Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Il caso del maresciallo contro i giudici: dieci anni di pratiche insabbiate

Le Associazioni raccontano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Il caso del maresciallo contro i giudici: dieci anni di pratiche insabbiate
Magistrati, una corporazione autosufficiente

26/02/2011 - 17.52

Ha scritto al presidente Giorgio Napolitano, è andato a parlare con i funzionari del Quirinale, è stato indirizzato al Consiglio superiore della magistratura e si è presentato anche lì. Ma non è servito a nulla. Fabrizio Adornato, maresciallo dei carabinieri e padre separato da dieci anni, non riesce a ottenere che la magistratura gli dia una risposta. Da anni è ormai vittima di una separazione dolorosa dalla moglie e, come tanti altri genitori, vive con incredibili difficoltà quanto imposto dalla sentenza civile. Sia dal punto di vista economico, sia da quello affettivo nei confronti della figlioletta.

Ma soprattutto, Fabrizio Adornato in quasi dieci anni di separazione, ha vissuto lunghe battaglie con la ex moglie e la ex suocera, ha sempre provato a rivolgersi ai magistrati, ma non ha trovato soddisfazione. Da uomo di legge qual è, si è affidato alle denunce, alle segnalazioni. Ha denunciato assistenti sociali e psicologi con nomi precisi e registrazioni di colloqui, ma si è visto archiviare l’indagine peraltro avviata contro «ignoti».

Non si è spaventato quando ha trovato porte sbarrate. Certo dell’autonomia dei magistrati, si è anche rivolto ad altri magistrati quando riteneva di aver subito torti. In altre parole, Adornato ha denunciato anche sei magistrati, sempre portando a sostegno delle sue tesi tutte le documentazioni che poteva. Le sue vicissitudini le ha raccontate su un blog senza timore di scrivere anche tutti i nomi dei giudici con i quali si è scontrato. Ma per l’appunto, non ha ancora avuto risposte alle sue richieste di giustizia. Tuttora non riesce a sapere che fine hanno fatto le sue denunce contro i magistrati.

Sente dire che gli stessi non sono al di sopra della legge e che anche loro possono essere perseguiti dagi colleghi se sbagliano, ma non è ancora riuscito neppure a farsi dire se esiste un procedimento a carico di quei magistrati che lui ha denunciato. Nel novembre scorso ha scritto a Napolitano e un funzionario del Quirinale spiegandoli che colui che presiede il Csm non ha titolo per intervenire, ma che ha girato la pratica all’organo di autogoverno dei giudici. Lì Adornato è andato e si è sentito rispondere che «ci vorrà del tempo» per capire che fine hanno fatto le sue denunce, per verificare se per caso ci siano state omissioni da parte di magistrati.

Da mesi aspetta anche questa risposta e ora ha deciso di mettere in atto proteste anche clamorose. «Farò uno sciopero della fame a Roma - spiega il maresciallo dei carabinieri - Qualcuno dovrà almeno chiedersi perché sto protestando. Resto convinto che la magistratura sia in larga parte sana, ma sono preoccupato se nessuno interviene quando ci sono violazioni. Il cittadino si trova a sbattere contro un muro di gomma quando prova a contrastare con i mezzi che gli offre la legge questo potere». Dopo dieci anni, solo silenzi.


Fonte: ilgiornale.it

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 3445 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Anche a Trieste sarà attivo un punto di riferimento per i genitori separati, nato per tutelare i figli minori coinvolti nelle...
14/03/2017 - 09:54
Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Nell’assemblea del 20 gennaio tenuta a Roma presso la sala Luigi Di Liegro di Palazzo Valentini, Adiantum – Associazione di...
29/01/2017 - 11:57
Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Lo scorso 7 dicembre, al Liceo Mascheroni di Bergamo, si è tenuta la seconda edizione degli anuali “Adiantum Community...
30/11/2016 - 11:48
Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

Sabato 15 ottobre alle ore 17, Adiantum – Associazione di Aderenti Nazionale per la Tutela dei Minori –...
11/10/2016 - 17:12
Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

In crescita ADIANTUM nel Lazio. Il coordinatore nazionale Massimiliano Gobbi, infatti, ha annunciato l'apertura della delegazione...
05/10/2016 - 15:48
ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale

