Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Bambini, paracetamolo sotto accusa: uso precoce scatena asma e allergie

Area Medico Scientifica


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Bambini, paracetamolo sotto accusa: uso precoce scatena asma e allergie

11/12/2010 - 16.41

Asma e allergie potrebbero dipendere anche dall’assunzione di paracetamolo nei primi mesi di vita. Lo sostiene una ricerca neozelandese pubblicata su Clinical and Experimental Allergy 1, condotta su 1.500 bambini. Secondo gli studiosi dell’Otago University di Wellington (Nz), l’utilizzo precoce di farmaci a base di paracetamolo triplica le probabilità di diventare sensibili agli allergeni e raddoppia le possibilità di sviluppare sintomi dell’asma intorno ai sei anni.
Eppure il paracetamolo si usa tantissimo, non solo come antipiretico per la febbre sopra i 38 gradi, ma anche, e soprattutto, come antidolorifico. Il principio attivo è infatti alla base di moltissimi farmaci (circa 120), generici o ben noti come marchi commerciali. Lo contengono ad esempio prodotti come Tachipirina, Efferalgan, Zerinol, Tachifudec, Vicks medinait sciroppo, Neocibalgina, Buscopan e Actigrip, solo per citare i più conosciuti.

Per verificare gli effetti del farmaco sulla salute dei più piccoli, l’equipe coordinata da Julian Crane ha preso in esame quasi 1.500 bambini. Il campione è stato seguito per anni con uno studio prospettico; in questo modo i ricercatori hanno potuto indagare l’associazione tra consumo di paracetamolo nei primi mesi di vita e il rischio di sviluppare l’asma in età scolare. Per farlo hanno reclutato, tra il 1997 e il 2001, 1.105 donne in gravidanza in due centri della Nuova Zelanda, Christchurch e Wellington.

Una   volta nati, i loro figli sono stati controllati a tre mesi, a 15 mesi ed a sei anni di età. Le mamme, di volta in volta, compilavano questionari (sia nei centri di ricerca sia seguiti da personale medico) in cui rispondevano a domande sul consumo di paracetamolo e sulla prevalenza dei sintomi dell’allergia quali respiro sibilante, febbre da fieno, rinite ed eczemi, asma ed eruzioni cutanee. Quando i bambini hanno compiuto sei anni, i ricercatori li hanno sottoposti a test cutaneo per valutare la loro sensibilità ad alcuni dei principali allergeni locali: erba di segale, latte di vacca, peli di gatto e cane e crine di cavallo. Hanno raccolto dei campioni di sangue e hanno analizzato la presenza degli anticorpi IgE, quelli che aumentano in presenza di allergia.

“La scoperta principale  -  dice Julian Crane, autore dello studio – è che i bambini che a cui è stato somministrato il paracetamolo prima di aver compiuto 15 mesi hanno il triplo di probabilità in più di diventare sensibili agli allergeni e il doppio di probabilità in più di sviluppare a sei anni sintomi come asma e respiro sibilante”.

Le cause di questo collegamento non sono chiare e, secondo Crane, serviranno altre ricerche per fare luce su questo aspetto. Il dato certo, però, sono le evidenze che mostrano la correlazione tra infezioni polmonari e consumo di paracetamolo. “Il problema – dice il ricercatore – è che questo principio attivo è presente in molti farmaci per la cura del raffreddore e della tosse, e viene somministrato molto liberamente ai bambini piccoli”.

Non è la prima volta che studi clinici puntano il dito contro la somministrazione del paracetamolo nei bambini piccoli. Già nel 2008, su Lancet si consigliava 2 di moderarne l’uso durante i primi anni di vita, proprio perché aumentava il rischio di asma (rischio relativo 1,76), ma anche di rinocongiuntiviti (rischio relativo 1,78) e, in misura minore, di eczema (rischio relativo 1,54).

I ricercatori in quello studio retrospettivo avevano valutato 200mila bambini di 31 Paesi tra i sei e i sette anni. L’effetto era dose-dipendente. Un uso moderato, cioè una volta o più all’anno, comportava un rischio tutto sommato contenuto: 1,55 per l’asma, 1,37 per le rinocongiuntiviti e 1,26 per l’eczema. L’uso più frequente, invece, cioè una volta o più al mese, determinava un rischio molto più alto: triplicava nei primi due disturbi e raddoppiava per l’eczema.
 

Adele Sarno


Fonte: Adico - associazionedifesaconsumatori.it

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 3991 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Adolescenti e comportamenti inspiegabili, lo psichiatra: tutto normale

Repentini cambi di umore, improvvise variazioni di programma, dichiarazioni di eterne amicizie che...

23/09/2015 - 17:11
Adolescenti e comportamenti inspiegabili, lo psichiatra: tutto normale

Rapporto sul fumo in Italia: un adolescente su cinque fumatore abituale

In Italia fuma più di un adolescente su cinque: nella fascia d’età tra i 15 e i 24...

14/07/2014 - 12.01
Rapporto sul fumo in Italia: un adolescente su cinque fumatore abituale

Statistiche del servizio 114: le emergenze che non fanno rumore - di Sara Pezzuolo

Il servizio 114 Emergenza Infanzia svolge la sua azione di aiuto nell’ambito delle emergenze che...

01/03/2014 - 11.38
Statistiche del servizio 114: le emergenze che non fanno rumore - di Sara Pezzuolo

False denunce di abuso sessuale. Tipologie di costruzione della calunnia

Nel complesso e sofferto universo delle separazioni coniugali e della frequente conflittualità...

01/10/2013 - 22.46
False denunce di abuso sessuale. Tipologie di costruzione della calunnia

La simulazione di stalking nelle vicende di separazione - di Maria Bernabeo

Con la nascita di normative specifiche sul fenomeno stalking si inizia a registrare una preoccupante...

24/07/2013 - 17.00
La simulazione di stalking nelle vicende di separazione - di Maria Bernabeo

Confronto tra protocolli e linee guida in materia di affidamento dei figli

Nell’ambito della psicologia forense spesso gli psicologi sono chiamati ad occuparsi di consulenze...

17/06/2013 - 18.05
Confronto tra protocolli e linee guida in materia di affidamento dei figli


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Non ci sono ancora commenti


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2022 - Codice Fiscale: 97611760584