Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

On. Ministro Maria Rosaria Carfagna, le scrivo per dirle che.... - di Fabio Nestola

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


On. Ministro Maria Rosaria Carfagna, le scrivo per dirle che.... - di Fabio Nestola

16/11/2010 - 00.17

Seguendo con assiduità le Sue lodevoli  iniziative a partire dal primo giorno di mandato, non possiamo che esprimerle viva soddisfazione per i concreti risultati ottenuti .

L’introduzione del reato di stalking nel nostro ordinamento - art. 612 bis c.p. - costituisce, nel suo intento, una conquista civile dell’intera collettività; così come il centro di assistenza telefonica 1522 ed i diversi spot televisivi finalizzati a sensibilizzare la cittadinanza.

E’ con estremo rammarico, però, che notiamo una curiosa lacuna nel principio stesso di pari opportunità, ancora più curiosa nella misura in cui proveniente proprio dal Ministero per le Pari Opportunità

Il concetto di persona vittima di violenza non sembra appartenere al Suo Ministero, che preferisce contrastare la violenza solo qualora ne sia vittima un soggetto di genere femminile

Le operatrici del citato 1522, ad esempio, fino a qualche settimana fa non offrivano alcuna assistenza qualora chi denunciava di essere vittima di atti persecutori fosse un soggetto di genere maschile.

Gli spot televisivi, inoltre, lanciano un messaggio mistificatorio in quanto lasciano intendere che solo una donna possa essere vittima di stalking.

Postulato smentito dai dati relativi al primo anno di applicazione della norma, da Lei stessa divulgati, i quali dati testimoniano un 20% di vittime maschili per le quali non è stata prevista alcuna misura di sostegno.

Vittime alle quali il Ministero Pari Opportunità nega le Pari Opportunità; appare una vistosa contraddizione.

Abbiamo anche apprezzato le Sue dichiarazioni del luglio 2009, quando - invocando la parola d’ordine tolleranza zero – affermava, tra l’altro:  “(…) anche un solo atto di violenza contro una donna è troppo, e richiede una risposta ferma e dura delle istituzioni”(…).

Principio ineccepibile, come non condividere ?

Ci chiediamo e Le chiediamo, però, come mai un solo atto di violenza contro una donna richieda ferme e dure contromisure istituzionali, mentre il 20% della popolazione maschile può anche essere considerata carne da macello, non meritevole del minimo interesse politico, legislativo, assistenziale e mediatico.

Secondo i Suoi stessi dati il 20% delle vittime sono uomini, Onorevole Ministro, non lo 0,01%...

Ecco un altro aspetto degno di considerazione. È noto che gli uomini incontrino una maggiore difficoltà nel denunciare le violenze subite rispetto alle donne, per cui il sommerso maschile risulta essere enormemente superiore rispetto al pur considerevole sommerso femminile.

Quali sono le iniziative istituzionali per far emergere il sommerso ?

Se da un lato si sollecitano - doverosamente, aggiungiamo - le donne a denunciare, si incoraggiano, si sostengono, si forniscono strumenti quali case di fuga, centri antiviolenza e numeri telefonici di consulenza ed orientamento, dall’altro non esiste un solo centro di accoglienza per uomini vittime di violenza e non è prevista la benché minima iniziativa per sollecitare gli uomini a denunciare.  

Ne risulta un dato incontestabile: la donna che denuncia di aver subito violenza acquisisce lo status di vittima, l’uomo che denuncia acquisisce lo status di inetto.

Non viene percepito come vittima, è emarginato e discriminato a tutti i livelli, ad iniziare dal servizio antistalking 1522 che rifiutava le richieste di aiuto maschili, fino al primo impatto con il commissariato presso il quale la vittima maschile prova a sporgere denuncia, ove viene accolto di malavoglia, con sufficienza e spesso anche con umiliante derisione.

L’uomo che denuncia la violenza della propria compagna è spinto a vergognarsi di averlo fatto: è considerato un soggetto inadeguato, incapace di sbrigarsela da solo, magari reagendo alla violenza subita con una violenza uguale e contraria.

Sicuramente – speriamo voglia concordare – “picchia se vieni picchiato” non può essere una risposta istituzionale sostenibile.

Non sappiamo se ignorare le vittime maschili sia una strategia voluta o una dimenticanza fortuita, resta il fatto che il 20% costituisce solo la punta dell’iceberg di una violenza subita ben maggiore, che certamente (esattamente come è accaduto per le donne) emergerebbe in percentuali ancor più significative qualora esistesse un minimo incentivo istituzionale.

Il reato di stalking viene propagandato come una violenza di genere – pur non essendo affatto, dati alla mano, una esclusiva del genere maschile – mentre le sole ad essere realmente di genere sono le risposte istituzionali.

Forse non si vuole che le denunce maschili vengano incentivate ?

