Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Bambino affetto da diabete, la scuola si defila. On. Palomba presenta interrogazione

News e Comunicati Stampa


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Bambino affetto da diabete, la scuola si defila. On. Palomba presenta interrogazione

07/02/2011 - 09.24

Una vicenda che coinvolge un bambino, affetto da diabete mellito di tipo 1, e la scuola che, di fronte alle esigenze di somministrazione farmacologica da garantire durante l'orario scolastico, si defila e frappone un atteggiamento che definire ostruzionistico è ben poco.

 

Atto Camera, Interrogazione a risposta orale 3-01442 presentata da FEDERICO PALOMBA giovedì 3 febbraio 2011, seduta n.429

PALOMBA. - Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, al Ministro della salute.

- Per sapere -

premesso che: il piccolo C. Giuseppe, nato a Nuoro il 22 ottobre 2007, frequenta il primo anno della scuola dell'infanzia presso l'istituto comprensivo di Jerzu;

il 9 giugno 2010 al bambino è stato diagnosticato il diabete mellito di tipo 1;

a causa di tale patologia, Giuseppe necessita della somministrazione dell'insulina e dell'effettuazione, nel corso della giornata, di diversi controlli dei valori glicemici;

Giuseppe, per la sua tenera età, non è in grado di gestire in autonomia la patologia che lo affligge e, perciò, necessita di assistenza per l'effettuazione del controllo glicemico e per la somministrazione dell'insulina;

i genitori, per svolgere le rispettive attività lavorative (sottoufficiale dell'aeronautica militare il padre, insegnante di scuola primaria la madre), si recano ogni mattina rispettivamente a Perdasdefogu e Tertenia, per cui non si trovano a Jerzu durante l'orario scolastico del bambino;

nel mese di luglio 2010 hanno inoltrato richiesta scritta al direttore amministrativo dell'ASL n. 4 di Lanusei per avere indicazioni sul da farsi al fine di assicurare al bambino la possibilità di frequentare la scuola dell'infanzia con l'assistenza necessaria per i dovuti controlli glicemici. Tale richiesta è rimasta priva di riscontro;

nel medesimo mese di luglio hanno inoltrato la medesima richiesta alla responsabile dei servizi sociali del Comune di Jerzu, la quale, ha demandato la soluzione alla scuola;

si sono, pertanto, recati dal dirigente scolastico dell'istituto comprensivo di Jerzu, al quale hanno esposto il problema. Ma sono stati invitati a ripresentarsi a settembre al fine di poter affrontare la questione insieme a tutto il personale docente e non docente;

nel mese di settembre hanno rinnovato la suddetta richiesta al dirigente scolastico, il quale, però, ha declinato ogni responsabilità;

la responsabile dei servizi sociali, dal canto suo ha comunicato che la soluzione poteva eventualmente essere offerta dalle agevolazioni previste per il familiare di un disabile dalla legge n. 104 del 1992;

in vista della possibilità di usufruire delle agevolazioni della legge n. 104 del 1992, in data 21 ottobre 2010 Giuseppe è stato sottoposto a visita dinnanzi alla commissione medica incaricata dall'INPS. Ad oggi non si conosce l'esito della domanda;

il 15 settembre 2010 sono iniziate le lezioni della scuola dell'infanzia e la madre, al fine di consentire al bambino di frequentare la scuola, ha dovuto prendere 10 giorni di congedo dal proprio lavoro, atteso che non era stata garantita alcuna assistenza né dal dirigente scolastico né dai servizi sociali del comune; nel mese di ottobre la sottoscritta ha chiesto la disponibilità ad effettuare i controlli glicemici ad una collaboratrice scolastica, la quale, dimostrando grande sensibilità e generosità, ha immediatamente acconsentito;

la suddetta collaboratrice ha, però, potuto farsi carico dell'incombente solo per una decina di giorni, in quanto il dirigente scolastico avrebbe inibito alla stessa e alla collega l'effettuazione dei controlli glicemici;

non essendogli assicurato il dovuto controllo dei valori glicemici, Giuseppe non ha potuto frequentare per alcuni giorni la scuola, ed è stato costretto a seguire i sottoscritti genitori nelle rispettive sedi di lavoro;

la classe di Giuseppe è frequentata anche da un'altra bimba diabetica, S., alla quale i controlli glicemici vengono effettuati dalla madre, che si reca quotidianamente nei locali della scuola e agli orari prescritti;

nei primi giorni del mese di novembre, su richiesta della sottoscritta, la mamma di S. ha acconsentito, con grande disponibilità, ad effettuare i controlli anche a Giuseppe;

da allora, la possibilità per Giuseppe di frequentare la scuola è condizionata dalla contemporanea presenza alle lezioni della compagna diabetica;

a metà novembre la madre, ritenendo inaccettabile l'idea di non poter garantire al bambino una regolare frequenza alla scuola e la conseguente socializzazione e integrazione con i bimbi della sua stessa età, ha rinnovato la richiesta di assistenza alla responsabile dei servizi sociali, prospettando la possibilità di avvalersi, per esempio, di una dipendente della cooperativa sociale operante nel paese;

