dei bambini italiani sottratti illegalmente in Slovacchia cambia denominazione e obiettivi...
29/09/2016 - 12:10
Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale


Le Notizie piů Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 10 commenti


20.58  di lunedì 07/03/2011
scritto da  Claudio Pierucci
Oggi sul Tg di RAI 1 ho preso atto che l´avvocato della sig. Colombo dice che i bambini hanno la necessitĂ  di entrambe i genitori. Se fosse stato il padre ad avere sequestrato i figli, ad averli tenuti nascosti, a negargli la scuola, i genitori, le relazioni con i loro compagni? Quel padre sarebbe stato massacrato e giustamente massacrato. Siccome è una mamma a fare tutto questo si prefigura anche la scarcerazione per la sig. Colombo grazie al fatto di aver reso noto il luogo del sequestro dei bambini. Nulla importa che li volesse portare in Libano, nulla importa dei reati che ha compiuto e che voleva compiere. L´importante è che sia una madre a compiere i reati e che sia libera di continuare a massacrare i figli come meglio desidera, perchè i bambini......hanno bisogno della madre. Quando tocca al padre giustamente sia per gli avvocati che per la magistratura italiana, il padre..... è solo il padre e va condannato anche senza prove anche solo con il sospetto. Non si può parlare male dei magistrati altrimenti il sig. Palamara ci ricerca anche su internet. Queste forme di squadrismo militante ci limitano nell´esporre i soprusi di cui certi apparati dello Stato si pregiano di sottoporre i padri separati. Quindi abbiamo solo una possibilitĂ . Possiamo solo dire questo per evitare denunce e richiste di risarcimento danni:
bravi tutti quei magistrati che continuano ad operare in una maniera così equilibrata. Loro sono il vero bene dei minori. Bravi davvero bravi, un applauso.

08.58  di mercoledì 02/03/2011
scritto da  Luca R. B:
Per Paolo del CCDU:
la vostra presunta neutralitĂ  nei casi di manipolazione dei figli da parte di un genitore non è credibile. Infatti uno dei principi che ispirano il CCDU è che tutte le valutazioni in materia psicologica sono "scienza spazzatura". Quindi, poichĂ© per dire che un minore è stato manipolato si deve utilizzare uno schema interpretativo psicologico, per il CCDU anche l´alienazione genitoriale è "scienza spazzatura". La posizione del CCDU è a tutti gli effetti assimilabile a quella dei "negazionisti della PAS" con cui Adiantum ha polemizzato di recente.

I casi di manipolazione grave dei figli non possono essere risolti da associazioni di privati come il CCDU, ma necessitano dello sforzo efficace delle istituzioni: i consulenti devono fare valutazioni appropriate, i giudici devono prendere decisioni rapide e le decisioni devono prevedere, quando necessario, l´allontanamento del minore dal genitore alienante. Questo si fa molto raramente in Italia, e quando lo si fa ci sono persone (che non hanno alcun diritto di interferire) che sono sempre pronte a gridare allo scandalo. Un caso veramente emblematico è quello del bambino americano a Roma, per cui l´anno scorso è stata scatenata una campagna stampa terrificante. Altri casi sono stati segnalati anche da Adiantum, basta che cerchi nell´archivio.


Luca

10.27  di martedì 01/03/2011
scritto da  Paolo
Ciao Luca,

Non so chi ti abbia dato delle informazioni sbagliate su di me o sul CCDU. Sappi che io seguo piĂą padri che non riescono a vedere i figli che madri. Io e il CCDU non siamo ne´ dalla parte dei padri ne´ delle madri. Prima di prendere un caso lo studio nel dettaglio e mi schiero soprattutto dalla parte del bambino. La nostra battaglia è soprattutto contro le istituzioni che non tutelano i bambini perchĂ© fuorviate dalle relazioni soggettive di psichiatri e assistenti sociali. Qui a Trento la nostra associazione ha giĂ  risolto 2 casi di padri che non potevano vedere i figli. Se vuoi ti posso far parlare con loro direttamente.

Magari a volte mi sono schierato per un padre o per una madre ma questo veniva da una conoscenza diretta del caso e dei documenti e in realtĂ  ero dalla parte del diritto (o meglio bisogno) del bambino di vedere il padre o la madre.

Io non faccio come certi assistenti sociali che giudicano in base a dicerie od opinioni, o che si schierano ideologicamente da una parte o dall´altra. Io guardo le prove e i dati oggettivi. Poi come ben sai tutti possiamo sbagliare, a parte gli assistenti sociali e gli psichiatri che non sbagliano mai.

Sul caso dello Jugendamt ho denunciato le pratiche di questo istituto nazista che recentemente mi sono state riconfermate da un papĂ  di Monaco di Baviera. I dati mi sono stati riferiti da un chirurgo di Novara (padre) che ha perso i suoi figli in Germania, dall´associazione Väter Aufbruch fĂĽr Kinder (DE) [Vater = padre] e dal sito http://www.jugendamt-wesel.com/CEED_it.htm
Questi abusi li ho denunciati ancora prima di conoscere la storia di Marinella (come ho sostenuto più volte non è una questione di madri e padri ma di tedeschi e non tedeschi).

Quindi non categorizzare me e la nostra associazione come difensori esclusivi delle mamme perchĂ© non è così. Se vieni su facebook ci possiamo sentire direttamente e ti faccio parlare con alcuni papĂ  che ho aiutato e sto aiutando così ti posso spiegare con dei dati oggettivi e certi che non sono schierato ne´ da una parte ne´ dall´altra.

Ciao Paolo




17.57  di lunedì 28/02/2011
scritto da  Massimo Rosini
e perchè a Gravina di Puglia un uomo che "non tirava fuori i figli" è stato arrestato per omicidio e la dottoressa Colombo sguazza nei Talk Show?

17.53  di lunedì 28/02/2011
scritto da  L.
la sparizione del Padre-Maschio è un fenomeno allarmante e pervasivo .La figura maschile odierna è una figura mammona e dove non lo è "non serve" e viene tagliata. La legge non è uguale per tutti come le opportunità. La maschilità così come le leggi (la regola come simbolo del paterno) viene negata e la legge non applicata.
Poveri Padri Fondatori, poveri caduti per un Sogno di civiltĂ !
La Società odierna, nel caos, è nel simbolo del femminile, esente da regole e consumistica come una "grande teTTA".


1 - 2


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti č unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitŕ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584