Forse disturba anche quel 20%, per cui non è il caso di incoraggiare l’outing che potrebbe portarlo al 40-50% ?

Senza avventurarci nel campo delle ipotesi, preferiamo rimanere rigidamente ancorati ai fatti.

Ed i fatti dicono questo: per la società civile è lecito aspettarsi che un Paese democratico prenda posizione contro ogni forma di violenza, a prescindere dal genere di autori e vittime.

Nessun organo istituzionale, ed in particolare il Ministero Pari Opportunità , dovrebbe operare discriminazioni.

Dovrebbero pertanto essere garantite pari opportunità di protezione dagli atti persecutori e dalle violenze in generale, a chiunque:

 

- alla donna perseguitata da un uomo

- alla donna perseguitata da una donna

- all’uomo perseguitato da una donna

- all’uomo perseguitato da un uomo

 

La propaganda ministeriale incentrata solo sulla prima tipologia di violenza, escludendo a priori le altre tre tipologie che possono esitare in altrettanto gravi conseguenze per i soggetti coinvolti, lascia un vuoto istituzionale gravissimo.


Fonte: Redazione - F. Nestola

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 7814 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

La pazienza è finita. Questa, in sintesi, la presa di posizione di numerose...

07/04/2019 - 14:53
26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Di ALESSIO CARDINALE* - Sono trascorsi ormai più di dodici anni dalla entrata in vigore della legge n....

15/09/2018 - 00:53
Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

È quanto riportano le agenzie: dall’inizio dell’anno sono 16 le donne sospese dal...

12/03/2018 - 11:09
Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

A leggere certa roba viene il voltastomaco. 

Ormai, nel dilagante...

09/08/2017 - 07:09
Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Oh, ecco com’è stata recepita dal Ministro la vibrante protesta AIAF.....Il MIUR riconosce che...

02/05/2017 - 13:34
AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

L’ISTAT pubblica un’analisi dei dati emergenti dalla giurisprudenza 2005/2015, ed ammette la...

11/04/2017 - 11:51
Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 13 commenti


18.40  di domenica 11/08/2013
scritto da  Fabio Nestola
novembre 2010 - sollecitavamo la Carfagna ad essere imparziale, o almeno provarci
agosto 2013 - lasci perdere, Carfagna, tanto li dentro siete tutti della stessa pasta

23.27  di domenica 12/12/2010
scritto da  giuseppe (Bologna)
Condivido le giuste e fondate osservazioni esposte con grande professionalità da Fabio. La cosa certa cara Ministra è dato dal fatto che Lei fa finta di non capire e consiste semplicemente dal fatto che se alle Pari Opportunità,non corrispondono le Pari Responsabilità, il sistema inevitabilmente si sbilancia.E questi sono ahimè i risultati....!!!!!

12.24  di sabato 20/11/2010
scritto da  Massimo Rosini
@Antonello:
non sarebbe ora di finirla con questa storia del presunto" debito storico" degli uomini della società patriarcale?
Prima del Patriarcato realizzatosi più o meno con l´avvento dell´agricoltura c´era il Matriarcato che sebbene non sia un patriarcato al femminile può però lo stesso essere invocato come un credito storico maschile, volendo ragionare in quest´ottica che ritengo, per usare una parola gentile del tutto idiota.
Ragionando in questi termini le donne avrebbero qualche migliaio di anni di debiti arretrati. Perciò lo dico a uomini e donne facciamola finita con i debiti "storici" o preistorici e vediamo di realizzare una società dove le persone sono valutate per ciò che sono e fanno e non per il sesso o altro.

09.00  di giovedì 18/11/2010
scritto da  vins

Cotanta ministra, ha semplicemente deciso di cercare il consenso tra le donne. Adottare provvedimenti equilibrati nei confronti di ambedue i generi, significherebbe per lei perdere molti consensi dal mondo femminile e acquistarne pochissimi dal mondo maschile.


19.13  di martedì 16/11/2010
scritto da  Roberto
Purtroppo è la realtà. Purtroppo dubito si otterrà una risposta dalla Ministra.
Purtroppo ha ragione Beatrice, su quote rosa, Tribunali, servizi sociali ecc...
Io stesso l´ho provato sulla mia pelle. Sono stato condannato a prescindere. In Italia dovrebbe esserci il principio che ogni cittadino è innocente fino a prova contraria. Quando inizia una causa di divorzio o affidamento, non vale. L´uomo è colpevole fino a prova contraria e molto spesso anche dopo aver provato la propria innocenza. Ricordo ancora la faccia schifata con cui mi guardava l´assistente sociale che indossava un bella Kefiah. A come insinuava e come giustificava la mia ex, negando anche l´evidenza e volendo farmi passare per il solito maschio geloso (mai stato in vita mia ahimè). Ricordo e non dimentico.


1 - 2 - 3


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584