a seguito della risposta non soddisfacente la madre comunicava l'intenzione di adire le vie legali e dopo qualche ora la responsabile dei servizi sociali avrebbe contattato telefonicamente i genitori comunicando loro di aver probabilmente trovato la soluzione;

il giorno seguente, essi si sono recati per l'ennesima volta negli uffici della responsabile dei servizi sociali, la quale ha segnalato loro le raccomandazioni del 2005 del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca e del Ministro della salute, contenenti «le linee guida per la definizione degli interventi finalizzati all'assistenza di studenti che necessitano di somministrazione di farmaci in orario scolastico», dicendo loro che avrebbe contattato il dirigente scolastico al fine di trovare una soluzione condivisa;

il giorno seguente, la predetta responsabile avrebbe comunicato che il dirigente scolastico avrebbe richiesto una richiesta formale da parte dei genitori;

con nota racc. a.r. in data 9 dicembre 2010, inviata al dirigente scolastico e, per conoscenza, alla responsabile dei servizi sociali, i genitori hanno rinnovato formalmente la richiesta di assistenza per Giuseppe, chiedendo, anche alla luce delle predette raccomandazioni, che il dirigente verificasse la disponibilità degli operatori scolastici in servizio presso l'istituto scolastico comprensivo di Jerzu, a garantire l'effettuazione dei controlli glicemici e l'eventuale somministrazione dell'insulina, e che, nell'ipotesi in cui non vi fosse alcuna disponibilità da parte del personale scolastico, il medesimo dirigente si attivasse, nell'ambito delle prerogative scaturenti dalla normativa vigente in tema di autonomia scolastica, al fine di individuare altri soggetti disposti ad effettuare le suddette operazioni;

con nota in data 15 dicembre 2010, asseritamente inviata per conoscenza anche ai servizi sociali del comune di Jerzu e al reparto di pediatria dell'ospedale di Lanusei, il dirigente scolastico ha comunicato che: «i collaboratori scolastici non hanno frequentato corsi di formazione che li abiliti a fare quanto richiesto;

nell'edificio della scuola dell'infanzia non esistono spazi attrezzati, stante la ristrettezza degli stessi, dove poter svolgere in sicurezza sia i controlli glicemici che la somministrazione dell'insulina», demandando ai servizi sociali e al servizio di pediatria il compito di individuare una figura professionale per svolgere il servizio richiesto;

a fronte di tale ennesimo diniego di assistenza, la madre ha evidenziato al dirigente scolastico la disponibilità degli operatori sanitari del reparto di pediatria dell'ospedale di Lanusei, in cui è seguito il bambino, a recarsi presso la scuola per fornire al personale docente e non docente informazioni sulla malattia e le istruzioni necessarie per eseguire in sicurezza i predetti controlli glicemici;

anche tale proposta non è stata accolta dal dirigente;

la madre si è, pertanto, recata in comune per conoscere le determinazioni della responsabile dei servizi sociali, ma il contatto non ha prodotto alcun risultato

-: come i Ministri interrogati ritengano che, alla luce della legislazione e delle direttive vigenti, debba essere rispettato, ed a cura di chi, il contemporaneo diritto di Giuseppe all'istruzione ed alla salute, e se non ritengano di dover impartire le opportune disposizioni affinché quel diritto sia tutelato dalle istituzioni competenti, non essendo pensabile che l'esercizio di esso sia condizionato alla disponibilità della madre di S. ed alla presenza di quest'ultimo nella scuola frequentata da Giuseppe, tenuto anche conto del fatto che S. l'anno prossimo lascerà la scuola dell'infanzia per frequentare la scuola primaria, per cui il «problema» dell'assistenza si ripresenterebbe comunque all'inizio del nuovo anno scolastico. (3-01442)


Fonte: www.camera.it - Atto Camera n. 3/01442

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 3368 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

Una nutrita schiera di associazioni e organizzazioni a tutela dei diritti civili della famiglia, a seguito...

07/04/2019 - 11:01
Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Il percorso del DDL Pillon in Parlamento si rivela meno facile di quanto non potesse sembrare. Anche...

15/09/2018 - 08:52
DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Un breve articolo compare il 15 aprile sul portale Studio Cataldi, sempre molto utile per dottrina ed...

13/04/2017 - 11:08
Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

Ieri sera in prima serata su Rai 2 nella trasmissione "Nemo – nessuno escluso", il Dott....

14/04/2017 - 21:20
Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Francesco D’Auria, Segretario nazionale Adiantum, lancia un appello a tutti i genitori...

19/03/2017 - 12:20
19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali

Interpellanza al Presidente del Consiglio, da parte del deputato Emanuele Scagliusi (M5S) in materia di...

21/11/2016 - 15:55
Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


C'è 1 solo commento


10.47  di venerdì 03/05/2013
scritto da  andrea schettino
salve, anche io con mia figlia ho il medesimo problema, vorrei sapere se a questo quesito vi è stata una risposta da parte dei nostri politici..grazie

andrea.schettino74@gmail.com


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584