L'associazione per la tutela dei diritti dei bambini italiani sottratti illegalmente in Slovacchia cambia denominazione e obiettivi...
29/09/2016 - 12:10
Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 9 commenti


19.01  di lunedì 28/02/2011
scritto da  laura
stesso destino per me . sto lottando come voi perchè subisco le stesse torture. denunce false e archiviazioni delle mie.
praticamente un magistrato dopo l´altro non vuole vedere ciò che è visibile.
mia figlia è già rovinata, come me.
io non so come fare. mi sento sola perchè avv è stata tenace ma ora sente intimid dirette e non reagisce più.
mi ha rimandato più volte ad altri avv, ma vuole ugualmente parcella.

non si può continuare così.
ora sono in appello ma è palese che vogliono confermare ciò che è stato fatto in primo grado!!!!!!!!

aiuto! aiutatemi!

15.17  di lunedì 28/02/2011
scritto da  Pino FALVELLI
Sarebbe opportuno unirci e combattere insieme la MALAGIUSTIZIA che ci perseguita. Siamo tantissimi gli uomini in divisa che subiamo ingiustamente. E- mail: affido.condiviso@tiscali.it

09.39  di lunedì 28/02/2011
scritto da  Andrea
La faziosità dei giudici a favore di donne è evidente. nella mia separazione ancora aspetto giustizia. le mie querele sono state archiviate supportate da testimoni mentre con le sue querele sono stato rinviato a giudizio...questo è quanto.

09.18  di lunedì 28/02/2011
scritto da  renato
CARISSIMO ADORNATO,SONO IL PRESIDENTE DEI GENITORI SEPARATI PARI POTESTA´ DI VERONA.ANCHE IO SONO MARESCIALLO AIUTANTE IN RISERVA.DA ANNI MI BATTO CONTRO QUESTO MAL COSTUME PERPETRATO
DA UNA GIUSTIZIA CHE NOI ABBIAMO SEMPRE DIFESO ORMAI TANTI COLLEGHI SI LAMENTANO.HO FONDATO PIU´ ASSOCIAZIONI NEL 2000 HO PORTATO NELLE PRINCIPALI PIAZZE ITALIANE LA NOSTRA PROTESTA.HO DEPOSITATO NELLE VARIE COMMISSIONI DELLA CAMERA E DEL SENATO,PETIZIONI PARLAMENTARI.MI HANNO DISTRUTTO UNA FAMIGLIA. QUINDI HO FATTO UN SECONDO GIURAMENTO,QUELLO DI CAMBIARE QUESTO SISTEMA CHE NON DIFENDE LA FAMIGLIA PRIMO NUCLEO SCIALE. ADESSO SONO ANCHE INSCRITTO AD UN PARTITO POLITICO DOVE METTO ANIMA E CUORE COME NELLA NOSTRA ETICA MILITARE. IL NOSTRO MOTTO E´ RESISTERE RESISTERE RESISTERE CORAGGIO ..AIUTANTE E PRESIDENTE RENATO LELLI.

08.46  di lunedì 28/02/2011
scritto da  Antonello1
Esprimo tutta la mia solidarietà al collega Adornato. Non penso ci sia persona più idonea a capirti poichè anche io, nel mio piccolo grande dramma, vivo una vicenda molto simile. Travolto da una miriade di false denunce, che chissà per quale motivo queste vanno avanti e le mie esclusivamente ex art. 388 no, mi troverò in aula di tribunale a giustificare il mio comportamento a difendermi da odiose accuse e coinvolgere persone che per fortuna mi sono state vicine quando andavo a prendere mio figlio. Testimoni per scelta e garanzia di una persona che ha dato e continua a dare la propria vita allo Stato. La Procura di Cagliari ritiene più veritiere le dichiarazioni di una donna e di suo padre che già aveva tentato di farmi fuori dalla vita di miio figlio con il tribunale militare. Peccato che già allora sono stato assolto con formula piena. la stessa procura di cagliari archivia le mie denunce ex art. 388 ben documentate anche dai verbali di Polizia e Carabinieri, per dare seguito alle loro. Evidentemente sono più attendibili. Rovinato nella carriera ed economicamente, sperano di farmi desistere in questo modo. Farò il padre come dico io anche un attimo prima di morire. Non farti togliere la dignità di uomo. Spezzati ma non piegarti. Sono loro in torto non tu. Per i tuoi figli. Antonello


1 - 2


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584